L’intervista: il triatleta Alessandro Degasperi torna in gara domenica 18 marzo per conquistare l’Ironman Hawaii

Alessandro Degasperi, domenica 18 marzo, inaugurerà il suo 2018 all’Ironman 70.3 Taiwan, che si correrà sulle canoniche distanze di 1.9km di nuoto, 90km di ciclismo e 21.1km di corsa. Sarà il primo dei tre appuntamenti ufficiali che il “Dega” ha scelto per cercare la terza qualifica consecutiva all’Ironman Hawaii del prossimo 13 ottobre

foto ©Diego Santamaria

La stagione 2018 di Alessandro Degasperi: quali sono gli appuntamenti clou?
«La mia prima gara sarà l’Ironman 70.3 Taiwan, domenica 18 marzo, un mezzo ironman che correrò a quattro settimane dal primo full e servirà come primo test sulla mia condizione e a fare un punto sulla preparazione. Il 15 aprile sarò, quindi, al via dell’Ironman South Africa, 3.8km di nuoto, 180km in bicicletta e 42.2km di corsa. Con Port Elizabeth ho ancora un conto aperto dall’anno scorso, visto che a causa di un infortunio sono dovuto rimanere a casa. Sarà il primo vero “tutti contro tutti” della stagione. In Sud Africa infatti si assegna il doppio del punteggio e arrivare tra i primi 5 vuol dire ottenere un buon 50% della qualificazione. Il livello qualitativo è molto alto, la starting list è, dopo quella di Kona-Hawaii, forse una delle più competitive di sempre in una gara Ironman e io voglio dire la mia. Il 26 maggio disputerò l’Ironman Lanzarote. Lì mi trovo a mio agio e la ritengo ormai quasi una seconda casa. Amo particolarmente quest’isola e questa gara dove ho raccolto i miei migliori risultati e sono convinto di poter fare ancora bene.»

Cosa ti aspetti da questa nuova stagione?
«Parto da una premessa: ripetere i risultati del 2017 non sarà facile ma non è impossibile e, più passano le stagioni, più mi rendo conto di come sia importante conoscere se stessi. Per questo credo assolutamente di poter ancora crescere soprattutto sulla distanza più lunga. C’è sempre da imparare e a me piace studiare. Io come sempre ce la metterò tutta per tornare alle Hawaii e confermare il detto che non c’è due senza tre. Questa volta però mi piacerebbe un altro finale (Degasperi in entrambe le presenze a Kona ha chiuso in 20^ posizione, ndr).»

Quest’inverno non solo ti sei allenato, ma hai fatto anche allenare gli altri. Come funziona il tuo camp?
«Da quest’anno ho iniziato a promuovere alcuni training camp: innanzitutto quelli di Lanzarote nel periodo invernale, quando in Italia (soprattutto al nord) è abbastanza difficile allenarsi. Inoltre, proprio da marzo in poi, anche in Italia. Ora ne stiamo preparando uno in Liguria nella settimana prima di Pasqua, tra Imperia e Sanremo, in un posto ideale per allenarsi per il triathlon. Lì farò il mio ultimo blocco di allenamento prima di andare in Sudafrica e, assieme al titolare della struttura che ci ospiterà, abbiamo pensato di dare l’opportunità a chiunque lo volesse di fare una settimana da professionista, con tutto il supporto necessario e una organizzazione di alto livello.»

Anche quest’anno, tra le aziende che ti supportano, c’è BV Sport…
«Questo è il mio terzo anno con BV, anche se avevo già avuto modo in passato di provare i prodotti. Nel 2016, essendo l’azienda tornata ad “affacciarsi nuovamente” nel mondo del triathlon, ci siamo incontrati, e ho avuto il piacere di entrare a far parte del loro team. Sono molto contento di continuare la collaborazione con BV Sport perché, oltre ad aver trovato delle ottime persone, ho la possibilità di utilizzare i migliori prodotti compressivi sul mercato.»

Quali prodotti del brand usi?
«Uso prevalentemente i booster, sia in gara sia in allenamento, ma anche le altre calze lunghe, sia per il recupero che per i viaggi, e poi mi trovo molto bene anche con l’intimo. Durante gli allenamenti di corsa utilizzo sempre l’abbigliamento a compressione: maglia e pantaloncini. I maggiori benefici dai booster li ho nella frazione di corsa, si riduce l’affaticamento del polpaccio, il muscolo vibra meno e viene favorito il ritorno venoso con una sensazione di maggior leggerezza alle gambe.»

E della linea recupero quali sono i benefici?
«La linea recupero è molto utile nel post allenamento, soprattutto se dobbiamo restare seduti a lungo. Anche in questo caso il ritorno venoso aumenta e, quindi, vengono eliminate prima le tossine prodotte dall’allenamento, soprattutto da quelli più intensi. Lo stesso principio vale per quando si viaggia, soprattutto in aereo, dove ci sono anche sbalzi di pressione e per questo BV Sport detiene una linea apposita creata da sportivi per sportivi.»

 

foto ©Diego Santamaria

ALESSANDRO DEGASPERI, PIU’ DI VENT’ANNI NEL TRIATHLON
Alessandro Degasperi è un triatleta ad alti livelli da oltre 20 anni. La sua prima stagione nella “triplice” è datata 1996. Dal 1996 al 2006 fa parte della nazionale italiana con la quale partecipa a Europei e Mondiali, sia di categoria sia assoluti su distanza Olimpica. Il 2005 è per lui un anno importante perché diventa prima Campione Europeo assoluto di Winter Triathlon e poi Campione Italiano XTERRA nell’edizione di Villacidro (Cagliari). Dal 2007 decide di orientarsi sulle gare
“senza scia” e le distanze più lunghe: la scelta risulta vincente. Riesce ad ottenere 3 importanti podi ai Campionati Europei di Ironman 70.3 (2007-2008 e 2013) e a vincere nel 2012 l’Ironman 70.3 di Salzburg, oltre a molti piazzamenti sempre nelle prime posizioni (tra cui 3 volte secondo all’Ironman 70.3 Italy).
Nel 2014 debutta nella lunga distanza Ironman ottenendo un ottimo 5° posto nel super partecipato Campionato Europeo di Francoforte. Nel maggio 2015 però, dopo un lungo stop per un infortunio e altrettanto lunga riabilitazione, dopo 9 mesi di assenza dalle gare vince l’Ironman Lanzarote, gara soprannominata “el mas duro” (la più dura di tutto il circuito IM). Inoltre, Degasperi si piazza 3° sia nell’Ironman Zurich sia nell’Ironman Mallorca sempre grazie a due frazioni di corsa sotto le 2h50’. E nello stesso anno vince anche il Challenge Forte Village davanti al Campione Europeo in carica, il ceco Filip Ospaly.
Nel 2016 conquista la sua prima qualificazione all’Ironman World Championship arrivando 20° assoluto. Lo stesso risultato lo ottiene nel 2017 dopo aver ottenuto la seconda qualificazione consecutiva in una stagione che gli ha regalato tre secondi posti, due dei quali negli IM più duri del circuito, Lanzarote e Nizza.

INFORMAZIONI – www.bvsport.com

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Trieste Urban Trail
Convocati gli azzurri per i mondiali 100km. Però manca…
La 19.a edizione della Stralivigno è alle porte, a dare spettacolo ci sarà anche l’azzurra Sara Dossena
Abbigliamento Accessori Calzature
La terra è diventata più soffice grazie al sistema di ammortizzaizone DNA Loft delle nuove Ghost 11
MIZUNO PRESENTA LA NUOVA COLEZIONE TRAIL RUNNING.
Con le Glycerin 16 Brooks presenta la nuova tecnologia DNA LOFT, per un esperienza di corsa più morbida.
#pastaparty
Maratona di Torino, un appuntamento imperdibile
Il 18 dicembre Pisa Marathon compie 20 anni
#Pastaparty con Davide Beccaro di Sziols, occhiali per l’outdoor con caratteristiche molto speciali