Maratona di Roma: pochi partecipanti su un percorso affascinante

ROMA – Il fascino del percorso riconosciuto dall’UNESCO – Dopo la partenza degli atleti disabili (ore 8.30), alle 8.35 scatterà la prima delle tre onde previste per i partecipanti alla maratona. Il tempo limite per chiudere la gara è di 7 ore. Il percorso, che gode del riconoscimento dell’Unesco, è scorrevole e affascinante, con centinaia di luoghi di interesse storico toccati lungo i 42 chilometri e 195 metri, soprattutto nell’ultimo tratto. Il Colosseo sarà grande protagonista, con la partenza della maratona da via dei Fori Imperiali, tra Largo Corrado Ricci e via di San Pietro in Carcere, e l’arrivo sempre nella via imperiale arrivando da via di San Gregorio. I runner correranno con l’Arco di Costantino a fare da splendida scenografia, per poi girare intorno al Colosseo e correre l’ultimo chilometro in via dei Fori Imperiali. Per la prima volta la gara sfilerà, per tre chilometri nella parte iniziale, sul rettilineo di via Cristoforo Colombo proseguendo poi su via Ostiense e sul Lungotevere. Al 18° chilometro si passerà in via della Conciliazione fino a sfiorare la Basilica di San Pietro per poi immergersi nel quartiere Prati e tornare sul Lungotevere, eliminando così il tratto dell’Acquacetosa-Moschea. Dal 34° chilometro e sino al traguardo la parte più emozionante del percorso, ovvero il centro storico della Città Eterna, quello che rende il tragitto della Maratona Internazionale di Roma unico al mondo. In sintesi è un percorso scorrevole, con molti tratti rettilinei e pochissimi saliscendi.  

LA STRACITTADINA – La Stracittadina partirà sempre da via dei Fori Imperiali, qualche minuto dopo lo start della maratona. Il percorso si snoda nel cuore della Roma imperiale, toccando alcune delle vie più affascinanti della Città Eterna, e arriva dentro al Circo Massimo, luogo della festa finale con stand e animazione per tutti. Alla Stracittadina, grazie anche ai tanti progetti dedicati a studenti, anziani, associazioni non profit, sono attese migliaia di persone che renderanno la giornata unica. Iscrizioni fino al 3 aprile sul sito ufficiale della XXV Acea Maratona Internazionale di Roma, e dal 4 al 6 aprile, dalle 10 alle 20, all’Acea Marathon Expo-Ragusa Off di via Tuscolana. Insieme a Decathlon, partner della Stracittadina, è stato realizzato il progetto “Fai sport con Decathlon”, che consentirà di donare materiale sportivo agli istituti scolastici attraverso le iscrizioni di studenti e genitori degli stessi.

I NUMERI – Nel dettaglio, saranno 7080 gli italiani e 2920 gli stranieri provenienti da 88 nazioni differenti. Per ciò che concerne l’Italia, il Lazio è la regione più rappresentata con 2657 iscritti, dei quali 2283 da Roma e provincia, seguito dalla Lombardia con 652, Puglia con 480, Emilia Romagna con 448, Campania con 415, Veneto con 402, Toscana con 382, Piemonte con 304 e Abruzzo con 290. Le nazioni estere più rappresentate, invece, sono la Francia con 804 iscritti, la Gran Bretagna con 278, la Spagna con 262, la Germania con 198 e gli Stati Uniti con 161. Gli uomini iscritti sono 7966, le donne 2034. Alla Stracittadina di 5 chilometri, le cui iscrizioni saranno aperte fino a sabato 6 aprile al villaggio allestito al Ragusa Off di via Tuscolana, si attendono migliaia di persone, tra cittadini e turisti. 

CHARITY PROGRAM: DI CORSA PER SOLIDARIETÀ – La XXV Acea Maratona Internazionale di Roma ha avviato un Charity Programper raccogliere fondi in favore delle Onlus. Legato alla Stracittadina, il programma ha visto il coinvolgimento delle associazioni che hanno potuto acquistare pettorali a prezzo agevolato, per poi distribuirli a una quota maggiore sostenendo così i propri progetti benefici. Oltre agli organizzatori, anche due grandi realtà hanno contribuito al progetto: Rete del dono, la piattaforma di crowdfunding per la raccolta fondi online, legata sia alla Maratona che alla Stracittadina, in favore di progetti d’utilità sociale ideati e gestiti da organizzazioni non profit (ONP), e il Csv Lazio, il Centro Servizi per il Volontariato, realtà presente sul territorio da vent’anni con lo scopo di sostenere e qualificare l’attività del volontariato. In totale sono 69 le associazioni che hanno aderito al progetto andando ad arricchire con la loro presenza il percorso della Stracittadina. Ha contribuito fattivamente alle raccolte fondi anche il Trofeo RunCorporate, il programma dedicato alle aziende. Ogni azienda ha potuto scegliere liberamente la Onlus, tra quelle rientranti nel Charity Program, a cui devolvere parte della somma derivante dai pettorali acquistati.

IN TV – La gara sarà trasmessa in differita su RaiSport, nella serata di domenica 7 aprile.

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

FONTE: FIDAL

Foto: Piccioli

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
DOPING: SOSPESA TANIA CALDARELLA, TROVATA POSITIVA A…
ATLETICA, INTERVISTA A FILIPPO TORTU: “DEBUTTO A RIETI NEI 100 PER PARTIRE FORTE”
9^ Sarnico Lovere Run: tutte le novità
Freelifenergy
Come alimentarsi durante la preparazione ad un evento sportivo
Milano Marathon 2019: analisi tecnica di un’edizione incredibile
Nadir Cavagna entra nel team Freelifenergy
#pastaparty
Come alimentarsi durante la preparazione ad un evento sportivo
Il video della Milano Marathon: riviviamo le emozioni in 1 minuto
Come alimentarsi durante una gara