Tre Regali per la Sorrento Positano Ultramarathon 54km

Clicca per il video percorso 54km

Clicca per il video percorso 27km

 

2° puntata dei due runner innamorati Zagara e Vincenzo:  “Correremo insieme legati con un laccetto”

SORRENTO – Se il pacco gara della Panoramica 27km era triplo, non è da meno quello per tutti i partecipanti della Sorrento Positano Ultramarathon 54km. La gara si svolgerà domenica 2 dicembre sulla magnifica strada costiera che va da Sorrento a Positano in Campania, luoghi unici che il mondo ci invidia.

TROFEO AL 50KM – Ultra Sì, ma con distanza non proibitiva, accessibile a tutti. 54km di puro spettacolo per gli occhi e grande divertimento per il proprio spirito e gambe. Al 50km un traguardo ‘volante’ dove vi è in palio il Trofeo della CostieraLa gara proseguirà fino al portale di partenza/arrivo a Sorrento per il traguardo della 54km. Per chi è meno allenato ma non vuole perdersi la gara c’è la Panoramica 27km. Anche in questo caso in palio il Gran Premio Nastro Verde sulla distanza della mezza maratona. Verrà posizionato un tappeto di rilevamento al km 21,097, anche in questo caso la gara proseguirà fino al portale di partenza/arrivo a Sorrento per il traguardo della 27km.

ATTENZIONE CHIUSURA ISCRIZIONI – Non c’è più tempo da perdere, le iscrizioni online si chiuderanno il 28 novembre 2018 Partecipare all’Ultra Marathon 54k avrà un costo di 40,00 euro, mentre il pettorale de La Panoramica avrà un costo di 25,00 euro. Per iscriverti ad una delle due gare della Sorrento Positano, clicca QUI.

3 OMAGGI NEL PACCO GARA  – Zaino sportivo, t-shirt tecnica firmata adidas, giubbino smanicato antivento, questi i tre regali che l’organizzatore Asd Napoli Running ha previsto per tutti gli iscritti alla Sorrento Positano Ultramarathon 54km. T-shirt e giubbino riportano la scritta ‘All Runners are beautiful’ a conferma che ‘Tutti i partecipanti sono belli’ ma non ci si riferisce solo all’estetica pura, s’intende anche come qualità di corsa, voglia di esserci, determinazione e sacrifici in allenamento. Per Napoli Running tutti i partecipanti, dal primo all’ultimo sono uguali e ugualmente forti.

 

2^ PUNTATA ‘CUPIDO HA COLPITO’  – La scorsa settimana abbiamo presentato la storia dei neofidanzati Zagara e Vincenzo, due ragazzi che si sono conosciuti e innamorati mentre correvano la Sorrento Positano l’anno scorso. Questa la seconda ed ultima puntata. Insomma…chi è in cerca di un amore, le strade della gara sono galeotte. 2°  Parte – Le gare e gli allenamenti

 

Dopo la Sorrento Positano avete fatto altre  gare insieme?

“Solo 10km, qui da noi non sono tante le gare con distanze lunghe, facciamo soprattutto tanti allenamenti insieme. All’alba, di notte, sono il nostro momento. E l’estate, come per esempio abbiamo fatto ad agosto, ogni giorno percorrevamo il percorso della Sorrento Positano all’incontrario”.

 

Che tipo di gare fate?

Zagara: Io faccio gare brevi, la Sorrento Positano dell’anno scorso era la mia prima Ultra.

Vincenzo: Mi piacciono le Ultra, ma da queste parti ce ne sono poche, quindi facci tanti allenamenti e partecipo alle gare brevi correndo prima diversi chilometri.

 

Diamo qualche consiglio…Che tipo di allenamenti farai questo ultimo mese?

Zagara: Martedì scorso siamo usciti di notte come spesso ci capita di fare, abbiamo percorso 40km…siamo usciti alle 6 e tornati alle 10. Vincenzo adirittura era già uscito la mattina per fare tre ore, poi è andato a lavorare e quando ha finito è tornato da me per fare altre quattro ore.

Vincenzo: I nostri allenamenti sono a sensazione, abbiamo accantonato il GPS, il lungo lo facciamo in ore. Faremo tutti i giorni almeno 1 ora e mezza di corsa in montagna, con tanta salita e una volta a settimana cercare di fare 45km consecutivi su terreno pianeggiante.  Corro e ascolto il mio corpo.

 

Sarete presenti sui nostri social?

Assolutamente, pubblicheremo le nostre foto e le nostre uscite.

 

Cosa ti aspetti dalla gara di quest’anno?

Zagara: Emozioni….tante. Abbiamo deciso che faremo insieme tutta la gara, perché sarà speciale. Quest’anno sarà guardarsi negli occhi quando possibile e godere del panorama,  voglio arrivare più grintosa insieme a Vincenzo.

Vincenzo: L’ho sempre fatta, è la gara che preferisco. Voglio farla bene, stare bene e farla con lei.

 

Perché consiglieresti la Sorrento Positano?

Zagara: Arrivare a Sorrento che quasi sembra di toccare Capri, correre sulla strada chiusa è uno dei tratti unici che l’organizzazione riesce a fare. Una gara unica che si fa in uno dei  luoghi più belli d’Italia con paesaggi mozzafiato, montagne cielo e mare, ti danno vitalità, coraggio, forza.

Vincenzo: Il calore della  gente, l’organizzazione impeccabile che riesce a  bloccare  le strade, la  spettacolarità del panorama che ti si apre davanti agli occhi, e  quando guardi il mare ogni fatica è come se non ci fosse mai stata.

 

Quindi un anniversario speciale …avete qualcosa in mente per celebrare?

Insieme. Si, per noi sarà speciale, e vogliamo festeggiarlo in maniera particolare. Vincenzo  lo ha visto fare a una coppia durante la 100km del Passatore del 2018. Correremo la gara legati da un laccetto al polso. Zagara detesta qualsiasi cosa che la possa legare o impedire nei movimenti, ma Vincenzo è l’amore della sua vita e questa e questa è un ulteriore occasione per dimostrarlo.

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
1° Maratona di Catania al via: sono pochi, ed è già polemica
Aperta la 20^ Maratona di Pisa dei record
Campaccio Cross Country, la gara di tutti: giovani, master e campioni