PENSIONATO…TI BATTERO’

di Cesare Monetti

Te lo vedi lì in gara, 10 metri davanti a te, ingobbito e ingrigito nella testa e nei peli sul corpo, magro e smilzo, andatura quasi claudicante e spostato tutto sulla sinistra, le braccia quasi immobili, il passo piccolo ma veloce, poco reattivo ma efficace e non riesci a prenderlo. Niente da fare, ha settant’anni almeno o anche di più, tu ne hai 30, 40 di meno, ma niente da fare. Il pensionato te lo porti davanti fino al traguardo e ti batte. 10km, half o maratona che sia.

Non cede. Non molla. Non ha mai mollato. Silenzioso e mai domo.

Ha le scarpe vecchie e sporche, ci avrà fatto almeno 4-5mila chilometri ma vanno ancora bene e poi lui è nato durante la guerra, per lui non esiste buttare un paio di scarpe dopo tre mesi e ‘solo’ 800 km.

Ha la canottiera tecnica bianca ma un po’ ingrigita perchè l’ha comprata nel 2001 e c’ha fatto 92mila lavaggi, ha preso sole, vento, pioggia e neve. Tanto sempre e solo quella mette. Estate o inverno, la t-shirt termica ed il giubbino antivento in Gore-tex non l’ha mai sentito nominare. Al massimo la moglie che l’aspetta a casa a pranzo alle 11.45 con il risottino caldo gli ha preso una volta decine di anni fa al mercato un k-way color panna. Lui ogni tanto lo mette in vita con l’elastico quando esce per farla contenta e non sentirla sacramentare, ma nulla non gli va di sciuparlo a correre.

Non ha mai fatto una ripetuta, il progressivo ed il medio variato mai sentiti in vita sua, ha tendini d’acciaio e la sciatica che magicamente scompare appena inizia a correre. Ma è un ragazzino dentro, è felice e sa che sta meglio di tanti suoi coetanei che entrano ed escono dagli ospedali.

E corre. Più di te. Più di me. Sempre e comunque. Salita o discesa sempre la stessa velocità. Costante. Un metronomo, senza gps, ovviamente.

Ogni mattina alle 9 va al parco dopo che ha accompagnato i nipotini a scuola, 10-15 km, tutti i santi giorni tranne il sabato che deve fare la spesa o accompagnare la moglie (quella del k-way) dalla parrucchiera. Sono 75km la settimana più la ‘tapasciata’ o la gara la domenica, si sfiorano i 90-100km come nulla. E niente stretching che quelle cose lì che arrivano dagli americani sono boiate.

E certo che non lo batti. E’ duro come il marmo, secco come un chiodo, rapido quanto basta per prendersi gli applausi e gridare al microfono dello speaker di turno che è un classe ’38.

Raramente usa i ristori, al massimo un po’ d’acqua,  e poi lui c’era. Sì sì c’era. Alla prima Stramilano nel ’72 quando si corse di notte, c’era alla prima edizione della Maratona più antica d’Italia, quella del Mugello, con 40 e passa edizioni, di Passatori da 100km ne ha messi in bacheca a decine, Venezia che ha trent’anni ne ha collezionate quasi la metà. Indossava scarpe dure come il legno, mica come quelle di oggi goffe e pesanti. Usa il cappellino di lana della Patrick preso quando andò a sciare a Caspoggio nel ’79 abbinati ai guanti in ‘pile’ rossi, i pantaloncini da running belli alti in vita e d’inverno al massimo l’olio canforato per scaldarsi. Massaggi e fisioterapia? Mai fatti, al massimo i fanghi a giugno ad Abano Terme.

Ce n’è a centinaia, così come donne-pensionate sullo stesso stile che però hanno sempre il marsupio bello grosso e pieno anche quando corrono messo sul fianco o dietro. Perchè una signora può anche correre, ma dietro deve avere tutto l’occorrente. Le donne hanno le gambettine fini e smilze, il passo felpato e rasente tutto tacco-punta e niente spinta. Epperò sono anche loro sempre li davanti a te. Che si tratti di una 24 ore o di una super veloce 7km serale estiva. Passano dai 7′ al km al 4’15” con disinvoltura. Niente sudore. Niente fiatone. Forse in tempo di guerra quando si partoriva non si dotavano i bambini di tutte queste cose. C’era da pensare alla fatica e alla fame e alle bombe da evitare.

Di sicuro quelli che nascevano in tempo di guerra però sono duri e puri per davvero, hanno tanto da insegnarci, soprattutto che spesso anche correndo ci circondiamo di cose inutili e superflue, dettagli che alla fine sono ininfluenti o basterebbe cercare di resistere un po di più. Soffrire un po’ di più. E questo forse renderebbe la nostra corsa ancora più bella, avvincente e con qualche incognita in più che ci renderebbe se non altro almeno un po’ più ‘svegli’.

La faccia non so descrivervela, ho sempre visto solo la schiena, sempre e solo dietro, sempre e solo ad inseguire…

 

2 Comments

  1. francesco 23/10/2015
  2. A. 23/10/2015

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altre distanze Attualità Half Marathon Marathon Trail Ultramaratona
Una maratona a staffetta in squadra con Kipchoge o Bekele? Ora puoi, ecco come
LA BELLUNO-FELTRE RUN SI FERMA: ARRIVEDERCI AL 3 OTTOBRE 2021
GLOBAL RUNNING DAY: BROOKS VIRTUAL 5 KM
PROACTION PRESENTA: MAGNESIO E POTASSIO E RICARICA
A Milano ENERVIT viaggia veloce con GLOVO!
Voglia di dolce ma sano? Torta di carote e frutti esotici
FASE 2: Come dimagrire? Ripartiamo dalla prima colazione!
YOGA E PILATES: I BENEFICI PER I RUNNER
CORE STABILITY , PROPRIOCETTIVITA’ E TECNICA DI CORSA PER MIGLIORARE LA PRESTAZIONE
PROGETTO NEOFITI ACEA RUN ROME THE MARATHON MARZO 2021 – FISSA IL TUO OBIETTIVO
CORSA, BENESSERE E PRESTAZIONE
1^ Edizione Valtellina Vertical Tube Virtual Race by HOKA – COMPRESSPORT
Grande spettacolo al via l’11 giugno, Impossible Games: top Kenya vs top Norvegia
SCEGLI LA TUA GARA FIRMATA TDS DELL’8 MARZO
I risultati di tutte le gare TDS dell’1 marzo
Abbigliamento Accessori Calzature
BV Sport presenta il suo team di ambassador 2020
Dryarn® per l’underwear tecnico – funzionale di Under Shield®
NEW BALANCE PRESENTA LA NUOVA COLLEZIONE FUELCELL CON IL MODELLO FUELCELL TC
Entra nell’esclusivo Mainova Frankfurt Marathon Club
Mattoni Olomouc Half Marathon, l’abbiamo corsa per voi. Questo il giudizio…
Mancano 20 settimane alla Maratona di Francoforte, le prime curiosità
Mancano 154 giorni, è ora di iniziare a pensare alla Maratona di Francoforte
Runtoday VIP/Huawei Venicemarathon è con Maria Colantuono
#pastaparty è con Jhay per Huawei Venicemarathon Runtoday VIP
Stefano Baldini, 15 anni fa l’ORO olimpico ad Atene. Video
#Pastaparty intervista Costantin Bostan: in stampelle sulle strade del Passatore. E non solo!