Le braccia durante la corsa

pro5

Le braccia sono fondamentali per l’equilibrio durante la deambulazione e quindi nella corsa in genere. L’azione delle braccia è condizionata dai muscoli e articolazioni che costituiscono l’arto superiore e mobilizzano la spalla, il braccio, l’avambraccio e la mano. Il movimento del corpo umano, e quindi delle braccia , è dato da un’azione sinergia di diverse muscoli che vengono messi in azione, muscoli che si contraggono (agonisti) e muscoli che si allungano (muscoli antagonisti). Ad esempio, se fletto il braccio il muscolo bicipite (anteriore del braccio) si contrae , mentre il muscolo tricipite (posteriore al braccio) si allunga per permettere un movimento regolare e controllato. Da queste breve dissertazione si capisce come il movimento delle braccia in corsa è condizionato da una serie di fattori:

  • Dalla posizione del capo, se il capo è troppo pronunciato in avanti creerà tensione ai muscoli posteriori e laterali del collo, la quale tensione si trasmettere alle spalle e quindi alle braccia, il tutto porterà a una non scioltezza muscolare durante la corsa con eccessivo consumo di energia;
  • Dalla scioltezza muscolare/articolare del cingolo scapolo/omerale: se la parte superiore della spalla, quindi del cingolo scapolo/omerale è troppo tesa per eccessivo carico muscolare, eventualmente causato da un potenziamento (muscoli deltoidi) con i pesi in palestra, e da una scarsa elasticità, questa condizione non permetterà una corsa fluida e redditizia;
  • Dalla scioltezza della mani: se quando corriamo abbiamo le mani troppo chiuse, e quindi strette si creerà tensione che si ripercuoterà sull’avambraccio e quindi sul braccio propriamente detto;
  • Dal posizionamento delle stesse braccia: se le braccia sono troppo flesse verso il busto creeranno molta tensione e non agevoleranno una corsa fluida e redditizia, inoltre non si troverà un ottimo assetto di corsa naturale.

Analizzando la posizione delle braccia in corsa si può affermare che le braccia dovrebbero avere un apertura naturale dell’angolo avambraccio/braccio tenendo presente che le mani/polsi dovrebbero sfiorare le creste iliache, cioè direzione del bacino. Un apertura ulteriore dell’angolo avambraccio/braccio costituirebbe una posizione non naturale del movimento umano, allo stesso tempo un angolo avambraccio/braccio troppo chiuso creerebbe tensione alle spalle con spreco eccessivo di energia e con una corsa alquanto macchinosa e con poca scioltezza. Come abbiamo pocanzi accennato è fondamentale che tutti i muscoli che caratterizzano la parte superiore del corpo sia flessibile e poco muscolose. Avete sicuramente visto correre qualche soggetto che svolge attività in palestra con i pesi utilizzando carichi eccessivi, e nel momento in cui li vedi correre sembrano “tutto d’un pezzo”, proprio perché la loro massa muscolare e la loro poca elasticità non gli permette di avere una corsa fluida e redditizia. Quindi il consiglio per un assetto corretto e redditizio delle braccia è lavorare sulla posizione corretta delle braccia non tralasciando l’elasticità delle strutture che costituiscono l’arto superiore e il busto. Bisogna ricordarsi che il nostro corpo umano è una macchina perfetta e complessa, la risultanza di numerose connessioni, di conseguenza anche il movimento della corsa è caratterizzato da un interconnessione ed equilibrio di diverse strutture anatomo/funzionale.

Buona corsa!

Ignazio Antonacci

logo runningzen con nome[34]

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altre distanze Attualità Half Marathon Marathon Trail Ultramaratona
Brooks: Al via il programma #RunHappyAtHome
Ministro Sport: A Maggio potremmo ripartire, pronti 50milioni
La ColleMar-athon si conferma Maratona dei Valori
Coronavirus “Covid-19”: come rafforzare il sistema immunitario
Sport e caffeina vanno d’accordo?
Allenare il sistema immunitario
Benessere mentale: le strategie tra sport e omega-3
POTENZIAMENTO INDOOR A CIRCUITO E NON SOLO
RITMI GARA E INDICAZIONI ALLENAMENTO PER OGNI ESIGENZA E DISTANZA
ULTIME SETTIMANE DI RIFINITURA PRIMA DI ACEA RUN ROME THE MARATHON
Sabato 22 a Milano allenamento ‘Get Ready’ per Acea Run Rome The Marathon
SCEGLI LA TUA GARA FIRMATA TDS DELL’8 MARZO
I risultati di tutte le gare TDS dell’1 marzo
SCEGLI LA TUA GARA FIRMATA TDS DELL’1 MARZO
I risultati di tutte le gare TDS del 22 e 23 febbraio
Abbigliamento Accessori Calzature
ASICS INNOVATION SUMMIT DIVENTA VIRTUALE PER CONOSCERE TRE SCARPE RIVOLUZIONARIE
X-Bionic® presenta la nuova linea running TWYCE®
Smart Working e Home Workout, prenditi cura delle tue gambe
Entra nell’esclusivo Mainova Frankfurt Marathon Club
Mattoni Olomouc Half Marathon, l’abbiamo corsa per voi. Questo il giudizio…
Mancano 20 settimane alla Maratona di Francoforte, le prime curiosità
Mancano 154 giorni, è ora di iniziare a pensare alla Maratona di Francoforte
Runtoday VIP/Huawei Venicemarathon è con Maria Colantuono
#pastaparty è con Jhay per Huawei Venicemarathon Runtoday VIP
Stefano Baldini, 15 anni fa l’ORO olimpico ad Atene. Video
#Pastaparty intervista Costantin Bostan: in stampelle sulle strade del Passatore. E non solo!