Catherine Bertone, c’è una possibilità per i Mondiali di Doha

E’ un problema che si è già trovata ad affrontare altre volte, Catherine Bertone, 47enne pediatra in servizio all’Ospedale di Aosta, che chiede un po’ di tempo per preparare la Maratona dei Mondiali di Doha, in programma a fine settembre. La Bertone, infatti, rischia di non potersi allenare a causa della carenza di medici in grado di sostituirla e per questo settimana scorsa aveva annunciato la sua rinuncia all’avvenuta convocazione da parte del ct della Nazionale La Torre per i mondiali di Doha di questo autunno.

Il caso ha suscitato tante polemiche, la Bertone ha classe cristallina, nonostante l’età è in grado di produrre risultati atletici d’eccellenza, un vero fiore all’occhiello per la Nazionale italiana di atletica. E così si sono iniziati a muovere i poteri forti. Finalmente. “Qualcosa si è mosso – ha spiegato l’assessore regionale alla sanità, Mauro Baccega, al termine di una riunione sul caso – e stiamo cercando medici per coprire i turni della Bertone”. A rendere necessaria una preparazione ancora più specifica è il fatto che la Maratona di Doha si correrà di notte e con 40 gradi cosa che, spiega Catherine Bertone, la spinge ad “iniziare l’allenamento intensivo al massimo a metà luglio”. Sarebbe un peccato se Catherine non potesse partecipare in quanto ai Mondiali è anche in palio la qualificazione per Tokyo 2020, un pass che potrebbe, in alternativa, conquistare alla maratona di Valencia.

Foto: Colombo/FIDAL

Lascia un commento

Freelifenergy
Ferro con Vitamina C Matt: ridurre la stanchezza e l’affaticamento è facile come bere un bicchiere d’acqua
Il recupero e la regola delle 4 R
Utilizzare la menta per combattere il caldo e migliorare la performance
#pastaparty
#pastaparty è con Jhay per Huawei Venicemarathon Runtoday VIP
Stefano Baldini, 15 anni fa l’ORO olimpico ad Atene. Video
#Pastaparty intervista Costantin Bostan: in stampelle sulle strade del Passatore. E non solo!