Orrore al Campionato Ita 10km. IL VIDEO e le testimonianze: niente campana, ressa, transenne per bloccare gli atleti, giri sbagliati e ambulanze…

di Cesare Monetti

Un pasticcio la gara di Canelli di domenica 8 settembre valida per il Campionato Italiano 10km su strada.

E’ accaduto tutto quello che non doveva accadere, con l’azzurro Pietro Riva a riportare le conseguenze più gravi che rimane steso a terra dopo esser caduto in partenza ed essere stato calpestato. LEGGI QUI

Da quanto recepiamo un’organizzazione dell’evento davvero pessima e ci si domanda come la Fidal possa demandare totalmente questi eventi istituzionali senza verificare prima che vi siano le condizioni e le capacità organizzative. Se l’atletica non cresce e poco vinciamo a livello internazionale è anche per questo.

L’atleta Claudio Marzorati tra i tanti presenti e protagonisti della gara ha così manifestato ieri sera sui social il suo disappunto. Ecco come è andata e cosa ha scritto:

“Oggi va in scena quello che nessuno vorrebbe mai vedere a una manifestazione podistica: il caos e la disorganizzazione più totale!
Non c’è stata una cosa che sia filata liscia per l’organizzazione… ma partiamo per gradi
– camera di chiamata: tavolino di 1 m per fare la spunta a circa 500 atleti in un cono che è diventato un imbuto poco dopo; impossibile controllare gli atleti e indirizzarli nella parte di percorso giusta anche perché molti si ritrovano a dover portare i documenti richiesti in auto (come il sottoscritto)


– partenza h 10.35: tutti gli atleti erano sparsi lungo il rettilineo di partenza e ci facevano fare avanti e indietro dalla linea di partenza, fin quando dopo più di 30’ ci incanalano e ci fanno partire, stretti come le sarde tra mille rischi (in più la prima curva a destra era poco più avanti e molto stretta) .. l’effetto è quello domino, molti cadono e si fanno male tant’è che al secondo giro l’ambulanza blocca la gara piazzandosi in centro strada per soccorrere il malcapitato Pietro Riva.

 
– gara bloccata dopo 3.5 km e nessuno sapeva/diceva cosa fare, finché non ci siamo improvvisati tirando una transenna sul percorso per bloccare gli atleti .. non ci dicono nulla sicché dopo 15’ decidiamo che la gara è finita e ci mettiamo a fare allenamento facendo un altro giro .. al termine del nostro giro ci avvertono che avrebbero rifatto la gara alle 12.


– nuova partenza 12 (12.15 in realtà): molti se ne son andati oppure hanno continuato fuori gara prima)…chi è rimasto si è ritrovato a fare una 10 km con tipo 12 km nelle gambe 🙄 di cui alcuni di gara .. alla fine si parte e arriviamo senza più intoppi 


– donne invece? Figuriamoci se potesse andare bene…Morale della favola le gambe non stavano poi così male, peccato averne messi troppi prima della gara vera .. chiudo con 34.21 (alla fine ho fatto quasi 14 km di gara se conto quelli di prima, direi ottimo allenamento per la mezza)”.

Quindi alla gara femminile cosa è accaduto? C’è da dire che in tutte le gare…mancava la campana ad indicare l’ultimo giro, obbligatori lo ricordiamo in una gara del genere.

Da varie testimonianze in rete problemi anche nella gara Allieve da 6km: gara fermata un giro prima per errore, tutte che si sono fermate per poi scoprire il grave errore e farle ripartire così…come se nulla fosse accaduto falsando totalmente la gara che sarebbe stata da annullare. 

Nella gara donne Assoluta, vinta dalla Maraoui, donne che pensavano di aver conlcuso ma che invece fanno 500 metri in più, dopodichè ci si accorge che sì davvero il loro era l’ultimo giro e quindi classifica stilata in base all’ultimo passaggio sul traguardo senza che avessero fatto la volata.

Un’altra testimonianza di chi era presente recita così:

“…Senza griglie amatori sgomitavano davanti e professionisti erano dietro a cento altri atleti allo sparo in una partenza stretta. La spinta arrivata da dietro, ha fatto cadere i primi, e dopo 3 km i giudici hanno stoppato la gara. Poi dopo un ora han deciso di farli ripartire, creando disagio agli atleti, alcuni non sono più partiti, altri si sono ritirati durante la competizione, c’è che é partito persino senza pettorale, e si é ritirato. All’arrivo non c’era nemmeno la fettuccia tricolore! Nella gara delle donne le prime han fatto quasi un giro in più perché non avevano la campanella per segnalare l’ultimo giro, quindi le prime non han fatto la volata, sono andate avanti e le hanno poi stoppate e han fatto la classifica prendendo i tempi.”

“…Un ragazzino della categoria junior si é lussata una spalla ha dovuto aspettare un’ora l’ambulanza perché sul posto c’è n’era solo una ed era già occupata…”

“…Nella gara Allieve lo speaker ha annunciato la volata, mancava ancora un giro, così chi era al comando si é fermata, ma le han detto di proseguire e alla fine é arrivata settima. L’allenatore ha fatto ricorso a fine gara, così tutte le gare sono partite in ritardo…”

Si ringrazia ‘Il mezzofondiere’ per il video prodotto che riportiamo:

Lascia un commento

Freelifenergy
Ferro con Vitamina C Matt: ridurre la stanchezza e l’affaticamento è facile come bere un bicchiere d’acqua
Il recupero e la regola delle 4 R
Utilizzare la menta per combattere il caldo e migliorare la performance
#pastaparty
#pastaparty è con Jhay per Huawei Venicemarathon Runtoday VIP
Stefano Baldini, 15 anni fa l’ORO olimpico ad Atene. Video
#Pastaparty intervista Costantin Bostan: in stampelle sulle strade del Passatore. E non solo!