IL PAGELLONE DELLA DOMENICA: VOTO 2 A CHI? AL SOTTOSCRITTO

di Cesare Monetti

VOTO 10 – Ai due vincitori del mondiale di mezza maratona di Valencia che si è corso sabato. Lui è il keniano Geoffrey Kamworor e a soli 25 anni ha già conquistato 5 titoli mondiali: 2 nei cross e 3, consecutivi, in half marathon. Un vero fuoriclasse che, complice un po’ d vento a favore, sabato ha corso i 5km dal 15 al 20 in 13’01”…non male. Lei invece è l’etiope Netsanet Gudeta Kebede che con 1h06:11 incassa anche il mega-assegno da 50.000 dollari per il record femminile della distanza in una gara con sole donne, superando l’1h06:25 realizzato dall’olandese Lornah Kiplagat. #missili

VOTO 9 – Ai quattro azzurri impegnati nel mondiale di Valencia. Ancora una volta ‘gli stradisti’ tengono alta la bandiera azzurra presentandosi ad una rassegna mondiale in ottima forma, cosa che spesso non accade nell’atletica in pista. 3 primati personali su 4 in gara: Eyob Faniel è 37° in 1h02’37”, Giovanna Epis è 40esima in 1h12’27”, Sara Brogiato 51esima in 1h13’53”. Solo Lorenzo Dini non si migliora ma è più che dignitoso il suo 1h04’26” che vale il 74° posto. Certo, a livello mondiale…non esistiamo. Ma almeno abbiamo dato il massimo. #performanti

#VOTO 8 – Ad Alice Gaggi, unica nota ‘rosa’ in una Stramilano tutta africana. Il suo 1h13’40” vale come nuovo primato personale migliorato di qualche minuto e proietta Alice tra le migliori italiane anche sulle gare su strada. Lei che è valtellinese. Lei che è in nazionale ed è stata pure campionessa mondiale 2013, della corsa in montagna. #senzafreni

#VOTO 7 – Al sole, che finalmente ieri ha riscaldato le migliaia di runners che si sono presentati al via in decine di gare in tutta Italia. Ci voleva una domenica così, con il bagno di folla della Stramilano, con il Campionato italiano Master a TrevisoMarathon, ad Agropoli con la mezza ma anche a tante tante altre competizioni. #ilmegliodeveancoravenire

#VOTO 5 – Alla solita guerra dei numeri ‘inventati’ alla vigilia e ostinatamente anche all’arrivo delle corse. Dopo la RomaOstia di qualche settimana fa è stato il turno della Stramilano. Per tutta la settimana e ancora dopo la gara il ‘7000 al via’ è diventato nel comunicato stampa un ‘oltre 7000 al via’. Peccato che i finisher effettivi siano stati 5625. Ben 1500 ‘desaparecidos’ in 21km sono davvero tanti, inspiegabili. Peccato che i numeri siano in forte calo, 6358 nel 2017, oltre 700 in meno, oltre il 10% di calo.

#VOTO 4 – Al recupero maratoneti ritirati della Maratona di Treviso. Esperienza personale vissuta ieri quando mi sono ritirato al 32km in un punto davanti a un volontario della protezione civile armato di radio. Eravamo in 5. Al vento gelido. Abbiamo atteso più di un’ora ma nulla…il servizio scopa era dietro all’ultimo concorrente. Praticamente oltre le 6 ore di gara, e noi eravamo alle 3 ore. Non c’è stato verso di avere un pulmino o un’auto che facesse 6-7km verso l’arrivo. Roba da 15 minuti andata e ritorno. L’organizzatore ha detto no. Io e gli altri 4 abbiamo fatto a piedi, zoppi e infreddoliti, gli ultimi 10km aggravando la nostra situazione fisica. Ambulanze ce n’erano e ci avrebbero portato, ma a noi quella non serviva e non sarebbe stato giusto simulare un malore togliendo magari un mezzo di soccorso che avrebbe potuto salvare una vita. Pessimo servizio. Il pulmann scopa l’ho beccato poi. Agli ultimi 500 metri, dietro all’ultimo o quasi, 2 bus da 50 posti praticamente vuoti. Certo se li teniamo immobilizzati…#pessimi

VOTO 2 – Al sottoscritto. Che seppur infortunato da almeno 15 giorni al tendine d’Achille ha voluto comunque provarci presentandosi al via della Treviso Marathon. Troppo forte il richiamo dei 42km, troppa la voglia di un pettorale, di una medaglia, di un altro arrivo col sorriso. L’ottimismo non mi manca mai. Peccato che il dolore già dopo il 10°km si è iniziato a far sentire insistente obbligandomi al ritiro al 32km. Prima volta nella mia pessima carriera da runner. Avrei dovuto usare la testa e dire di no, avrei dovuto rinunciare e lasciar riposare, ora mi ritrovo più ‘scassato’ di prima non sapendo assolutamente quante settimane dovrò restare fermo. Accidenti a me, ho ascoltato il cuore e non la testa.#testa…bacata

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
BUT Formazza, il grande giorno si avvicina
Venicemarathon? iscriviti subito con Runtoday.it e in regalo per te…
SPORTWAY LAGO MAGGIORE MARATHON, Firmato Protocollo d’Intesa tra Sport PRO-MOTION A.S.D. ed i Comuni di Verbania e Stresa
Abbigliamento Accessori Calzature
La terra è diventata più soffice grazie al sistema di ammortizzaizone DNA Loft delle nuove Ghost 11
MIZUNO PRESENTA LA NUOVA COLEZIONE TRAIL RUNNING.
Con le Glycerin 16 Brooks presenta la nuova tecnologia DNA LOFT, per un esperienza di corsa più morbida.
#pastaparty
#Pastaparty con Davide Beccaro di Sziols, occhiali per l’outdoor con caratteristiche molto speciali
#Pastaparty con Julia Jones che ci parla di Venicemarathon
Video Mattoni České Budějovice Half Marathon