Nadir Cavagna entra nel team Freelifenergy

INFORMAZIONE PUBBLICITARIA

Si arricchisce il team degli atleti Ambassador di Freelifenergy ‘Fuel For Sport’ grazie all’ingresso del 24enne NADIR CAVAGNA , componente stabile ormai da qualche anno delle squadre nazionali di corsa in montagna, cross e atletica leggera. Nato a San Giovanni Bianco (Bg) nel 1995, Nadir è un figlio d’arte. Il padre Isidoro (che ne è stato anche allenatore fino al 2014) era un azzurro a sua volta della corsa in montagna, mentre la madre Manola era giudice di gara.

Cresciuto a pane e atletica, il nome Nadir deriva dall’amore della famiglia per gli animali, essendo il nome del veterinario che curava i cani husky di famiglia. Attualmente vive a San Pellegrino Terme (Bg) dove si è diplomato perito meccanico, nella sua carriera di atleta si contano diversi titoli italiani vinti fin da giovane.

Molto frequenti i duelli con entrambi i celebri fratelli Crippa, culminati con la sconfitta dell’attuale bronzo europeo sui 10000m, Yeman Crippa, alla rassegna nazionale allievi sui sentieri nel 2012. Alla successiva rassegna mondiale giovanile di corsa in montagna in Irlanda, Nadir conquista la medaglia di bronzo.

E’ stato diverse volte convocato in nazionale azzurra di corsa in montagna e altre discipline come i cross sia nelle categorie junior che in quelle successive, conquistando il quarto posto nel 2014 (categoria junior) ed aggiudicandosi il titolo italiano di corsa in montagna (categoria promesse) nel biennio 2016-17.

Cavagna in questi giorni, seguendo le direttive del responsabile tecnico Fidal di corsa in montagna Paolo Germanetto, è in raduno con la Nazionale a Boario Terme e lì l’abbiamo raggiunto per capire il suo nuovo rapporto con Freelifenergy e non solo.

Cross, mezza maratona, 10000 in pista. Sei ovunque. Come fai?

“C’è sempre voglia di correre forte, di dare il massimo. Ho fatto una impegnativa ma soddisfacente stagione di cross culminata con i Campionati italiani di marzo. Poi tempo due settimane ho corso la Stramilano chiudendo, un po’ deluso, in 1h07’30”, lontano dal mio personale di 1h04’35”, ma si sa che in atletica non ci si inventa nulla. Ma si va avanti”.

Qual è ora il tuo programma, cosa state preparando qui in raduno?

“Sto lavorando per maggio e giugno quando ci saranno diversi impegni. Dai 10000 in pista per qualificarsi ai Campionati italiani della stessa distanza e chissà magari la Coppa Europa. Per la corsa in montagna i campionati italiani a staffetta e in caso io venga selezionato, gli europei il 9 giugno”.

Come nasce il tuo rapporto con Freelifenergy?

“Ero alla ricerca di integratori energetici e l’amico Franco Zanotti, specializzato in gare lunghe tipo deserti e altre ultramaratone, mi ha suggerito Freelifenergy integratori efficaci e sicuri, senza aggiunta di additivi chimici superflui. Collaboro da poco ma intanto la consulenza nutrizionale del direttore scientifico Marcello Vendramin si sta rivelando preziosa. Mi ha subito corretto diversi errori alimentari che facevo, la colazione per esempio, e non solo. Sono molto fiducioso”.

Quali integratori utilizzerai?

“Come ogni atleta amatore o professionista integrerò il ferro, magnesio, utilizzerò Omega3, e aminoacidi ramificati. Trovo molto valide le barrette Energetika e Proteika, in gara o prima della gara, così come in allenamento, mi sto già abituando a usare il Super Energy, una vera bomba di energia istantanea ma leggerissima. Carburante fondamentale tutto questo che prima non avevo. Servirà per fare un vero salto di qualità”.

Lascia un commento

Freelifenergy
Utilizzare la menta per combattere il caldo e migliorare la performance
Come combattere il caldo e incrementare la prestazione negli sport di endurance
La Psicologia dello Sport e la teoria dei Marginal Gains
#pastaparty
#Pastaparty intervista Costantin Bostan: in stampelle sulle strade del Passatore. E non solo!
Come alimentarsi durante la preparazione ad un evento sportivo
Il video della Milano Marathon: riviviamo le emozioni in 1 minuto