Doping 100km: Cristina Pitonzo squalificata 4 anni

di Cesare Monetti

Così recita ufficialmente il comunicato emesso pochi minuti fa da Nado Italia in merito all’atleta Cristina Pitonzo che domenica 15 Aprile in occasione della 100km di Seregno valevole per il Campionato Italiano Fidal Assoluto 100km aveva tagliato per prima il traguardo.

Vittoria risultata fasulla, Cristina Pitonzo aveva corso con sostanze illecite nel proprio corpo, così come il titolo italiano le era stato ingiustamente assegnato. Una brutta pagina di sport, con la sua condotta scorretta ha falsato la gara e infangato tutto il movimento dell’ultramaratona.

A questo punto classifica tutta da riscrivere, la Campionessa Italiana Fidal di Ultramaratona 100km diventa così Daniela De Stefano dell’Asd Corricastrovillari che risulta la prima italiana al traguardo in 8h48’43” e seconda assoluta alle spalle della tedesca Julia Fatton che concluse in 8h48’06”.

La Prima Sezione del Tribunale Nazionale Antidoping, nel procedimento disciplinare a carico della sig.ra Cristina Pitonzo (tesserata FIDAL), visti gli artt. 2.1, 4.2.1.2 delle NSA, le infligge la sanzione squalifica di 4 anni, a decorrere dal 23 luglio 2018 e con scadenza al 22 maggio 2022, così dedotto il presofferto. Visto l’art. 10 delle NSA dispone l’invalidità del risultato sportivo eventualmente conseguito in gara. Condanna la sig.ra Pitonzo al pagamento delle spese del procedimento quantificate forfettariamente in euro 378,00.

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Boom: A dicembre una seconda Maratona di Roma
Che sorpresa: 65 euro totali l’iscrizione di Gensan Giulietta&Romeo Half Marathon e Maratona Internazionale di Roma
Maschio Angioino e un runner sulla medaglia della 6^ Napoli City Half Marathon