Mondiali Montagna gli azzurri in Galles

_DM_7462 copiaSabato 19 settembre a Betws y Coed, in Gran Bretagna, si assegnano i titoli iridati. Bernard Dematteis guida un agguerrito team maschile e sfida i favoritissimi Ugandesi.

Campionati Mondiali di corsa in montagna, edizione numero 31. Sabato 19 settembre a Betws Y Coed, in Gran Bretagna, si assegnano i titoli iridati 2015 con 17 azzurri in gara, fra cui 10 uomini e 7 donne, compresi 7 juniores.
LA SQUADRA AZZURRA – IL SITO DELLA MANIFESTAZIONE  IL PERCORSO – Il percorso si snoda a Betsw, sulle suggestive colline gallesi, nello stesso scenario – sede già di classicissime della specialità come la Snowdon di Llamberis – che pochi giorni fa ha ospitato la rassegna master. Il circuito è nervoso, di 4,2 chilometri per 250 metri di dislivello ad ogni giro. Ne sono previsti tre per gli uomini, due per le donne e gli under20 maschili e uno per le juniores. Il terreno, come hanno provato sulla propria pelle i master qualche giorno fa, diventa facilmente fangoso, una caratteristica che potrebbe rivelarsi determinante per l’esito delle gare. Per le cerimonie di apertura e premiazioni ci si sposta invece sul mare, a Llandudno.
UOMINI – La gara che chiude il programma parte alle 14.00. Uganda favoritissimo.    Negli ultimi due anni ha vinto tutto il possibile, colonizzando i podi individuali: si presenta con il campione del mondo Kriprop e Joshua-Mongusho. Bernard Dematteis, capitano azzurro già oro europeo, è stato l’unico capace di sfidarli, non riuscendo però mai a salire sul podio. Ci riproverà anche quest’anno, trovando nei compagni di squadra alleati preziosi. Al via ci sono infatti altre individualità importanti come il gemello Martin Dematteis, Xavier Chevrier e Alex Baldaccini. Nel complesso un quartetto che per maturità e tecnica incute timore a chiunque, sostenuto anche da Luca Cagnati e Alessandro Rambaldini. Fra gli avversari manca l’Etiopia, ma attenzione ai britannici agguerritissimi (con Robbie Simpson davanti a tutti), e soprattutto determinati a mettere la freccia a livello continentale, all’americano  Joe Gray e ai turchi. Al fango il verdetto.
_MG_7259 copiaDONNE – Una gara tutta da gustare (13:00). L’Uganda è la squadra da battere e schiera fra le altre Stella Chesang, iridata tra le junior un anno fa a Casette di Massa. Fortissime anche britanniche e americane, al via con squadre solide e dalle individualità spiccate. Due nomi a testa: Morgan Arritola (bronzo 2012, impressionante ai Trials statunitensi) e Kasie Enman (oro 2011) da oltreoceano, Sarah Tunstall ed Emma Clayton in rappresentanza  regno Britannico.    Per, Clayton, a podio sia ai mondiali che agli europei, potrebbe essere la volta buona per un titolo, spinta dal pubblico di casa. In chiave italiana l’iridata 2013 Alice Gaggi correrà con la maratoneta Ivana Iozzia e Samantha Galassi più la debuttante ai Mondiali Sara Bottarelli. Ricambio importante dunque, visto che mancano diversi dei nomi storici – e più vincenti – della specialità. Ripetere nel futuro prossimi i fasti del passato è difficile, ma l’obiettivo è riaprire un ciclo.
JUNIOR UOMINI – Davide Magnini, già capace di mettersi in mostra da allievo, guida una selezione agguerrita composta da Alberto Vender, Luca Ventura e Luca Cantoni. Sognare non è vietato, ma bisognerà dare prova di intelligenza e carattere. I turchi sono favoritissimi (l’Uganda ha già dato forfait) ma dovranno fare i conti con i padroni di casa – che sapranno sfruttare il fattore fango – e, si spera, proprio con gli azzurrini. Il via alle 12:00.
 JUNIOR DONNE – Si parte alle 11.15. La categoria è quella che in passato ha riservato meno soddisfazioni ai colori azzurri, ma in Galles si presenta una squadra in crescita composta da Roberta Ciappini, Giulia Zanne e Alessia Zecca. Valtellina e Brescia dunque, per arrampicarsi fra i primi cinque team al mondo.  Fra le iscritte non ci sono squadre africane al via e allora i favori del pronostico vanno a tedesche, inglesi ed americane, con le ceche nel ruolo di outsider.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altre distanze Attualità Half Marathon Marathon Trail Ultramaratona
Rinviato il Giro podistico Internazionale di Castelbuono
La Maratona di Monaco non sarà di 42km. Ecco come sarà lo start di 12mila partenti
Evangelii Gaudium, storia di una staffetta sull’Etna – di Pasquale Castrilli
10 consigli per correre con il caldo
Assimilazione degli zuccheri: ecco come cambia la chimica del cervello
PROACTION PRESENTA: MAGNESIO E POTASSIO E RICARICA
A Milano ENERVIT viaggia veloce con GLOVO!
TRIFITNESS: DAL RUNNING AL TRIATHLON
I 7 vantaggi e benefici per chi corre e fa Jogging
GLI INFORTUNI NELLA CORSA E COME PREVENIRLI
AtleticaViva Online: Chiappinelli e il jump rope workout
Geoffrey Kamworor è il più veloce del NN Running Global Virtual Relay
1^ Edizione Valtellina Vertical Tube Virtual Race by HOKA – COMPRESSPORT
Grande spettacolo al via l’11 giugno, Impossible Games: top Kenya vs top Norvegia
SCEGLI LA TUA GARA FIRMATA TDS DELL’8 MARZO
Abbigliamento Accessori Calzature
La bandana-mascherina di ‘Iovedodicorsa’: che stile!
TRAIL RUNNING: tre modelli DYNAFIT per diversi modi di interpretare il trail
HOKA ONE ONE lancia Clifton Edge, punto d’arrivo dell’innovazione tecnologica del brand
Entra nell’esclusivo Mainova Frankfurt Marathon Club
Mattoni Olomouc Half Marathon, l’abbiamo corsa per voi. Questo il giudizio…
Mancano 20 settimane alla Maratona di Francoforte, le prime curiosità
Mancano 154 giorni, è ora di iniziare a pensare alla Maratona di Francoforte
Runtoday VIP/Huawei Venicemarathon è con Maria Colantuono
#pastaparty è con Jhay per Huawei Venicemarathon Runtoday VIP
Stefano Baldini, 15 anni fa l’ORO olimpico ad Atene. Video
#Pastaparty intervista Costantin Bostan: in stampelle sulle strade del Passatore. E non solo!