UNA FESTA DA 2000 RUNNER PER LA MEZZA MARATONA D’ITALIA

 L’ideatore Giorgio Calcaterra: “Ringrazio tutti per essere venuti qui in autodromo di Imola a correre, è stata una grande festa”

IMOLA – Runner in posizione di massima aerodinamicità contro il vento per mantenere la velocità massima, verrebbe da dire, per la prima edizione de La Mezza Maratona d’Italia che si è corsa oggi all’Autodromo Enzo e Dino Ferrari a Imola. La gara ideata dal tre volte campione mondiale di ultramaratona 100km Giorgio Calcaterra si è rivelata un autentico successo di partecipazione e di entusiasmo. Sole e sorrisi, vento e fotografie per i circa 2mila iscritti nelle tre distanze che hanno corso nel tempio della Formula 1 tra la mitica curva Rivazza, le varianti alta e bassa, le Acque Minerali, la Tosa e la Piratella. Nomi che fanno venire brividi sulla pelle solo a sentirli, correre in un autodromo è un’esperienza rara e La Mezza Maratona d’Italia è l’unica half marathon che si corre interamente in pista.

IL CAMPIONE – Semaforo verde alle 12.21 in punto come previsto e vittoria per il giovanissimo, diciannovenne, Abdelhamid Ez Zahidy, categoria Junior, in 1h14’10”. Suo il primo nome nell’albo d’oro di questa gara che ha dimostrato di avere tutte le carte in regola per divenire una consuetudine irrinunciabile nel panorama podistico italiano e non solo: “Corro da soli sei mesi – fa sapere un festeggiatissimo Ebdel sul traguardo – Questa è la mia prima vera mezza maratona. Giocavo a calcio, non ero il più veloce ma senz’altro il più resistente, tutti mi dicevano sempre che dovevo fare atletica. Così eccomi qui. Una gara non facile, le due salite con il vento in faccia sono state difficili, soprattutto ripeterle per quattro giri. Sono stato in seconda o terza posizione un po’ staccato fino a metà dell’ultimo giro, poi sono riuscito a sorpassare chi era in testa”.

CALCATERRA – E chi era al posto di comando a quel momento è Matteo Pio Notarangelo che ha provato a conquistarsi la vittoria partendo forte fin dal primo giro. Suo il secondo posto in 1h14’56”, mentre la medaglia di bronzo va all’uomo del giorno, acclamatissimo, Giorgio Calcaterra che ha tagliato il traguardo in 1h15’08”: “E’ stata una gara vera fino in fondo, le salite si sono fatte sentire soprattutto con il vento forte di oggi. Perdevo terreno in salita dai primi, poi li recuperavo nei rettilinei in piano. Ma di come sia andata a me è relativamente importante, quel che mi fa davvero piacere è questo clima di festa e di gioia che si respira fin da ieri mattina quando è stato aperto il Villaggio Expo. Quando ho ideato questa gara sognavo fosse così e così è stato. Una vera festa del running, tutto con molta semplicità e cordialità. Correre in autodromo è fantastico, c’è silenzio, non ci sono incroci ed auto, non diamo fastidio a nessuno in città e sulle strade, qui e tutto per noi. E’ stato fantastico e ringrazio tutti per aver accolto il mio invito ed essere venuti qui oggi a correre con me”. ‘Re’ Giorgi Calcaterra ha poi effettivamente quasi ringraziato tutti personalmente perché si è messo a consegnare le medaglie ad ogni arrivato. La fila che si è formata è stato il simbolo dell’affetto dei runner per questo grande campione.

LE DONNE – Successo al femminile che porta il nome della romana Pamela Gabrielli in 1h25’52”: “Un vento che ha disturbato molto la gara oggi, sono partita forte ma sono stata costretta a rallentare il ritmo che mi ero prefissa di 4’00” al chilometro. Però una gara e un’atmosfera davvero unica qui in autodromo. Lavoro in negozio di Giorgio, Calcaterra Sport e ho iniziato a correre sei anni fa, per scommessa feci subito una maratona senza neanche troppo allenamento”. Seconda posizione del podio per Ilaria Guasparri in 1h26’49”, mentre completa il podio Francesca Bravi in 1h27’31”. Quattro giri dell’half marathon anche per Marina Graziani, ex velina ma soprattutto madrina dell’evento che ha concluso la gara con il sorriso in 1h48’33”.

Va così in archivio la prima edizione de La Mezza Maratona d’Italia che ha visto tantissimi partecipanti fin dal primo start delle 9.30 del mattino con la Rds Family Run 5km e alle 10.30 con la 10km non competitiva, due giri, e come detto l’half marathon competitiva.

4 Comments

  1. Giovanni 30/10/2017
    • Cesare Monetti 30/10/2017
      • Giovanni 30/10/2017
        • Cesare Monetti 30/10/2017

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altre distanze Attualità Half Marathon Marathon Trail Ultramaratona
Vacanze Romane #smart il nuovo evento di ‘Iovedodicorsa’
Eliud Kipchoge correrà la Virtual Lewa Safari Marathon Challenge per salvare gli animali
Morto Carlo Durante, atleta paralimpico dal curriculum straordinario
A Milano ENERVIT viaggia veloce con GLOVO!
Voglia di dolce ma sano? Torta di carote e frutti esotici
FASE 2: Come dimagrire? Ripartiamo dalla prima colazione!
Ripartenza, come calibrare le energie
CORE STABILITY , PROPRIOCETTIVITA’ E TECNICA DI CORSA PER MIGLIORARE LA PRESTAZIONE
PROGETTO NEOFITI ACEA RUN ROME THE MARATHON MARZO 2021 – FISSA IL TUO OBIETTIVO
CORSA, BENESSERE E PRESTAZIONE
GLI EFFETTI DELLA PANDEMIA SUI COMPORTAMENTI DEGLI SPORTIVI IN EUROPA
SCEGLI LA TUA GARA FIRMATA TDS DELL’8 MARZO
I risultati di tutte le gare TDS dell’1 marzo
SCEGLI LA TUA GARA FIRMATA TDS DELL’1 MARZO
I risultati di tutte le gare TDS del 22 e 23 febbraio
Abbigliamento Accessori Calzature
Dryarn® per l’underwear tecnico – funzionale di Under Shield®
NEW BALANCE PRESENTA LA NUOVA COLLEZIONE FUELCELL CON IL MODELLO FUELCELL TC
SCARPA® ACCELERA SUL TRAIL RUNNING: MARCO DE GASPERI NUOVO BRAND MANAGER
Entra nell’esclusivo Mainova Frankfurt Marathon Club
Mattoni Olomouc Half Marathon, l’abbiamo corsa per voi. Questo il giudizio…
Mancano 20 settimane alla Maratona di Francoforte, le prime curiosità
Mancano 154 giorni, è ora di iniziare a pensare alla Maratona di Francoforte
Runtoday VIP/Huawei Venicemarathon è con Maria Colantuono
#pastaparty è con Jhay per Huawei Venicemarathon Runtoday VIP
Stefano Baldini, 15 anni fa l’ORO olimpico ad Atene. Video
#Pastaparty intervista Costantin Bostan: in stampelle sulle strade del Passatore. E non solo!