AVON RUNNING TOUR 2012

A favore dello IEO il ricavato della Corsa delle Donne
per migliorarne la qualità di vita in caso di tumore al seno
L’intero ammontare delle iscrizioni alla tappa milanese di Avon Running, in programma domenica, sarà destinato alla Fondazione Istituto Europeo di Oncologia,
a favore di un progetto di ricerca che ha come obiettivo un approccio conservativo, in linea con i precetti del professor Veronesi.
Ce lo chiarisce il dottor Oreste Gentilini di IEO, responsabile dello studio denominato SOUND

Nel quadro della diagnostica e della terapia del carcinoma alla mammella, in fase iniziale, ci sono interessanti prospettive, che muovono dalle indagini dell’Istituto Europeo di Oncologia, recentissimo attivatore di uno studio per migliorare la qualità della vita delle donne affette dal tumore al seno, grazie a un intervento più conservativo. Ne ragioniamo con il dottor Oreste Gentilini, vicedirettore Divisione Senologica di IEO, responsabile del programma SOUND e coordinatore del lavoro di tutte le divisioni cliniche di IEO coinvolte, dalla Senologia alla Radiologia Senologica, dall’Anatomia Patologica alla Medicina Nucleare. Senza dimenticare che lo studio SOUND vede partecipi numerosi altri centri in tutta Italia. Alla ricerca concorreranno 1.500 donne affette da tumore al seno in fase iniziale.
Un aiuto concreto verrà dal ricavato delle iscrizioni di migliaia di donne (al momento sono oltre 9.000 le iscritte, ma la cifra è destinata a salire in questi ultimi tre giorni) che parteciperanno alla quarta e ultima tappa di Avon Running Tour, in programma domenica a Milano, il cui intero ricavato sarà devoluto a favore di FIEO e della ricerca in questione. “Lo studio in corso, iniziato a febbraio – racconta Gentilini – nasce da un’esigenza e da una precisa domanda. Siamo conviti che sia possibile un cambiamento di valutazioni perché l’investigazione di un carcinoma della mammella può essere diversa. Procediamo nella direzione da tempo indicata dal professor Umberto Veronesi. Il senso dell’indagine è cercare, attraverso la diagnostica per immagini, non altro che il presente e il futuro dell’oncologia, soluzioni più favorevoli per la donna con carcinoma alla mammella, soluzioni alternative alla rimozione dei linfonodi ascellari. Se questi risultano clinicamente negativi in base alla valutazione ecografica e alle altre procedure di imaging diagnostico, questo consentirà di mantenerli, in luogo di asportarli chirurgicamente dal cavo ascellare per sottoporli a biopsia. Si potrebbe evitare l’intervento chirurgico, certamente poco invasivo, ma che sottopone chi lo subisce se non a rischi quantomeno a complicanze. In un caso si opera, nell’altro no”.
Non un trattamento curativo bensì una semplice indagine suppletiva, non invasiva.
“Proprio così, si tratta di un indagine di imaging diagnostico, non una procedura terapeutica”.
Come si sviluppa lo studio?
“In modo semplice, è uno studio di confronto, con due gruppi, il primo dei quali subisce il “linfonodo sentinella, così è detto in termine clinico, il secondo che lo evita. L’obiettivo è migliorare la qualità della vita delle donne con carcinoma alla mammella mantenendo identiche possibilità di guarigione, senza interventi invasivi”.
Vediamo ora i dati oncologici di riferimento. “Il tumore al seno vede ogni anno 35/40 mila nuovi casi, purtroppo in aumento, anche se i risultati sono incoraggianti: l’indagine consente le diagnosi precoci, o comunque permette di farsi carico di tumori in fase iniziale, con migliorate possibilità di guarigione”.
Dal canto suo Marco Agnelli, Direttore Generale di FIEO, valuta che una prima tranche di questa ricerca, per la necessità di borsisti che la supportino (un senologo, un radiologo senologico e un fisioterapista oltre alle Divisioni di IEO coinvolte) comporti un budget di 150 mila euro, di cui buona parte verrà dal ricavato di Avon Running tappa di Milano. “Lo dico con molta riconoscenza, il nostro rapporto con Avon data ormai dieci anni, nel corso dei quali l’azienda, attraverso le sue varie iniziative filantropiche, ha donato quasi 3 milioni di euro che hanno coperto la realizzazione di ben 13 progetti di ricerca. Non c’è molto da aggiungere”.
In realtà vanno aggiunte, ma ve ne daremo conto per tempo, le opportunità legate al mese della lotta al tumore, fissato come ogni anno in ottobre, con le iniziative specifiche di IEO in merito al carcinoma alla mammella.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altre distanze Attualità Half Marathon Marathon Trail Ultramaratona
Vacanze Romane #smart il nuovo evento di ‘Iovedodicorsa’
Eliud Kipchoge correrà la Virtual Lewa Safari Marathon Challenge per salvare gli animali
Morto Carlo Durante, atleta paralimpico dal curriculum straordinario
A Milano ENERVIT viaggia veloce con GLOVO!
Voglia di dolce ma sano? Torta di carote e frutti esotici
FASE 2: Come dimagrire? Ripartiamo dalla prima colazione!
Ripartenza, come calibrare le energie
CORE STABILITY , PROPRIOCETTIVITA’ E TECNICA DI CORSA PER MIGLIORARE LA PRESTAZIONE
PROGETTO NEOFITI ACEA RUN ROME THE MARATHON MARZO 2021 – FISSA IL TUO OBIETTIVO
CORSA, BENESSERE E PRESTAZIONE
GLI EFFETTI DELLA PANDEMIA SUI COMPORTAMENTI DEGLI SPORTIVI IN EUROPA
SCEGLI LA TUA GARA FIRMATA TDS DELL’8 MARZO
I risultati di tutte le gare TDS dell’1 marzo
SCEGLI LA TUA GARA FIRMATA TDS DELL’1 MARZO
I risultati di tutte le gare TDS del 22 e 23 febbraio
Abbigliamento Accessori Calzature
BV Sport presenta il suo team di ambassador 2020
Dryarn® per l’underwear tecnico – funzionale di Under Shield®
NEW BALANCE PRESENTA LA NUOVA COLLEZIONE FUELCELL CON IL MODELLO FUELCELL TC
Entra nell’esclusivo Mainova Frankfurt Marathon Club
Mattoni Olomouc Half Marathon, l’abbiamo corsa per voi. Questo il giudizio…
Mancano 20 settimane alla Maratona di Francoforte, le prime curiosità
Mancano 154 giorni, è ora di iniziare a pensare alla Maratona di Francoforte
Runtoday VIP/Huawei Venicemarathon è con Maria Colantuono
#pastaparty è con Jhay per Huawei Venicemarathon Runtoday VIP
Stefano Baldini, 15 anni fa l’ORO olimpico ad Atene. Video
#Pastaparty intervista Costantin Bostan: in stampelle sulle strade del Passatore. E non solo!