Eleonora Giorgi vittoria e record europeo 50 km: “Ho superato tante sconfitte”

Foto Alfredas Pliadis/organizzatori

Importante prestazione della marciatrice azzurra in Coppa Europa ad Alytus: primato continentale (4h04:50) al debutto sulla distanza, la squadra conquista il bronzo. DIRETTA STREAMING

Straordinaria vittoria con record europeo per l’azzurra Eleonora Giorgi nella 50 chilometri di marcia alla Coppa Europa di Alytus, in Lituania. Al debutto sulla distanza, la 29enne lombarda con 4h04:50 migliora di oltre un minuto il primato continentale, portando a termine l’impresa in una gara condotta sempre in testa. Più forte di tutto, più forte di tutte sotto il sole che picchia 25 gradi. Al traguardo corre ad abbracciare il suo coach Gianni Perricelli, ex cinquantista azzurro, che non sta nella pelle: “È record europeo, è record europeo”, le urla. Il DT Antonio La Torre la stringe forte e si congratula con la marciatrice delle Fiamme Azzurre per il carattere mostrato: una prova al comando dall’inizio alla fine, autorevole, senza sbavature, con una prima metà strepitosa e una seconda parte leggermente più controllata. In un attimo finiscono alle spalle le squalifiche e alcune incertezze tecniche che in qualche occasione le hanno precluso risultati più preziosi di quelli raggiunti fin qui. Primatista italiana della 20 km e da oggi anche della 50 km (anche se tecnicamente fino al 31 dicembre 2019 si parlerà di migliore prestazione italiana). La strada verso i Mondiali di Doha parte da qui.V

Anche la spagnola Julia Takacs (4h05:46), seconda al traguardo, supera il precedente limite di 4h05:56 realizzato due anni fa conquistando l’oro ai Mondiali di Londra dalla portoghese Ines Henriques, oggi terza in 4h13:57. Medaglia di bronzo per la squadra azzurra grazie ai progressi della romana Mariavittoria Becchetti, undicesima con il personale di 4h26:10 che soddisfa lo standard d’iscrizione per la rassegna iridata d’autunno, e della bergamasca Federica Curiazzi, 15esima con 4h30:17. Tra gli uomini, con il francese Yohann Diniz a dominare (3h37:43), il team dell’Italia è quinto: a livello individuale nono Michele Antonelli (3h52:09) e 19esimo Marco De Luca (3h58:54), poi trentesimo Gregorio Angelini (4h30:26), mentre non completa la prova Andrea Agrusti che si ritira a quattro chilometri dal traguardo. Prima dell’arrivo della Giorgi era già scoppiata la gioia azzurra grazie a Riccardo Orsoni, vincitore nella 10 km under 20 (42:43). Un successo che ha trascinato la squadra maschile all’oro per team, grazie anche al sesto posto di Aldo Andrei (43:35) e alla nona piazza di Gabriele Gamba (44:19). 

GIORGI: “HO SUPERATO TANTE SCONFITTE” – “Sono davvero contentissima, è un’esperienza fantastica – le parole a caldo di Eleonora Giorgi, dottoressa in Economia alla Bocconi – È stata una gara inaspettata perché è successo un po’ di tutto. Faceva anche caldo, pensavo fosse più fresco, e per questo cercavo di bere acqua in ogni giro. Mi ha fatto piacere che sul percorso ci fossero tanti italiani a fare il tifo. Sono partita veloce, con un passaggio a metà gara intorno alle due ore: è perché avevo in testa di fare un tempo vicino alle quattro ore. Poi ho avuto un po’ di crisi tra il 25esimo e il 35esimo chilometro. Quando ho visto la spagnola Takacs che recuperava ho stretto i denti: non è facile in un momento di crisi mantenere un ritmo costante. Ci tenevo veramente tanto a questa vittoria perché mi sono preparata bene e non vedevo l’ora di cantare l’inno italiano. È un primo posto che significa veramente tanto: sempre più donne si stanno cimentando in questa disciplina, oggi eravamo in 30 e spero che IAAF e CIO cambino idea e la possano inserire alle Olimpiadi di Tokyo. Adesso vediamo quanto tempo ci vuole per recuperare questa 50 km, poi parlerò con il mio allenatore Gianni Perricelli e capiremo il percorso verso i Mondiali di Doha. Il successo lo dedico a lui, perché mi è stato vicino in questi anni, durante le vittorie, ma anche durante le sconfitte. Ecco, appunto: se oggi ho vinto è perché sono passata attraverso tante sconfitte”.

IL RACCONTO DELLA 50 KM

KM 40 – 3h15:32 il passaggio di Eleonora Giorgi, sempre al comando. La più pericolosa è diventata la spagnola Julia Takacs, 3h18:05, mentre la portoghese Ines Henriques comincia a soffrire (3h20:24). Al maschile, con Diniz involato verso il record dei campionati, il migliore degli azzurri è Michele Antonelli (3h04:52).

KM 30 – Tranquilla, sicura, efficace. Una marcia pulita fin qui per Eleonora Giorgi che sta dominando la 50 km, con le avversarie staccatissime: 2h00:37 il tempo a metà gara, 2h25:20 al trentesimo chilometro, per una proiezione finale di non molto superiore alle quattro ore. Prudenza, ovviamente. La “vera” gara non è ancora iniziata e i 23° di temperatura non giocano a favore. Intanto il vantaggio sul duo di inseguitrici è di oltre quattro minuti: la portoghese Henriques è stata raggiunta dalla spagnola Julia Takacs, 2h29:38 per entrambe. La fatica inizia a farsi sentire per Marco De Luca che perde il feeling con le posizioni di testa ed è nono al passaggio ai 30 km (2h18:32). Non troppo distanti Michele Antonelli (2h18:48, decimo, un avvertimento) e Andrea Agrusti (2h19:06, dodicesimo). Lì davanti l’assolo di Diniz prosegue portentoso: 1h49:54 a metà gara, 2h11:53 al trentesimo giro. 

KM 20 – Oltre tre minuti di vantaggio sulla diretta avversaria per il titolo. Eleonora Giorgi continua a fare sul serio nella prima 50 km della carriera e quando il contagiri segna “20” l’azzurra veleggia in testa in solitaria, in piena sicurezza e con ritmo regolare (1h36:26). La portoghese Henriques, un vero “mito” della specialità, è costretta a inseguire (1h39:51). Undicesima piazza momentanea per Becchetti (1h47:06) e il duo Curiazzi-Foresti è poco oltre la ventesima posizione (1h51:52 e 1h51:53). Il duo, al maschile, è diventato un trio. All’azzurro Marco De Luca (1h32:00) e allo svedese Ibanez si aggiunge il bulgaro Dziubin. È decimo Michele Antonelli (1h32:51), rientrato nel gruppo che comprende anche Andrea Agrusti (1h32:52). Fa il possibile Gregorio Angelini, al momento 36esimo dopo 1h35:48. Davanti a tutti marcia sempre Yohann Diniz (1h28:40).

KM 10 – Giornata piuttosto calda e soleggiata, circa 20 grandi allo start destinati ad aumentare. La partenza è sprint per Eleonora Giorgi: è il piano che aveva studiato alla vigilia. Al decimo chilometro la 29enne lombarda allenata da Gianni Perricelli è in testa con 48:18 e un primo passaggio con ritmo super ai 5 km da 24:01 (4.48 al chilometro nei primi cinque giri). Decisamente più cauta la portoghese campionessa del mondo ed europea, già primatista mondiale Ines Henriques (50:06) con un ritardo che si avvicina ai due minuti. Le altre azzurre, consapevoli della missione principale di portare punti nelle tasche della squadra, procedono nelle posizioni di rincalzo: Mariavittoria Becchetti 53:28 (undicesima), Federica Curiazzi e Beatrice Foresti – compagne d’allenamento – procedono anche qui a braccetto con un passaggio da 56:07, ma sulle spalle di Foresti pesano già due proposte di squalifica. Tra gli uomini pronti, via, e il primatista del mondo Yohann Diniz scappa: tutto come previsto dal canovaccio della gara, ma con un cartellino rosso che grava sul francese (44:22 ai 10 km). Il capitano azzurro Marco De Luca è intraprendente (23.18 al km 5) e delinea un tandem di inseguitori insieme allo svedese Ibanez con cui procede in coppia: al decimo giro è secondo con 50:48. Nel gruppone più folto resta invece Andrea Agrusti (46:45), con Michele Antonelli che invece perde qualche metro negli ultimi due giri (46:57). Più indietro il debuttante in Nazionale assoluta Gregorio Angelini (48:00).

IL PROGRAMMA (orari italiani)
ore 7: 50 km uomini/donne
ore 8: 10 km under 20 donne
ore 9.30: 10 km under 20 uomini
ore 13.30: 20 km uomini
ore 15.30: 20 km donne

Lascia un commento

Freelifenergy
Come dimagrire con la corsa: scopri i programmi di allenamento!
L’importanza dell’alimentazione e dell’integrazione post allenamento
Ferro con Vitamina C Matt: ridurre la stanchezza e l’affaticamento è facile come bere un bicchiere d’acqua
#pastaparty
Runtoday VIP/Huawei Venicemarathon è con Maria Colantuono
#pastaparty è con Jhay per Huawei Venicemarathon Runtoday VIP
Stefano Baldini, 15 anni fa l’ORO olimpico ad Atene. Video