La tua maratona: i consigli di Freelifenergy per gestirla al meglio.


Come e cosa mangiare prima, durante e dopo i 42,195km

Si fa presto a dire “gara”, la maratona è LA gara. Una distanza difficile da allenare e da correre, ancora più arduo gestirla e  correrla al massimo delle proprie possibilità. Mesi di allenamenti, tanti chilometri nelle gambe ed infine il grande giorno si rischia di rovinare tutto a causa di una errata gestione della nutrizione in gara, sia prima che durante. Poca conoscenza specifica, tante leggende, tanti errori, quando invece basterebbero poche e semplici regole. 

A fare chiarezza è Marcello Vendramin, direttore scientifico di Freelifenergy ‘Fuel For Sport’, punto di riferimento per la qualità dei prodotti di integrazione Nutrizionale e Nutraceutica. Freelifenergy ‘Fuel For Sport’ nasce dalla volontà di produrre per tutti gli sportivi, agonisti ed amatori, integratori efficaci e sicuri, senza aggiunta di additivi chimici superflui. 

Pre gara, durante e post gara. Ecco come gestirti al meglio e non avere sorprese nella maratona da affrontare in questa primavera: 

ENERGETIKA nel PRE-MARATONA –  Questo il primo consiglio di Marcello Vendramin: “Normalmente ci si sveglia e si fa colazione almeno 2 se non 3 ore prima della partenza. Questo significa che anche se si è fatta una colazione corretta ed equilibrata ci si troverà sulla griglia di partenza al limite della riserva energetica. Si rischia di essere ‘vuoti’ ancora prima del via. Solitamente suggerisco di assumere circa 45 minuti prima dello start la nostra barretta ENERGETIKA a base di carboidrati ad assimilazione sequenziale. Un prodotto liquido o a base di gel in questa fase rischia di avere un’assimilazione troppo rapida e provocare il classico picco glicemico, con conseguente crisi energetica. Un prodotto a rapida digestione ed utilizzo sequenziale come labarretta ENERGETIKA, ci garantisce di partire con il giusto livello di carburante”. 


SUPERENERGY durante la MARATONA –“La condotta nutrizionale che consigliamo in gara, è in realtà molto semplice, e si traduce nell’assumere il nostro prodotto SUPER ENERGY. Si presenta liquido in fiala a base di glucidi ed elettroliti immediatamente disponibili e va assunto ogni 45-50 minuti circa. Per esempio possiamo dire che un atleta medio potrebbe assumere il SUPER ENERGY al km 10°, 20°, 30° e 35° così da non avere cali nel finale. E’ importante assumere le fiale sin dall’inizio per non andare mai ad intaccare la riserva energetica, bisogna prevenire e non curare ‘la crisi’. SUPER ENERGY è stato studiato per essere benzina allo stato puro, digeribile e tollerabile da chiunque, in qualunque circostanza. E’ stato testato da ultramaratoneti su strada, nel deserto ed i montagna con i migliori risultati”.



HYDRORACE come idratarsi in MARATONA –“E’ fondamentale idratarsi bene almeno nei 3 giorni precedenti la maratona. Questo potrà essere fatto assumendo almeno 2 litri d’acqua e due bustine di HYDRORACE al giorno. Durante la gara, per i più veloci consigliamo di assumere solo acqua ai ristori, mentre per chi impiega più di 4 ore consigliamo di assumere una bustina di HYDRORACE anche a metà gara. Utilizzare prodotti che non conoscete, trovati casualmente ai ristori, potrebbe determinare spiacevoli disturbi gastrointestinali, meglio evitare sorprese…”. 

Il ‘MURO’ del 35°Km – “Era una realtà con cui dovevano fare i conti i maratoneti sino agli anni ’90, quando si correva la maratona bevendo solo acqua e nient’altro. Oggi è solo una leggenda e capita ancora solo a chi non si è alimentato al meglio nei giorni precedenti e soprattutto non integra correttamente durante la gara. Il problema non si presenta assumendo al 10°, 20°, 30° e 35°km il SUPER ENERGY”. 

CORRERE ai ripari – “Se la crisi arriva non c’è altro da fare che prendere subito un SUPER ENERGY, per reagire, il cervello e i muscoli hanno bisogno di energia immediata in quel momento. Per questo consiglio sempre di partire con 1 o 2 fialette in più rispetto alle 4 previste standard, non si sa mai… possono servire in casi di emergenza”. 

In ALLENAMENTO – “Come le scarpe e l’abbigliamento, anche gli integratori vanno testati durante i mesi precedenti: E’ un allenamento nell’allenamento. Il corpo si abitua ad utilizzarli, mentre voi modificate tempi e modi sino a mettere a punto la vostra routine ideale, in modo che il grande giorno della maratona dovrete solo pensare a correre”. 

PROTEIKA dopo la MARATONA – Tagliato il traguardo, festeggiato speriamo il personal best, è tempo di recuperare: “Fondamentale la prima mezz’ora appena tagliato il traguardo per promuovere un ottimo recupero e ripristinare le riserve energetiche (glicogeno) e minerali. Si fa tutto in due mosse: una bustina di HYDRORACE e la nostra barretta PROTEIKA, da assumere immediatamente dopo l’arrivo. Con questi semplici accorgimenti, la sensazione di nausea dovuta allo sforzo ed alla fatica viene solitamente superata brillantemente”.


CHI E’ FREELIFENERGY: Freelifenergy ‘Fuel For Sport’ nasce dalla volontà di produrre per tutti gli sportivi, agonisti ed amatori, integratori efficaci e sicuri, senza aggiunta di additivi chimici superflui.

La salute dell’atleta e la sua performance sportiva, sono il binomio indissolubile che guida i nostri biologi nutrizionisti all’opera nei laboratori, dalla fase di formulazione a quella di realizzazione del prodotto. La stretta collaborazione tra allenatori e atleti di livello nazionale ed esperti formulatori, consente un costante sviluppo della ricerca per ottenere integratori sempre più efficaci e sicuri.

Lascia un commento

Freelifenergy
Ferro con Vitamina C Matt: ridurre la stanchezza e l’affaticamento è facile come bere un bicchiere d’acqua
Il recupero e la regola delle 4 R
Utilizzare la menta per combattere il caldo e migliorare la performance
#pastaparty
#pastaparty è con Jhay per Huawei Venicemarathon Runtoday VIP
Stefano Baldini, 15 anni fa l’ORO olimpico ad Atene. Video
#Pastaparty intervista Costantin Bostan: in stampelle sulle strade del Passatore. E non solo!