Tortu e la lezione di vita per i runner: ‘La tosse non c’entra un cazzo’

di Cesare Monetti

10″08 e 100 metri per darci una lezione di vita. E’ stato Filippo Tortu ieri sera, il velocista che qualche settimana fa ha battuto il primato italiano di Pietro Mennea che resisteva da decenni sfondando il muro dei 10″ e portando il nuovo limite a 9″99.

Ieri sera nella finale del Campionato Europeo di atletica nei 100 meri a Berlino non ha fatto il miracolo, Tortu non ha vinto. Ma questo già lo si sapeva, solo chi segue l’atletica superficialmente poteva pensare ad una medaglia d’oro. Forse il bronzo era possibile, forse, si sperava, si poteva fare ‘un garone’ e magari stampare un 9″98. Non è successo niente di tutto questo. Tortu non ha brillato, ha fatto una gara onesta ma non è esploso nella fase lanciata, la sua arma migliore. E’ stato comunque bravo e diciamocela tutta, se solo 3 mesi fa ci avessero detto che un italiano avrebbe fatto 10″08 in una finale europea ci avremmo messo la firma tutti. Lui, il padre allenatore, la federazione, i giornalisti, i tifosi tutti. Poi le cose sono cambiate in questi mesi, il ragazzino sardo ha fatto capire di che pasta è fatto e ha piazzato tre gare di quelle giuste, record compreso illudendoci un po’. L’abbiamo tutti caricato di responsabilità e pressione, il suo ultimo periodo non deve essere stato semplice.

Ieri sera poi tra l’altro è stato sfortunato, perchè ha trovato la finale europea dei 100 più veloce di sempre, ha trovato due frecce inglesi là davanti davvero superlative. Tortu, sia chiaro, non ha sfigurato. Ha fatto il suo e di questo, delle emozioni che ci ha regalato possiamo solo ringraziarlo e incitarlo a dare sempre il meglio.

Ma dobbiamo ringraziarlo secondo me soprattutto per la lezione di vita che ci ha dato mentre ha parlato per 3 minuti in diretta ai microfoni Rai. La delusione sul suo volto e nelle sue parole era lampante. Ma il bello è che non ha trovato scuse, nossignori, nessuna scusa. Neanche quando dopo un colpo di tosse rimarcato dal gironalista Rai che gli ha detto: ‘La tosse ha inciso’ lui chiaro e netto: “La tosse non c’entra un cazzo”.

E poi ancora: “Sono molto amareggiato perchè era la gara più importante dell’anno e gli altri sono andati semplicemente più forte. Ho corso bene, ero rilassato ma è la prima bella batosta che prendo. Gli ultimi metri ho mollato ed è una cosa che non si fa. La delusione è tantissima, dovevo solo correre più veloce. Oggi non contava il tempo, ma vincere o prendere una medaglia. Non è stato così e sono proprio arrabbiato”.

Bravo Filippo. Così si fa.

Tu, poco più che ventenne, ci hai insegnato ancora una volta a noi runner amatori, a noi che ci fingiamo eroi ad ogni maratona che esistono le sconfitte e le delusioni e non serve inventare scuse. Invece spesso mentiamo a noi stessi con il ‘faceva caldo-faceva freddo-c’era la salita-non avevo l’integratore giusto-nessuno mi ha tirato i primi 40km-mi hanno lasciato solo gli ultimi 2km e altre diavolerie. Scuse insomma. Siamo da medaglia d’oro mondiale nel cercare scuse.

Ti dobbiamo qualcosa, quel tuo ‘La tosse non c’entra un cazzo’ deve essere per noi amatori appassionati un monito da portarci dietro nei lunghi allenamenti di tutto questo inverno. Niente scuse. E poi ancora il tuo ‘hanno corso più forte gli avversari’. Già, quante volte non pensiamo che qualcuno possa batterci…

A te…caro Filippo…un grazie e un ‘rialzati subito’. già per la staffetta 4×100 perchè l’Italia e i tuoi compagni contano su di te e per gli anni futuri. Una batosta serve, eccome se serve. Questa ti aiuterà a crescere, anche se dobbiamo dirlo, sei già grande.

 

 

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altre distanze Attualità Half Marathon Marathon Trail Ultramaratona
Una maratona a staffetta in squadra con Kipchoge o Bekele? Ora puoi, ecco come
LA BELLUNO-FELTRE RUN SI FERMA: ARRIVEDERCI AL 3 OTTOBRE 2021
GLOBAL RUNNING DAY: BROOKS VIRTUAL 5 KM
PROACTION PRESENTA: MAGNESIO E POTASSIO E RICARICA
A Milano ENERVIT viaggia veloce con GLOVO!
Voglia di dolce ma sano? Torta di carote e frutti esotici
FASE 2: Come dimagrire? Ripartiamo dalla prima colazione!
CORE STABILITY , PROPRIOCETTIVITA’ E TECNICA DI CORSA PER MIGLIORARE LA PRESTAZIONE
PROGETTO NEOFITI ACEA RUN ROME THE MARATHON MARZO 2021 – FISSA IL TUO OBIETTIVO
CORSA, BENESSERE E PRESTAZIONE
GLI EFFETTI DELLA PANDEMIA SUI COMPORTAMENTI DEGLI SPORTIVI IN EUROPA
1^ Edizione Valtellina Vertical Tube Virtual Race by HOKA – COMPRESSPORT
Grande spettacolo al via l’11 giugno, Impossible Games: top Kenya vs top Norvegia
SCEGLI LA TUA GARA FIRMATA TDS DELL’8 MARZO
I risultati di tutte le gare TDS dell’1 marzo
Abbigliamento Accessori Calzature
BV Sport presenta il suo team di ambassador 2020
Dryarn® per l’underwear tecnico – funzionale di Under Shield®
NEW BALANCE PRESENTA LA NUOVA COLLEZIONE FUELCELL CON IL MODELLO FUELCELL TC
Entra nell’esclusivo Mainova Frankfurt Marathon Club
Mattoni Olomouc Half Marathon, l’abbiamo corsa per voi. Questo il giudizio…
Mancano 20 settimane alla Maratona di Francoforte, le prime curiosità
Mancano 154 giorni, è ora di iniziare a pensare alla Maratona di Francoforte
Runtoday VIP/Huawei Venicemarathon è con Maria Colantuono
#pastaparty è con Jhay per Huawei Venicemarathon Runtoday VIP
Stefano Baldini, 15 anni fa l’ORO olimpico ad Atene. Video
#Pastaparty intervista Costantin Bostan: in stampelle sulle strade del Passatore. E non solo!