100km Passatore, la piu…PERICOLOSA DEL MONDO

Tutto bello alla 100km del Passatore?

Non proprio, come sempre, anzi…più di sempre problemi di intasamento e traffico. Qui riportiamo lo sfogo di Alessio Guidi, Presidente dei Passo Capponi di Bologna che in gruppo, anzi gruppone si sono presentati al via di questa ultramaratona.

Alessio ha un’enorme esperienza di gare. Ha corso circa 70 maratone in tutto il mondo, gestisce un gruppo sportivo e organizza gare. Però è profondamente deluso. Questo il suo sfogo che ci ha scritto:

 

“Passatore…così non va!!! Troppe, davvero troppe biciclette e macchine al seguito dei partecipanti lungo il percorso di questa 46esima edizione della 100 Km del Passatore. Credo che chiunque abbia partecipato alla 100 km più bella del mondo possa raccontare della ”magia” del Passatore una volta scollinato dal Passo della Colla, perchè la gara si trasforma in un viaggio con se stessi al buio, ascoltando i rumori della natura, i rumori degli animali, “illuminati” dalle lucciole e come capita spesso anche dalla luna piena. Questo è quello che è successo anche a me nell’edizione del 2015 ed è quello che racconto sempre quando mi chiedono che cos’è il Passatore. Invece partecipando quest’anno la “magia” si è trasformata in una tappa del Giro D’Italia tra Firenze e la Colla e in un controesodo modello A14 in Agosto tra la Colla e Faenza. In almeno 4 o 5 occasioni mi sono dovuto fermare a causa dell’incrocio simultaneo di biciclette e auto da entrambi i lati della strada oppure quando si formavano le colonne di auto all’imbocco dei vari paesini andando verso Faenza. Mi dispiace ma così proprio non va, il “mio problema” in gara dev’essere solo quello di come affrontare al meglio i 100 km del percorso e non quello di zig zagare tra le biciclette o stare attento a non essere investito dalle auto. Peccato perché i volontari invece hanno fatto un gran lavoro nei vari ristori per servire ottimamente i 3.000 partecipanti e tener sempre riforniti i punti di ristoro nonostante il gran caldo che inevitabilmente ha fatto “consumare” molto di più del solito. Spero davvero che gli organizzatori prendano seri provvedimenti in merito agli accompagnatori per far tornare la “magia” al Passatore, altrimenti questa gara non sarà più la più bella del mondo ma diventerà la più pericolosa del mondo.”

Alessio Guidi

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Trento Half Marathon, presentata la maglietta!
Manca poco per la 12^ Ivars Tre Campanili Half Marathon
Con Massimo De Donno si diventa runner in 21 giorni
Abbigliamento Accessori Calzature
Con le Glycerin 16 Brooks presenta la nuova tecnologia DNA LOFT, per un esperienza di corsa più morbida.
Scopri come nasce una maglietta Wild Tee
Dryarn per la linea ufficiale di Marco Olmo
#pastaparty
#Pastaparty con Julia Jones che ci parla di Venicemarathon
Video Mattoni České Budějovice Half Marathon
#Pastaparty di Runtoday.it oggi è con #JuliaJones