QUANTO CONTA L’APPOGGIO DEL PIEDE NEL RUNNING?

C’è chi appoggia il tallone, chi l’avampiede, chi corre su asfalto, chi offroad… ma esiste l’appoggio perfetto? Secondo gli esperti no…

Oltre alle ripetute, alle sessioni di stretching ed al fartlek, fondamentale per migliorare la performance del runner è il corretto appoggio del piede, spesso causa anche di noiosi quanto dolorosi infortuni che colpiscono gambe e schiena. Quando si corre, o si cammina, si produce sì un’energia positiva, ma si è anche alla mercé di un’energia negativa che risale lungo tutto il corpo alla velocità di circa 120 chilometri all’ora: e così un decimo delle vibrazioni arriva fino al ginocchio, un ventesimo fino al bacino ed un trentesimo fino addirittura alla cervicale.

QUANDO SI CAMMINA l’appoggio del tallone determina un impatto tra l’80 ed il 100 per cento del proprio peso corporeo, QUANDO SI CORRE, invece, l’energia negativa ‘di rimbalzo’ è dalle tre alle cinque volte quella che si produce camminando: per questo motivo,

10k di corsa equivalgono a circa 40k di camminata.

TALLONE O AVAMPIEDE? Di fatto secondo una serie di studi medici e sportivi, i podisti che appoggiano per primo il tallone sono tra il 65 ed il 75 per cento, mentre tra il 25 ed il 35 per cento sono, invece, quelli che appoggiano l’avampiede.

Di fatto correre sui talloni è molto più traumatico!

ESISTE UN APPOGGIO ‘CORRETTO’? La risposta è no, non esiste un appoggio del piede universalmente considerato il migliore, anche perché numerosi studi hanno dimostrato che

chi corre sull’avampiede sovraccarica meno le ginocchia, chi sul tallone sollecita meno le caviglie.

Più che l’appoggio in sé, quindi, è fondamentale prestare sempre ascolto al proprio corpo, interpretando i dolori ed i fastidi che si percepiscono durante gli allenamenti e, se necessario, valutare di ridurre per un periodo i chilometri o interrompere gli allenamenti: molto spesso, infatti, a

causare i problemi fisici maggiori non è l’appoggio, ma il sovrallenamento e la scarsa attenzione data a dolori e fastidi.

Va da sé che per ridurre i rischi a gambe e schiena sarebbe utile acquistare delle scarpe adatte al nostro modo di correre, magari (ma non necessariamente) completandole con delle solette, ed effettuare corse anche su altri terreni che non siano sempre e solo asfalto.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altre distanze Attualità Half Marathon Marathon Trail Ultramaratona
Acea Run Rome The Marathon, oggi si sarebbe dovuta correre la maratona
Sospesa la 10^ Jesolo Moonlight Half Marathon
VE LO DICO IO CHI SONO I RUNNER: 1500 MASCHERINE DONATE, BENESSERE, BENEFICENZA, PORTATORI SANI DI ECONOMIA TURISTICA E FELICITA’
Coronavirus “Covid-19”: come rafforzare il sistema immunitario
Sport e caffeina vanno d’accordo?
Allenare il sistema immunitario
Benessere mentale: le strategie tra sport e omega-3
RITMI GARA E INDICAZIONI ALLENAMENTO PER OGNI ESIGENZA E DISTANZA
ULTIME SETTIMANE DI RIFINITURA PRIMA DI ACEA RUN ROME THE MARATHON
Sabato 22 a Milano allenamento ‘Get Ready’ per Acea Run Rome The Marathon
UNA MEZZA MARATONA DA RECORD PER LA PRIMAVERA
SCEGLI LA TUA GARA FIRMATA TDS DELL’8 MARZO
I risultati di tutte le gare TDS dell’1 marzo
SCEGLI LA TUA GARA FIRMATA TDS DELL’1 MARZO
I risultati di tutte le gare TDS del 22 e 23 febbraio
Abbigliamento Accessori Calzature
X-Bionic® presenta la nuova linea running TWYCE®
Smart Working e Home Workout, prenditi cura delle tue gambe
Collezione SS 2020: Dryarn® per l’abbigliamento tecnico compressivo di Oxyburn
Entra nell’esclusivo Mainova Frankfurt Marathon Club
Mattoni Olomouc Half Marathon, l’abbiamo corsa per voi. Questo il giudizio…
Mancano 20 settimane alla Maratona di Francoforte, le prime curiosità
Mancano 154 giorni, è ora di iniziare a pensare alla Maratona di Francoforte
Runtoday VIP/Huawei Venicemarathon è con Maria Colantuono
#pastaparty è con Jhay per Huawei Venicemarathon Runtoday VIP
Stefano Baldini, 15 anni fa l’ORO olimpico ad Atene. Video
#Pastaparty intervista Costantin Bostan: in stampelle sulle strade del Passatore. E non solo!