Che festa la Treviso Marathon con oltre 4.000 al via

Al via della 15^ Treviso Marathon, corsa domenica 25 marzo, c’erano oltre 4.000 runner tra 42km, con la festa tricolore dei master, e i muccati della MoohRun. L’ex idraulico keniano Chumba conquista la Treviso Marathon in 2:12’19’’. Al femminile, vittoria dell’etiope Medina Deme Armino in 2:33’17’’

Gilbert Kipleting Chumba

Lo spettacolo di una Treviso che accoglie con calore gli oltre 4.000 partecipanti al via della 15^ Treviso Marathon e della MoohRun 4. A trionfare la storia dell’Africa povera, quella dell’ex idraulico keniano Gilbert Kipleting Chumba che dopo il 36° km si libera della compagnia del connazionale Raymond Kemboi Chemungor e va a vincere in 2h12’19’’. Al femminile, al 38° km l’attacco decisivo che consegna la vittoria all’etiope Medina Deme Armino in 2h33’17’’, davanti alla keniana Euliter Jepchirchir Tanui. Ma quella di oggi è stata soprattutto la festa dei tantissimi master che hanno colorato Treviso, Villorba, Carbonera, Silea, Casale sul Sile e Casier, di tricolore il campionato italiano Fidal di categoria sulla distanza della maratona (primo master e primo italiano Pasquale Roberto Rutigliano, quarto) e il campionato italiano US Acli. Grande la festa tra viale Vittorio Veneto (sede della partenza), Borgo Mazzini e piazzale Burchiellati, con il popolo dei “muccati” che hanno colorato la città con le loro magliette pezzate. Ad aprire la maratona, la cavalcata delle Hugbike guidate dal capitano degli XI di Marca, Marco Varisco e, tra gli altri, dal campione olimpico alla sbarra ad Atena 2004, Igor Cassina, che aveva esordito sui 42,195 km proprio lo scorso anno qui a Treviso. Starter ufficiale, il sindaco di Treviso, Giovanni Manildo, con accanto il consigliere della Fidal nazionale, Elio De Anna. A coordinare il tutto, l’amministratore unico di Maratona di Treviso, Aldo Zanetti. Presenti, l’assessore regionale al turismo, Federico Caner, l’assessore provinciale, Tommaso Razzolini e il consigliere regionale della Fidal, Giulio Pavei. Ad animare il parterre d’arrivo, gli speaker Paolo Mutton e Luca Della Porta, con il DJ Cavallo.

LA GARA MASCHILE
La gara maschile vede formarsi subito un drappello di atleti, tutti africani, guidati da Chumba e Chemungor. Al 28° km iniziano a definirsi le posizioni per la vittoria, con Chumba e Chemungor che restano soli in testa. Tra il 30° e il 35° i due tentano, prima uno, poi l’altro, l’allungo, senza però riuscire a dare una scossa. Dopo l’entrata di Casier, è tra le passerelle del Cimitero dei Burci che Chumba attacca, questa volta in maniera decisiva. Tra le strade del capoluogo, Chumba incrementa il vantaggio e alza le braccia al cielo sotto il traguardo di piazzale Burchiellati. È vittoria, con nuovo primato personale, in 2h12’19’’. Sul secondo gradino del podio, Chemungor in 2h13’29’’, sul terzo il marocchino Yassine Kabbouri in 2h20’03’’. Primo italiano al traguardo e primo master (anche della categoria SM40) Pasquale Roberto Rutigliano (Olimpiaeur) in 2h27’47’’.

“Questa era la mia terza maratona, sono contento della vittoria e di aver siglato il nuovo personale anche se puntavo a un tempo inferiore, tipo 2h10’ – ha commentato il 32enne, ex idraulico Chumba – dedico a me stesso questo successo, perché mi sono impegnato molto per ottenerlo. Ho apprezzato molto l’accoglienza e il calore dell’organizzazione e del pubblico, che mi ha incitato per tutto il percorso. Appena tornerò in Kenya, comprerò una mucca da latte che chiamerò Treviso, in onore di questa maratona, come avevo già fatto con Venezia”.

Medina Deme Armino

LA GARA FEMMINILE
La cronaca della gara femminile vede, appena dopo l’avvio, la formazione di un tandem, composto dalle due favorite, l’etiope Medina Deme Armino e la keniana Euliter Jepchirchir Tanui. Le croate Sustic, Vrajic e Ilijas non riescono a tenere il passo e si staccano. Le due africane continuano regolari, fino al 38° km quando in un tratto di sterrato l’etiope accelera e si scrolla la compagna di viaggio. Medina Deme Armino fa così sua la 42,195 km trevigiana fermando il cronometro sul tempo di 2h33’17’’. Secondo posto per Euliter Jepchirchir Tanui in 2h’34’’46’’, terzo per la croata Nikolina Sustic in 2h43’53’’. Prima italiana, Giulia Montagnin (Atletica Saluzzo) sesta in 2h58’29’’. Prima tra le master, Federica Poesini (Pietralunga Runners), settima nella generale femminile, in 2h59’59’’. “Sono contentissima di questa vittoria anche se speravo di fare un tempo inferiore – ha detto la vincitrice Armino – ora non vedo l’ora di correre ancora e migliorare il mio primato personale”.

MOOHRUN 4
Mamme e papà, bambini, famiglie, genitori, nonni, zii, cugini, amici. In oltre 2500 hanno scelto di far parte del mondo muccato, partecipando alla MoohRun4, organizzata dall’Asd La Butto in Vacca in collaborazione con lo staff di Maratona di Treviso. Due i percorsi, di 3,5 e 10 km, con start da Borgo Mazzini. Apripista della manifestazione, i bikers di Harley Davidson Treviso Chapter.
Gioia, felicità, simpatia, colore, divertimento, voglia di non prendersi troppo sul serio, per coloro che corrono senza obiettivi cronometri. Ma seria è la solidarietà: grazie al record di presenze, sono stati donati, con tanto di consegna dei simbolici assegni, 6.000 euro alle onlus Una mano per un sorriso for children, Advar onlus di Treviso e Un cuore per tutti di Marghera. Nell’angolo della solidarietà, ospitate anche l’Associazione Italiana Calpaina – Aica 3 (Distrofia muscolare dei cingoli), l’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti Onlus di Treviso, U.N.I.T.A.L.S.I. – Treviso ed E.N.P.A. di Treviso. Presente anche il sindaco Giovanni Manildo, che ha dato il via alla corsa dell’Unione Ciechi con in testa Cristiano Carnevale, bronzo tricolore Fispes nei 200 e 400 indoor. Premi speciali per Camilla, una bimba che ha festeggiato il primo compleanno in marcia con mamma e papà, per gli ambassador 2018, il gruppo Briefing New York (Simone Serrajotto, Stefano Pestrin, Luca gallina, Luciano Piovesan, Oscar Berlese) e Stefano Oddi. Trai gruppi più numerosi, primeggiano nella classifica Old Ruggers & Friends, Nervesa Runners, 51° Stormo, Herbalife e Vitanova Fitness.

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Padova Marathon, i big dello sport a sostenere i runner
BOLGHERI RUN: UN’EDIZIONE DA TUTTO ESAURITO
Stelvio Marathon 2018, ultimi giorni per iscriversi a quota agevolata e correre su tracciati da favola
Abbigliamento Accessori Calzature
Tutto sulle nuove adidas UltraBOOST e UltraBOOST X
Correre con il passeggino? Ora è ancora più facile
Da 1 a 21… Ecco la nuova Mizuno Wave Rider