Mainova Frankfurt Marathon: Valary Aiyabei pensa che sia un percorso da primato del mondo

Puoi avere talento fisico come atleta ma sarà sufficiente? Chi ama l’atletica probabilmente ricorderà la citazione di Sebastian Coe al tempo in cui era un agonista (attualmente è il presidente della IAAF) che alla domanda “Qual è l’arma più importante del tuo arsenale atletico?” rispose “I primi nove pollici”. Il suo punto di vista era quello che conta nella testa. Ed è così che è diventato due volte campione olimpico nei 1500 m e detentero del record.

La keniana Valary Aiyabei, vincitrice della Mainova Frankfurt Marathon e detentrice del primato su questo percorso, ha certamente talento fisico. Ha corso in 2:19:10, nei primi 5 km in 15:38, a ritmo dell’attuale primato del mondo, cosa che aveva generato una proiezione di 2:12. Alla domanda “ma perché ti sei staccata così presto?” Valary Aiyabei ha risposto “Sono partita subito perchè mi sono detta che poi avrei resistito pur rallentando”. Questa risposta sembrerebbe provenire da un novizio della maratona, cosa che sicuramente Valary non è. La vittoria di Francoforte arriva nella sua terza maratona dell’anno, dopo il terzo posto a Nagoya in Giappone alle 2:23:01 all’inizio di marzo, seguita dalla vittoria del titolo Eldoret sul terreno di casa con 2:27:19 a fine aprile.

Da una successiva intervista, quando era ormai rilassata, è apparso evidente che Aiyabei si sia ispirata pensando al primato di Brigid Kosgei, che ha limati di 81 secondi il record mondiale di Paula Radcliffe, ormai in piedi da 16 anni. L’impressione che Valary Aiyabei ha dato a Francoforte è stata che ci sono altre donne, naturalemente particolarmente talentuose, che possono seguire le orme della Kosgei: “Il record del mondo è possibile, se ti alleni bene e ti concentri sulla gara, tutto è possibile. Penso che sia possibile perché quando stavo eseguendo quelle divisioni per completare la gara nel tempo di 2:14, mi sentivo a mio agio. ”   Ed ancora, “Il mio piano era quello di gestire un PB ormai fermo a 2:20:53” da oltre due anni, quando aveva ottenuto il terzo posto a Berlino. Valary Aiyabei ha rilasciato un’altra dichiarazione, esprimendo la sua gioia per l’accoglienza dei fan di Francoforte: “Credo che il record mondiale delle donne possa essere battuto qui. Sì, e penso di potercela fare! “La Mainova Frankfurt Marathon dell’anno prossimo si svolgerà il 25 ottobre.

La giornata ha portato anche buone notizie per le due donne europee di spicco, entrambe hanno centrato comodamente il tempo per le qualifiche olimpiche. La britannica Steph Twell è finita al vertice europeo all’ottavo posto con un impressionante record personale di 2:26:40, migliorando di quasi quattro minuti nella sua seconda maratona. Ha anche battuto il record di maratona scozzese durato 22 anni di Liz McColgan, che ha corso 2:26:52 nel 1997 a Londra. “Sì, sento di essere molto più una maratoneta maratona ora“, ha detto Stephanie Twell. Anche la tedesca Katharina Steinruck ha fatto grandi progressi centrando il personale di 2:27:26 per raggiungere il tempo di qualificazione per Tokyo: “È stata una grande gara per me e mi sono sentito davvero bene. Ho centrato lo standard per le olimpiadi di ben due minuti e più,. Spero che questo sia sufficiente per essere convocata”.

Fonte: Press Release Mainova Frankfurt Marathon – INFO

Foto: Mainova Frankfurt Marathon / Norbert Wilhelmi



Lascia un commento

Freelifenergy
Lo sport è scienza con equipeenervit.com
I vantaggi della capillarizzazione nello sport
Corsa e metodo brucia grassi
#pastaparty
Runtoday VIP/Huawei Venicemarathon è con Maria Colantuono
#pastaparty è con Jhay per Huawei Venicemarathon Runtoday VIP
Stefano Baldini, 15 anni fa l’ORO olimpico ad Atene. Video