A Londra Yassine Rachik fa 2h08’05”: abbiamo un campione vero

di Cesare Monetti

L’aveva dichiarato e l’ha fatto. L’azzurro Yassine Rachik, già medaglia di bronzo ai campionati europei 2018 di Berlino in maratona, ha fatto ‘il tempone’. L’Italia, se non ve ne siete accorti fino ad ora, ha un vero grande campione giunto oggi 9° in una strepitosa Maratona di Londra.

Si sapeva che stava bene, lui stesso voleva il primato personale, però forse in pochi e forse nemmeno lui sapeva che valeva così tanto: 2h08’05” che cancella il 2h12’09” fatto proprio a Berlino nell’agosto scorso.

Yassine, che non fa parte di alcun gruppo sportivo militare, è tesserato per l’Atletica Casone Noceto, ha 25 anni, vive in provincia di Bergamo e fin dalle giovanili quando era tesserato per l’Atletica 100 Torri di Pavia è allenato da Alberto Colli. In gioventù ha vinto di tutto e di più, decine di titoli italiani giovanili in tutte le distanze del fondo e mezzofondo.

Il 2h08’05” di oggi a Londra lo catapulta in una dimensione totalmente internazionale in maniera definitiva ed è il miglior crono dopo Stefano Baldini quando proprio a Londra, ma era il 2006, fece 2h07’22”. Quello di oggi è il quarto tempo di sempre per un italiano. Oltre a Baldini davanti a lui c’è Giacomo Leone con 2h07’52” e Alberico Di Cecco con 2h08’02”. Dal 2006 nessun italiano andava così forte e l’età giovane di Yassine fanno pensare ad una possibile rosea e lunga carriera davanti a lui. A lungo durante la gara Rachik ha corso con parziali cronometrici migliori rispetto a Baldini del 2006, questo fa pensare che sia solo questione di tempo, che quel primato potrà essere battuto.

Yassine Rachik in febbraio alla Napoli City Half Marathon

Yassine Rachik si è allenato duramente in questi mesi, prima in febbraio con uno stage in Etiopia e poi nell’ultimo periodo in Kenya dimostrando che con il sacrificio e con poche distrazioni si possono ottenere belle soddisfazioni.

Da fonte Fidal (Marco Buccellato) rileviamo i suoi passaggi e i distacchi dal leader della corsa Eliud Kipchoge: 14:47/5km (+0:24), 29:49/10km (+0:48), 45:03/15km (+1:21), 1h00:06/20km (+1:41), 1h03.20/mezza maratona (+1:43), 1h14:50/25km (+2:12), 1:29:50/30km (+2:46), 1h45:21/35km (+3:15), 2h00:55/40km (+4:35), 2h08:05/traguardo.

Le maratone di Yassine Rachik
2h13:22 (6) Milano, 2 aprile 2017
2h14:55 (8) Hangzhou, 5 novembre 2017
2h14:00 (6) Milano, 8 aprile 2018
2h12:09 (3) Berlino, 12 agosto 2018
2h08:05 (9) Londra, 28 aprile 2019

Lista italiana alltime maratona maschile
2h07:22 Stefano Baldini, Londra 23 aprile 2006
2h07:52 Giacomo Leone, Otsu 4 marzo 2001
2h08:02 Alberico Di Cecco, Roma 13 marzo 2005
2h08:05 Yassine Rachik, Londra 28 aprile 2019
2h08:19 Gelindo Bordin, Boston 16 aprile 1990
2h08:33 Danilo Goffi, Rotterdam 19 aprile 1998
2h08:49 Francesco Ingargiola, Roma 1 gennaio 2000
2h08:59 Daniele Caimmi, Milano 1 dicembre 2002
2h09:07 Ottaviano Andriani, Milano 2 dicembre 2001
2h09:07 Migidio Bourifa, Parigi 7 aprile 2002

Lascia un commento

Freelifenergy
Come dimagrire con la corsa: scopri i programmi di allenamento!
L’importanza dell’alimentazione e dell’integrazione post allenamento
Ferro con Vitamina C Matt: ridurre la stanchezza e l’affaticamento è facile come bere un bicchiere d’acqua
#pastaparty
Runtoday VIP/Huawei Venicemarathon è con Maria Colantuono
#pastaparty è con Jhay per Huawei Venicemarathon Runtoday VIP
Stefano Baldini, 15 anni fa l’ORO olimpico ad Atene. Video