Said Boudalia inarrestabile, vince per l’ottava volta la Mezza Maratona di Cagliari – CRAI Cagliari Respira

(Cagliari)  – Domenica 2 dicembre, con 18 gradi di media, un cielo leggermente nuvoloso, il clima ideale per correre una mezza maratona, la manifestazione ha raggiunto numeri record su tutti i fronti. Un edizione velocissima che vede migliorati tutti i tempi del podio sia maschile che femminile rispetto al 2017 e con un altissima partecipazione sia nella gara competitiva tanto quanto nella non competitiva, con oltre 4mila partecipanti ai nastri di partenza.  Un grande successo quindi per la CRAI CagliariRespira che si riconferma una delle mezze maratone più rinomate e partecipate della Sardegna. Complice anche il bel tempo cagliaritano, tutti gli atleti hanno potuto godere di una splendida giornata soleggiata e poco ventosa.

 

Re indiscusso è sempre lui, Said Boudalia, l’atleta italomarocchino si impone per l’ottava volta e taglia il traguardo  della 11° CRAI CagliariRespira in 1:07:37, ormai imbattibile, mantiene il suo trono alla mezza maratona più partecipata della Sardegna.

Said Boudalia, sul primo gradino del podio ha migliorato di quasi un minuto il suo tempo rispetto alla scorsa edizione. Sono molto soddisfatto, gara molto bella,  clima perfetto, mi sentivo bene e  sin dalla partenza sono riuscito a mettermi in andatura con la strada libera –  afferma Boudalia – nonostante il vento contro che mi ha dato un po’ fastidio dopo il 15°km  ho migliorato  rispetto all’anno scorso e sono orgoglioso di indossare i colori dell’ASD Cagliari Marathon.–

Subito dietro il re della CRAICR,  l’atleta Romano Pasquale Rutigliano,  che chiude in 1:08:15 mentre occupa  il terzo posto del podio va a Gabriele Motzo in 1:09:40.

 

Una sorpresa l’atleta Polacco Maciek Miereczko  iscritto all’ultimo minuto che ha chiuso in 1.08.19.

 

In campo femminile, podio tutto Sardo. Sul primo gradino un agguerritissima Claudia Pinna che chiude  con uno strepitoso 1:15:44. In ottima forma, ha sbaragliato le avversarie. Luisa Manigas chiude in 1:21:30 e Elisabetta Orrù in 1:22:23. Occupano rispettivamente il secondo e terzo posto del podio .  Per una gara puoi essere allenata ma poi la fa il percorso, il clima e il gruppo, per me è stato importante trovare dei ragazzi ai quali mi sono attaccata e mi hanno tirato afferma Claudia Pinna  – sono a casa, sono abituata a correre in Sardegna  e questo mi ha aiutata quando abbiamo trovato vento contro dopo il Poetto. Dopodichè il panorama e il clima ideale mi hanno accompagnata fino al traguardo.

 

Sandro Secchi invece in Handbike chiude in 1h44’34”.

La CRAI CagliariRespira è stata nuovamente gara valida per il Campionato Sardo Militare e Forze di Polizia di mezza maratona. Primo posto per la Marina Militare seconda posizione per Carabinieri , mentre terzo posto per la Polizia di Stato .  Primo posto assoluto individuale per Claudia Pinna (Forestale).

In contemporanea si è corsa anche la prima edizione della non competitiva  KaralisRun 9.9 con oltre 1000  partecipanti che hanno avuto l’occasione di correre sullo stesso percorso della 21km fino al bivio di Via Roma dove il giro di boa divideva le due gare.

Sardegna regina visto che tutti i premiati sono dell’isola. I primi tre uomini sono Francesco Mei che ha chiuso in 0.30.42, Filippo Casciu chiude in 0:30:56 e Lorenzo Vigliotta conclude in 0:31:02. Le prime tre donne sono Sara Paschina che chiude in  0:34:08, Laura Secci in 0:38:29, e Antonella Mulas in 0:39:05

Celebrato anche il 10° Memorial Delio Serra, dedicato al primo atleta classificato a partire dalla categoria d’età MM65 e over. Si è aggiudicato il trofeo Gesuino Atzori  (ASD Cagliari Atletica Legge) che ha concluso la propria gara in 1h33’03”.

Dopo le KidsRun di sabato pomeriggio con circa 400 bambini, questa mattina al via anche oltre 2000  partecipanti alla non competitiva SeiKilometri che si è rivelata un autentico successo grazie anche all’enorme collaborazione e partecipazione di diverse Associazioni benefiche e di volontariato.

Rock’On –  Undici band disposte lungo tutto il percorso della 21km hanno suonato dalle 10 di questa mattina. Si tratta dei Last Criminal Explosion, Marco Leo, Amalia, RoosterS, ONE MORE SIZE, Toy Hammer, Bluff, Alcoholic Alliance Disciples, Whiskey in the jar – acoustic duo, Tanzler Side e Glee’s – Musica di Irlanda e Sardegna. Non solo hanno animato l’intera città durante questa prima domenica di dicembre ma hanno incoraggiato e sostenuto fino all’ultimo atleta partecipante. Un successo che si rinnova per il terzo anno consecutivo e che ha visto coinvolti non solo le band e l’organizzazione del Cagliari Marathon Club, ma anche e soprattutto gli esercenti cagliaritani che hanno offerto gli allacci per la corrente elettrica: inutile sottolineare quanto siano stati fondamentali.

 

Abbracciamo un sogno – Il sogno è stato finalmente realizzato: le ragazze del gruppo Abbracciamo Un Sogno hanno tagliato il traguardo della SeiKilometri. Il Gruppo è costituito da pazienti oncologici che affrontano o hanno affrontato il percorso di cura e di vita: si tratta di un gruppo basato sull’esigenza di condividere esperienze, programmare eventi per e con chi vive il percorso di malattia “cancro”, costellato di dubbi, speranze, gioie, colori. Obiettivo raggiunto e tantissima emozione per atlete, spettatori e per la loro allenatrice, Chiara Affinito che, in dolce attesa, ha corso con loro. Il sogno, seppur diverso, l’hanno realizzato anche tutte le altre associazioni benefiche che hanno preso parte all’evento: migliaia di iscritti in totale che hanno scelto di acquistare l’iscrizione della SeiKilometri per fare del bene e sostenere le differenti cause. Hanno partecipato Special Olympics, AMICI (Associazione malattie infiammatorie croniche intestinali), Associazione 10 aprile (familiari delle 140 vittime Moby Prince), Diversamente Onlus/ASD Progetto Filippide, Passu passu, Rotary Club e La Carovana.

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
1° Maratona di Catania al via: sono pochi, ed è già polemica
Aperta la 20^ Maratona di Pisa dei record
Campaccio Cross Country, la gara di tutti: giovani, master e campioni