L’ACQUA ALLA STRAMILANO? IO L’HO BUTTATA!

di Cesare Monetti

Sì sì è così. Alla Stramilano domenica scorsa ho partecipato alla 21,097km competitiva ed io l’acqua l’ho bevuta. E l’ho anche buttata. Ne avevo in abbondanza, in bottiglia e con le spugne ad ogni ristoro come da regolamento.

E me la sono gettata in testa e sulla schiena. Acqua potabile. Fresca anche.

E mi spiace averne buttata. Mezza bottiglia, 0,5 litri, ogni 5km. Almeno 4 bottigliette. Va bene che faceva caldo ma per quanto mi riguarda ad ogni ristoro ne avrò bevuta due, forse tre sorsi. E poi? Qualche volta ho chiesto a qualcuno in fianco a me se avevano bisogno di acqua (uno mi ricordo ha accettato, ha bevuto e poi ha gettato la bottiglia), qualche volta invece l’ho buttata direttamente io. Quasi piena, ne sono sicuro.

Magari è una di quelle mille-mila bottigliette che poi partecipanti più lenti di me hanno raccolto per terra.

Certo forse a saperlo non l’avrei fatto, forse avrei fatto in modo di lasciarla ancora sul tavolo del ristoro. Chissà.

Quel che è sicuro che è uno spreco tutto questo. Io per primo mi sento di aver sprecato acqua, bene vitale di cui ci dimentichiamo spesso, e anche se vogliamo dirla tutta di aver inquinato con tanta, tanta plastica gettata in giro.

Ma come si può fare per evitare tutto questo? Al di là dell’errore dell’organizzatore, in generale nelle gare come si potrebbe fare per inquinare meno e sprecare meno acqua?

I bicchieri purtroppo in gare così numerose non sono possibili, sarebbe troppo lento il caricamento da parte dei volontari (che voglio ringraziare), forse si potrebbero fare delle bottigliette più piccole tipo da 0,33cl? o addirittura 0,25cl?

Stesso camion che la porta, più bottiglie. Plastica più piccola in giro nel cassonetto dei rifiuti, certamente sarebbero di più questo è vero, ma forse al posto di 5000 bottigliette ogni ristoro ne avremmo potute avere 8000. Sì, 8000 come i partecipanti.

Altra metodologia? Non saprei. Se non delle grandi vasche dove ognuno con il proprio bicchiere personale, come avviene nei trail, pesca l’acqua. Anche se ci sarebbero sicuro problemi di igiene e quindi credo poco fattibile.

Quindi come fare?

Mi spiace, quasi mi sento in colpa…certo è che non è la prima gara dove si è avuto questo problema e di sicuro non sarà l’ultima. L’estate sta arrivando…occhio al caldo!

Lascia un commento

Freelifenergy
Lo sport è scienza con equipeenervit.com
I vantaggi della capillarizzazione nello sport
Corsa e metodo brucia grassi
#pastaparty
Runtoday VIP/Huawei Venicemarathon è con Maria Colantuono
#pastaparty è con Jhay per Huawei Venicemarathon Runtoday VIP
Stefano Baldini, 15 anni fa l’ORO olimpico ad Atene. Video