Taxi nella notte, è falsa la 100km di Asolo?

di Cesare Monetti

(ASOLO) – Polemiche, supposizioni, interrogativi, accuse. Ci risiamo, nel magico mondo ‘ultra’ le cose continuano a non funzionare. O forse per i magici runner ultra funzionano al meglio, dipende quindi dai punti di vista.

Ma visto che ‘noi normali’ siamo la maggioranza, visto che in tutte se non quasi tutte le gare ‘normali’ le cose funzionano bene ecco che gli sbagliati non siamo noi ma sono ‘loro’. Loro e le loro gare di ultramaratona.

Ma cosa è successo?

Accade che sabato si è corsa la 100km di Asolo, una delle più difficile e dure 100km d’Europa, dove si combatte tra il caldo asfissiante del giorno che poi va in contrasto con la notte e il freddo che arriva con il passare delle ore, in parcolare al km 50 con il passaggio in quota ai 1800 metri slm al freddo del Monte Grappa. La salita è tanta, impossibile correre per chiunque, top runner compresi, per alcuni tratti. La pendenza è davvero tosta.

La gara non è veloce, scordatevi il personal best della 100km, qui bisogna partire e gestire al meglio fino alla fine.

Accade che ancora una volta diverse posizioni in classifica non sembrano davvero reali e possibili, si moltiplicano le voci dove si dice che questa o quello hanno tagliato o hanno avuto un passaggio in auto.

Diverse persone con insistenza dicono di aver visto salire e scendere partecipanti dalle auto come fossero taxi nella notte.

Altimetria della difficile ed impegnativa 100km di Asolo ultramarathon

Non ci siamo insomma. Siamo daccapo. Ogni 100km, ogni ultra, siamo qui a discutere. La classifica ufficiale parla solo del tempo finale, nessun intermedio, nemmeno a metà gara, al fatidico 50esimo km. Nelle maratone normali si rilevano i passaggi al 10km, alla mezza maratona, al 30km, al 40km. Qui no. Nelle 100km, nelle ultramaratone, niente di niente mai. Sempre tutto aleatorio, uno potrebbe davvero partire, imboscarsi dopo 5km e fare gli ultimi 5km 10 o 12 ore dopo. 10 km di corsa, 90km in relax al bar ad attendere. E poi gioire sul podio per una vittoria e dichiararsi figo super figo su facebook.

Perchè mai non si riesce ad avere qualcosa di concreto?

Perchè mai ci si ostina a non elevare la qualità organizzativa e a rimanere in questo orrendo limbo di scadente, scadentissima qualità?

Perchè nessun passaggio intermedio ogni 10km che potrebbe di molto migliorare la nitidezza e veridicità della gara?

Perchè far rimanere qualsiasi vittoria, qualsiasi podio, qualsiasi posizione nel dubbio più totale?

Nella 100km di sabato ad Asolo sono sicuramente accadute brutte cose, soprattutto nelle primissime posizioni. Forse non avremo mai le prove di questo sabato, ma un giorno chi si ostina a barare verrà beccato in flagrante e il tonfo sarà ancora più grande.

La gara sembra sia totalmente falsata, per il momento le voci, le malelingue, i messaggini che arrivano sono eclatanti e sembrano corrispondere a verità. Chi ha la coscienza sporca lo sa e poco si potrà vantare, il suo risultato per tanti è in dubbio.

Come è possibile infatti che una persona che stiamo seguendo da un po’ in una maratona fa tempi medi, diciamo normali, nelle gare ultra a giro, tipo le 6 ore, dove tutto è più controllato fa semplici allenamenti con ritmi blandi e tempi/percorrenze modesti. Invece poii appena si arriva nelle gare così, senza possibili e veri controlli, dove per tante ore si corre nel buio della notte ed in solitaria…ecco che arrivano le super prestazioni, con tempi finali che non corrispondono ad altre prestazioni nelle gare sopradette. Sarà che la notte…fa più fresco e si corre più veloce…

E comunque la persona è ‘segnata’. Anche se un giorno i suoi risultati saranno veritieri, se un giorno diventasse davvero e realmente forte, nessuno le crederebbe mai. Un ‘taglione’ è per sempre insomma…un po’ come chi fa uso di doping. Per sempre il suo nome sarà accostato al doping…

Sarà che il magico mondo ultra ha tanto, tantissimo, da imparare e da farsi perdonare.

9 Commenti

  1. Gabriele 22/07/2019
    • Cesare Monetti 22/07/2019
  2. mauro firmani 22/07/2019
    • Cesare Monetti 22/07/2019
      • Mauro firmani 22/07/2019
  3. mauro firmani 22/07/2019
  4. Vito 22/07/2019
    • mauro firmani 22/07/2019
  5. Valter 22/07/2019

Lascia un commento

Freelifenergy
Periodizzazione dell’allenamento e gestione del periodo di off season, anche nell’alimentazione: ecco cosa devi sapere!
Lo sport è scienza con equipeenervit.com
I vantaggi della capillarizzazione nello sport
#pastaparty
Runtoday VIP/Huawei Venicemarathon è con Maria Colantuono
#pastaparty è con Jhay per Huawei Venicemarathon Runtoday VIP
Stefano Baldini, 15 anni fa l’ORO olimpico ad Atene. Video