IVANA DI MARTINO RIESCE NELL’ IMPRESA E COMPLETA LA SUA REXIST RUN

ivana di martino 2Ivana Di Martino ce l’ha fatta: la runner non professionista, la donna senza paura, ha vinto la sua sfida con le gambe e soprattutto con il cuore e, in 8 giorni, ha corso oltre 700 km, attraversando l’Italia da Ovest a Est, dalla Francia alla Slovenia. Rexist Run –Ultramarathon ha dimostrato ancora una volta come l’unico valido antidoto al vivere sia resistere all’esistenza, sottolineando la forza delle donne e diventando lei stessa testimonianza attiva del coraggio femminile.

Un’impresa – partita da Ventimiglia il 10 di maggio e arrivata a Muggia il 17 maggio, dopo aver toccato 9 città (Finale Ligure, Camogli, Borgo Val di Taro, Viadana, Legnago, Spinea, Lignano Sabbiadoro) e 5 regioni – che si è rivelata fin da subito un vero e proprio viaggio dentro se stessa. Un viaggio dentro le ferite di una donna che, chilometro dopo chilometro, ha attraversato in profondità tutto l’essenza della sua vita. L’esaltazione iniziale della partenza è stata presto sostituita dalla consapevolezza dello sforzo immane che stava affrontando e dal timore di non riuscire a portarlo a termine. L’idea stessa del viaggio e il piacere della compagnia del suo team unita allo stupore dei paesaggi mozzafiato che stava attraversando, lasciava spazio allo sconforto e al timore di non essere all’altezza, insieme ai sensi di colpa per gli affetti lasciati a casa, al ricordo bruciante di quelli non presenti, insieme alle ferite non ancora rimarginate degli eventi dolorosi degli ultimi tempi.

Resistere. Quindi. Al caldo torrido e inaspettato. Al dolore al tendine che ha fatto temere il peggio e che, a Viadana, ha costretto Ivana a una sosta forzata al Pronto Soccorso. Paura ma anche svolta. Il male fisico ha curato quello dell’anima facendo venire a galla tutti i nodi e ridando nuova linfa, nuova energia e nuove consapevolezze, forti e intense e che hanno accompagnato Ivana fino a Muggia, nella tappa della serenità, della vittoria, della resa di tutti i demoni e del trionfo della resilienza. Con la sua impresa Ivana non solo ha sfidato e vinto un record assoluto ma ha dimostrato ancora una volta come le donne possano sempre trovare una forza invincibile dentro di loro per superare ogni traguardo. E come la corsa possa servire per ricominciare ogni volta e ottenere qualsiasi cosa.

Ivana non ha corso da sola. La sua mamma, dal cielo, l’ha accompagnata insieme alle migliaia di sostenitori che l’hanno seguita nel percorso e al grande cuore di Dynamo Camp, Associazione Onlus di cui è Ambasciatrice, il primo Camp di Terapia Ricreativa in Italia che ospita gratuitamente bambini e ragazzi con patologie gravi e croniche per periodi di vacanza e di svago.

Rexist Run: perché esistere è resistere, superare ogni ostacolo, affrontando sempre nuove avventure che aiutino a diventare sempre più forti, scoprendo di poter fare cose che non si pensava di poter fare.

Per info il sito è www.rexistrun.it
Il blog dell’impresa di Ivana è: http://rexistrun.gazzetta.it

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Attualità Half Marathon Marathon Trail Triathlon Ultramaratona
E’ record mondiale donne per la RAS AL KHAIMAH HALF MARATHON. Praticamente un uomo…
Acea Run Rome The Marathon, siamo a 10.000 iscritti. Primo traguardo raggiunto
Venicemarathon e i tutti i suoi eventi sempre più green!
Freelifenergy
Benessere mentale: le strategie tra sport e omega-3
L’IMPORTANZA DI ALIMENTAZIONE E INTEGRAZIONE POST ALLENAMENTO
Proaction presenta Life Raw Bar
Abbigliamento Accessori Calzature
World Athletics stabilisce nuove regole sulle scarpe da running
X-BIONIC® e DRYARN®: L’INNOVAZIONE VESTE GLI APPASSIONATI
BUON COMPLEANNO ADRENALINE! BROOKS INVITA I RUNNER A COSTRUIRE LA SCARPA DEL FUTURO
#pastaparty
Runtoday VIP/Huawei Venicemarathon è con Maria Colantuono
#pastaparty è con Jhay per Huawei Venicemarathon Runtoday VIP
Stefano Baldini, 15 anni fa l’ORO olimpico ad Atene. Video