MARATONA DI ROTTERDAM: MOSOP PER IL RECORD DEL MONDO E VALERIA STRANEO PER UN RUOLO DA PROTAGONISTA

Una gara dalle grandi attese quella che domenica,nella seconda parte della mattina,ci attende da Rotterdam.Uno dei percorsi piu veloci al mondo ci regalerà una gara vibrante dove sono garantite prestazioni cronometriche di rilievo mondiale.
Percorso estremamente veloce per una gara maschile che negli ultimi 4 anni non ha mai visto la vittoria sopra i 2h06′ in campo maschile e sotto i 2h27′ tra le donne.
Velocissimi e indimenticabili i record del percorso con il mitico 2h20’47 della immensa Tecla Lorupe nel 1997 e quel 2h04’27” risoltosi con un incredibile sprint nel 2009 tra i keniani Duncan Kibet e James Kwambai.
Le news principali dalla gara olandese le riceveremo dal cronometro che sicuramente,come detto,ci regalerà grandi emozioni.
Con una vena di patriottismo diamo precedenza alle donne dove la nostra Valeria Straneo parte alla ricerca di quella prestazione che le possa garantire la maglia azzurra in maratona alle Olimpiadi.Dopo il 2h26’33 la maratoneta piemontese proverà a migliorarsi ulteriormente:una concretizzazione di questo progresso potrebbe permetterle di lottare per la vittoria della gara visto il cast delle partenti decisamente abbordabile dove sembrano sulla carta superiori a lei solamente le etiopi Tiki Gelana e Merima Hasem.
Gara maschile costruita invece attorno ad un dichiarato tentativo di record del mondo da parte di Moses Mosop,record annunciato in esclusiva lo scorso inverno proprio dal suo coach Renato Canova ai nostri microfoni.
Concrete a nostro avviso le sue possibilità di centrare il bersaglio visto anche il biglietto da visita di quel 2h03’06 con cui arrivò secondo.
Con lui saranno in gara i compagni di allenamento Sammy Kitwara e Peter Kirui,il primo all’esordio in maratona e il secondo alla seconda esperienza sulla distanza dopo aver fatto da lepre a Kipsang a Francoforte e poi finire la prova in un incredibile 2h06’31.Quasi sicuro che la gara si risolverà tra questi tre keniani vista anche la poca consistenza degli atleti etiopi in gara.
Siamo in grado,in esclusiva per l’Italia,di anticiparvi il comportamento tattico di Mosop grazie alle dichiarazioni del suo allenatore Renato Canova:”Saranno tre le lepri ufficiali e si tratta di John Mwangangi nella prima parte,al quale subentrerà Jonathan Mayo (2h04’56” a Dubai lo scorso Gennaio) fino al 27esimo sicuramente con buone probabilità di arrivare anche al 32esimo con l’obiettivo di passare al 25esimo piu veloci di Makau a Berlino.Il giovane Geoffrey Kipsang sarà con lui a fare il lavoro per garantire fino al 32esimo un ritmo effettivamente elevato per Moses.Voglio che i ragazzi riescano a correre 29’10 ogni 10k.Questo passaggio ai 10k vorrà dire 2h03’e poco all’arrivo.Speriamo solo che il meteo sia a nostro favore e soprattutto il vento non ci penalizzi particolarmente.”
Allacciate le cinture…grandi tempi in maratona sono in arrivo!!!
ALBERTO STRETTI

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Attualità Half Marathon Marathon Trail Triathlon Ultramaratona
Che ritorno: Gelindo Bordin sulle strade di Boston, 30 anni dopo
Alla mezza di Siviglia Eyob Faniel trionfa con 60:44
Nadia Battocletti e Yeman Crippa tra i migliori alla 88^ Cinque Mulini
Freelifenergy
Proaction presenta Life Raw Bar
Come allenarsi per dimagrire dopo le feste
Periodizzazione dell’allenamento e gestione del periodo di off season, anche nell’alimentazione: ecco cosa devi sapere!
Abbigliamento Accessori Calzature
BUON COMPLEANNO ADRENALINE! BROOKS INVITA I RUNNER A COSTRUIRE LA SCARPA DEL FUTURO
New Balance introduce la nuova piattaforma Fresh Foam X
X-BIONIC lancia la linea Invent, migliora la performance, offre compressione muscolare e termoregolazione
#pastaparty
Runtoday VIP/Huawei Venicemarathon è con Maria Colantuono
#pastaparty è con Jhay per Huawei Venicemarathon Runtoday VIP
Stefano Baldini, 15 anni fa l’ORO olimpico ad Atene. Video