Conto alla rovescia verso lo start della 93° edizione del Giro podistico Internazionale di Castelbuono

Salgono attesa e tensione della gara che vanta 106 anni di storia. Al via, nel prologo, anche atleti con disabilità intellettiva relazionale.      

 

Castelbuono (Pa). Kenya, Eritrea, Burundi, Uganda, Rwanda, oltre che naturalmente Italia, sono le nazioni presenti quest’anno alla 93° edizione del “Giro Podistico Internazionale di Castelbuono” in programma giovedì 26 luglio. Cresce nel frattempo l’attesa per la manifestazione che vanta 106 anni di storia (il Giro è nato nel 1912 n.d.r.) e che ha visto scrivere nel suo albo d’oro i più importanti nomi dell’atletica mondiale, in un susseguirsi di   edizioni che sono già leggenda. Al momento la start list comprende i keniani Kibet, Kosimbei e Chumo Kwemoi; gli eritrei Kifle, Hamid e Ghirmay Ghebreslassie, l’ugandese Ayeko, il ruandese Myasiro e l’atleta del Burundi Nzikwikunda. Per le strade del borgo medievale, si sono dati battaglia anche tutti i migliori mezzofondisti italiani, che hanno scritto la storia dell’atletica, per una vittoria che però manca dal 1989 con Salvatore Bettiol.

 

Al momento la pattuglia tricolore, quest’anno è guidata, da Alessandro Giacobazzi, El Mazoury. Pietro Riva e Marco Najibe Salami. L’emiliano Giacobazzi, di recente, ha vinto il titolo sui 10.000 ai Campionati del Mediterraneo under 23 di Jesolo. Presente lo scorso anno a Castelbuono, dove ha chiuso in sesta posizione. El Mazoury, quinto a Castelbuono nel 2017, è stato il primo degli italiani alla Firenze Marathon del novembre scorso. In gran spolvero l’albese Riva; l’ex campione europeo junior dei 10.000 metri, al meeting di Oordegem ha infranto per la prima volta la soglia dei 14 minuti nei 5000 (13’52.43). Quest’anno, l’atleta delle fiamme Oro ha chiuso secondo al Trofeo Città di Telesia, dietro il “mostro sacro” Kemboi. Marco Salami, forfait in extremis lo scorso anno a Castelbuono,  è stato campione italiano sui 5000 metri nel 2017 e vanta un PB nella distanza di 13’37”62. Accanto a loro gli atleti di casa nostra , siciliani doc con “licenza di stupire”: Vincenzo Agnello (Casone Noceto) originario di Misilmeri e l’altofontino Alessio Terrasi (Parco Alpi Apuane) entrambi sotto la guida tecnica di Tommaso Ticali.

In gara anche primi 10 assoluti di “Aspettando il Giro”. Per alcuni è un ritorno, per altri sarà la prima emozionante volta. Si tratta di Vincenzo Iraci, Lorenzo Abbate, Antonino Muratore, Giuseppe Laudicina, Fabio Bongiorno, Giovanni La Mantia, Nicola Cutrono, Rosario Cirrito, Rosario Glorioso e Francesco Tona.

Da sottolineare anche – afferma Antonio Castiglia, presidente del Gruppo Atletico Polisportivo Castelbuonese –  l’importante contributo che sta dando al Giro la nostra apertura al mondo amatoriale con la presenza dei primi dieci atleti assoluti di “Aspettando il Giro”, pronti ad aggiungere una  nuova e bella energia alla gara”.  

Faranno parte della  manifestazione  anche venti atleti con disabilità intellettiva relazionale, in rappresentanza della FISDIR Sicilia che effettueranno un giro del percorso e successivamente si uniranno allo staff organizzativo, per offrire un importante contributo. I ragazzi, che fanno parte di alcune società siciliane di atletica, arriveranno dalla provincia di Palermo e da quella di Agrigento. “ Si tratta di una interessante novità della quale siamo molto felici – continua Castiglia;  i  ragazzi diversamente abili provenienti da Palermo e dall’agrigentino, saranno parte attiva dell’evento, a testimonianza della nostra apertura verso i nuovi orizzonti del sociale e dell’inclusione, elementi importanti oggi per lo sport e l’atletica in particolare.”

Anche quest’anno prologo alla gara del 26 luglio, sarà la kermesse del 25 sera in piazza Margherita, nel corso della quale verranno presentati i top runner e assegnato il premio Ypsigro, giunto quest’anno alla decima edizione e curato da Tommaso Raimondo.

 

 LE CATEGORIE GIOVANILI AL ‘GIRO’
Si confermano le gare giovanili che apriranno il lungo pomeriggio del 26 luglio. Di corsa tutte le categorie: si comincerà con gli Esordienti (per loro i classici 300 metri) poi a ruota e con distanze via via differenti Ragazzi, Cadetti e Allievi.

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
No Preview
Marcialonga lancia un nuovo contest con Strava per battere ogni record, “Marcialonga Coop fast km”
Zacup 2018- Pasturo (LC) 16 settembre, unica data triplice valenza
Tortu e la lezione di vita per i runner: ‘La tosse non c’entra un cazzo’
Abbigliamento Accessori Calzature
FreeLifenergy e Sziols Sport Glasses, una partnership naturale
La terra è diventata più soffice grazie al sistema di ammortizzaizone DNA Loft delle nuove Ghost 11
MIZUNO PRESENTA LA NUOVA COLEZIONE TRAIL RUNNING.
#pastaparty
Cagliari Urban Trail, emozionante da vedere e da vivere
Maratona di Torino, un appuntamento imperdibile
Il 18 dicembre Pisa Marathon compie 20 anni