Kipchoge ha deciso: sub 2 ore al Prater di Vienna. Un laser lo guiderà

E’ cambiata la location, inizialmente identificata nel Battersea di Londra, ma non la sfida ed il suo principale protagonista, Eliud Kipchoge sarà al via con l’obiettivo di chiudere una maratona sotto le 2 ore, ufficialmente il progetto è nominato: Ineos 1:59.

Dopo diverse analisi, così come già accaduto in occasione del tentativo svoltosi a Monza nel 2017 (e fallito per soli 25 secondi), la sede più adatta è stata identificata in un circuito di 9.6 km (due rettilinei da 4.3 km) lungo l’Hauptallee (su due rettilinei da 4.3 km), la lunga strada alberata che divide il parco Prater di Vienna, con curve a 180° poste al Lusthaus e al Praterstern. Si pensa, infatti, che si possa creare una complicità tra la temperatura perfetta del mese di Ottobre e una condizioni climatica ideale dovuta al “polmone verde”.

Come a Monza Kipchoge potrà avvalersi di lepri e ristori volanti, di un raggio laser colorato proiettato a terra che detterà il ritmo e di un’auto con protezioni che lo isolerà e riparerà dal vento. In caso di successo, quindi, il primato non potrà essere omologato, ma la suggestione non viene certo meno e, a differenza di quanto accaduto a Monza quando tutto fu quasi top secret, è prevista la presenza del pubblico.  Il recordman del mondo sulla Maratona Kipchoge (2h01’39”) ha dichiarato “quel che più mi entusiasma è che potrà esserci molto pubblico. Potrà trasformarsi in un evento storico…”. 

Lascia un commento

Freelifenergy
Utilizzare la menta per combattere il caldo e migliorare la performance
Come combattere il caldo e incrementare la prestazione negli sport di endurance
La Psicologia dello Sport e la teoria dei Marginal Gains
#pastaparty
#Pastaparty intervista Costantin Bostan: in stampelle sulle strade del Passatore. E non solo!
Come alimentarsi durante la preparazione ad un evento sportivo
Il video della Milano Marathon: riviviamo le emozioni in 1 minuto