Paredi e Giudici del Team Affari&Sport1 vincono la Reale Mutua Monza-Montevecchia Trail

Una MoMoT più selettiva che mai quest’anno grazie al cancello orario al 26° chilometro, prima del “Gran Premio della Montagna”. Reale, come sempre, grazie alla partenza dalla Villa, che fu dei sovrani d’Italia, e grazie alla triennale sponsorizzazione del title sponsor, REALE MUTUA. Solidale, grazie alla beneficenza fatta, con il contributo di tutti partecipanti e degli sponsor. Quest’anno il ricavato è già stato destinato a TikiTaka, progetto di inclusione sociale di persone disabili, e al laboratorio didattico della Cooperativa Lambro (11mila euro).

Con la settima edizione si è tornati a correre sul tracciato del 2016. Il percorso è stato reso più duro che mai dal caldo e da alcuni tratti fangosi. Il via dalla scenografica scalinata frontale della Villa Reale, per poi percorre il Parco di Monza lungo l’alberato viale che costeggia l’Autodromo. Il percorso ha attraversato otto comuni in ambiente prevalentemente naturale e su sentieri sterrati, per una lunghezza totale di circa 33,5 chilometri e con un dislivello complessivo di circa 700 metri. Quattro i parchi dove hanno corso gli atleti: il Parco di Monza, il Parco dell’Alta Valle del Lambro, il Parco dei Colli Briantei, fino al Parco naturale della Valcurone.

Monza MB – Sport, amicizia e solidarietà sono stati gli ingredienti del successo della settima edizione della “REALE MUTUA Monza-Montevecchia eco Trail”, organizzata dal Monza-Marathon Team e inserita nel calendario Fidal Nazionale.

Al via 219 coppie che hanno vissuto per 33,5 chilometri grandi emozioni su un terreno prevalentemente off-road. Un paesaggio meraviglioso al Santuario di Montevecchia ha ripagato le squadre dopo l’ultimo sforzo.

Prima dei risultati sportivi, il Monza Marathon Team festeggia per quello solidale. Ben due le realtà del Territorio destinatarie della raccolta fondi. Undici mila euro sono già stati donati grazie alle iscrizioni e agli sponsor. Destinatari TikiTaka, progetto di inclusione sociale di persone disabili, e al laboratorio didattico della Cooperativa Lambro.

Va ricordato, che questa manifestazione agonistica ha già raccolto, in sole sette edizioni, oltre 70mila euro devoluti in beneficenza, perché per il Monza Marathon Team organizza gli eventi “per sport, lmicizia, ma anche charity”, come recita il loro slogan.

Dal punto di vista sportivo, il gradino più alto del podio è stato conquistato da Simone Paredi e Giovanni Giudici (Affari & Sport 1) in 2h,19’15”, che essendo anche i più veloci in assoluto si sono aggiudicati oltre a diversi premi anche l’opera d’arte, stampata anche su tutti i pettorali, realizzata da Chiara Cesana, pittrice brianzola; tra le coppie femminili Arianna Leonardi e Alessia Colnaghi (Ristorante Villa Reale) in 2h,52’38”; tra le coppie miste Tania Calloni e Luca Mattavelli in 3h,01’54” (Corro Ergo Sum Runners ). Tutte queste coppie sono state premiate con il nuovo trofeo in vetro progettato dall’architetto Pietro Belloni e voluto dal title sponsor Reale Mutua.

Sul secondo gradino del podio maschile troviamo la squadra Hangon Spirit Molteno Racing composta da Umberto Casiraghi e Alessandro Rigamonti (tempo 2h,24’,11”), nella categoria femminile la squadra Le Amiche della Berni con la coppia Laura Sangalli e Manuela Frizzo (con 3h,09’,03”) e per la categoria mista l’argento va alla squadra Villa Reale di Monza 3, coppia formata da Anna Maino e Antonio De Simone con il tempo di 3h,04’14”.

La medaglia di bronzo è invece andata per la categoria maschile al duo Team Cometa 1 formato da Paolo Pizzato e Stefano Ripamonti con il tempo di 2h,27’,26”; per la categoria alla coppia femminile Monica – Antonella formata da Monica Casiraghi e Antonella Sirtori con il tempo di 3h,11’,35” e alla coppia mista Mind the Gap. Lia & Lore formata da Lia Maria Pozzi e da Lorenzo Arcerito con il tempo di 3h,07’,02”..

Il “trofeo della velocità” offerto dagli organizzatori della Mezza di Monza (Follow Your Passion) è il traguardo volante, che è stato assegnato ai podisti più veloci nel primo tratto, lungo circa 5 chilometri, dalla partenza in Villa Reale fino all’uscita del Parco di Monza. I più rapidi sono stati Simone Paredi e Giovanni Giudici per la categoria maschile (16’,06”), Alessia Colnaghi e Arianna Leonardi (19’,24”) per quella e femminile, mentre per la categoria mista c’è la coppia Giovanna Terraneo e Ivano Carrozzino (19’,23”).

Ad aggiudicarsi il durissimo “Gran Premio della Montagna“, che ha messo in evidenza i più veloci nel percorrere il tratto in salita della lunghezza di circa due chilometri che porta a Montevecchia alta, sono stati la coppia Simone Paredi e Giovanni Giudici tra gli uomini in 15’,54”, il duo femminile formato da Alessia Colnaghi e Arianna Leonardi in 20’,33” e da quella mista formata da Tania Calloni e Luca Mattavelli in 22’,16”.

Il trofeo Elio e Matteo è stato assegnato al finisher più giovane per ricordare altrettanti due giovani atleti, Elio Bonavita e a Matteo Trenti prematuramente scomparsi per due incidenti stradali accaduti tre anni fa a Monza. Il trofeo è andato a Samuele Viganò, corridore di 23 anni. Il premio è stato un modo per ricordarli, ma anche per sottolineare ancora una volta quanto sia importante guidare con responsabilità e nel rispetto di tutti. Presente alle premiazione Corrado Bonavita che oltre ad avere corso la gara ha anche consegnato il premio.
Il via della co
mpetizione è stato dato alle ore 8,30 in punto dopo l’inno d’Italia cantato dalla scalinata frontale della Villa Reale di Monza. L’emozione degli iscritti alla competizione era palpabile. Poi, uno dopo l’altro, sono partiti per la “crono”.

Tutti hanno ricevuto il pacco gara, veramente “reale”, viene da definirlo! I runners iscritti hanno trovato all’interno della sacca: Piumino light smanicato RealeMutua/MMT, Manicotti Saucony, Calza tecnica Sbam, Pasta Rummo 500gr., Prodotto FreeLifeEnergy, Birra 0.0 Heineken, Succo Bio Plose, Confezione di Salamini Beretta, Confezione Noberasco, Mignon Amaro Lucano. E inoltre per tutti i finisher: Medaglia (ecologica in legno) e Maglia finisher in contone Saucony!

Ricordiamo che MOMOT è la seconda tappa del Trofeo MONZA CORRE, importante riconoscimento ideato dall’Amministrazione Comunale monzese, che premierà il miglior atleta (maschile e femminile) e società sportiva delle quattro competizioni più rappresentative della città: la 10K, la Monza Resegone, la Mezza di Monza e, appunto, la Reale Mutua Monza Montevecchia ecoTrail. Non solo, le squadre che parteciperanno alla MoMoT ed alla Monza Resegone, con uguale formazione (+1componente nel caso della Monza-Resegone), saranno inserite nella speciale classifica denominata Supercoppa Brianza Podistica”.

Un ringraziamento va anche ai volontari che partecipano sempre numerosi e con grande entusiasmo all’evento; il vero “motore pulsante” dell’ormai consolidata macchina organizzativa dell’a.s.d. Monza Marathon Team. A tutti loro è stata consegnata la T-shirt “MoMoT-STAFF”, realizzata grazie al prezioso contributo di Affari&Sport. Oltre ad Affari & Aport uno speciale ringraziamento va ad altre due sponsor storici della manifestazione: Saucony e Assolombarda. New entry Brianzacque che sostiene MoMoT.

Non resta dunque che iniziare il conto alla rovescia per la ottava edizione nel 2019.

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Trento Half Marathon, presentata la maglietta!
Manca poco per la 12^ Ivars Tre Campanili Half Marathon
Con Massimo De Donno si diventa runner in 21 giorni
Abbigliamento Accessori Calzature
Con le Glycerin 16 Brooks presenta la nuova tecnologia DNA LOFT, per un esperienza di corsa più morbida.
Scopri come nasce una maglietta Wild Tee
Dryarn per la linea ufficiale di Marco Olmo
#pastaparty
#Pastaparty con Julia Jones che ci parla di Venicemarathon
Video Mattoni České Budějovice Half Marathon
#Pastaparty di Runtoday.it oggi è con #JuliaJones