Stefano Velatta è il re della Sorrento Positano Coast to Coast

SORRENTO – Ha vinto la forza, l’entusiasmo e la voglia di esserci da parte di tantissimi runner che questa mattina si sono presentati al via della 9a Sorrento-Positano Coast to Coast, la prima edizione interamente organizzata da Napoli Running, con le due nuove distanze, l’ultramaratona da 54km che si è spinta fino a Positano e la Panoramica da 28km, oltre alla Family Run&Friends che si è svolta interamente a Sorrento. Start della gara alla 7 del mattino, ancora col buio e la pioggia che nell’arco della mattinata si è trasformata in sole poi ancora in pioggia e perfino grandine. Condizioni meteo difficili, temperatura di soli 8 gradi, che ha reso tutto molto più difficile ma anche epico, il maltempo non ha scalfito i partecipanti, la loro passione è qualcosa di superiore.

Ha vinto un grande campione come Stefano Velatta, uno dei top runner più attesi a questo traguardo con i suoi cinque titoli italiani conquistati in questo 2017, il biellese portacolori dell’Olimpia Runners ci ha impiegato 3:28:44 ed ha preceduto il bresciano Marco Ferrari (atl. Paratico) arrivato sul traguardo con 3’07” di ritardo in 3:31:51. Terzo gradino del podio per Marco Lombardi (Atl. Libertas Runners Livorno) in 3:43:48. “Avevo avversari molto forti come Ferrari e Lombardi – fa sapere il vincitore Velatta – Ho fatto una buona gara e nel finale sono riuscito anche a incrementare il passo e spingere di più così da poter staccare Ferrari. Gara positiva, il tratto che arriva a Positano è stato un pezzo magnifico, è uscito il sole e si vedeva un panorama mozzafiato, un momento da pelle d’oca. In generale il percorso è davvero fantastico”.

“Faticoso ma bello davvero, di solito quando corro guardo in terra, ma oggi ho tirato su lo sguardo e mi sono goduto il paesaggio. Fino a 8km dalla fine eravamo insieme io e Velatta, ma quest’anno Stefano ha una marcia in più. E’ una gara da provare”, queste le parole del secondo classificato Marco Ferrari.

Gara bellissima,con uno scenario fantastico, dura ma nello stesso tempo veloce. Ci sono le salite ma ci sono anche le discese. Ho cercato di stare dietro ai primi due, dopo metà gara si sono staccati ed io ho gestito il podio. Faccio i complimenti a Napoli Running per l’organizzazione, per aver creato un evento così bello e aver dato lustro anche all’Italia dando visibilità alla costiera sorrentina. La discesa che va verso Positano è qualcosa di spettacolare. Era anche innevato in alto, si vedeva il mare. E’ una ultramaratona da fare” il pensiero del livornese Marco Lombardi.

Gara in coppia per i primi due classificati fino al 45km, al rilevamento cronometrico fissato a Positano, a poco più di metà gara, al giro di boa del 31esimo chilometro, Velatta e Ferrari erano transitati in coppia in simultanea in 2:04:30 dopo aver già affrontato la salita che va da Termini al 10km fino al Passo San Pietro al 20km, passando da un’altitudine di 80 metri ai 480 sul livello del mare e conseguente discesa dal 20 al 30km. Gara di coppia ancora fino al 45km fino a quando Stefano Velatta nella discesa finale verso Sorrento si è dimostrato più brillante ed incisivo nella sua azione di corsa che gli ha permesso di arrivare a braccia alzate in totale solitudine sull’arrivo in corso Italia a Sorrento.

Gara donne con una sola grande protagonista dall’inizio alla fine. Protagonista assoluta la finlandese Noora Katarina Honkala che aveva il pronostico della vigilia tutto a suo favore e non ha tradito le attese. Suo il nome nell’albo d’oro di questa prima ultramaratona Sorrento-Positano Coast To Coast con un tempo di 4:15:00. Elide Del Sindaco (Tribù Frentata Laniano) ha conquistato la seconda piazza in 4:34:20 di poco distanziando Cristina Imbucatura (Asd Run For Fun) terza in 4:36:36.

Puntuale alle 9 è scattata la Panoramica 28km che ha visto il successo di Giorgio Nigro (Pol. Atl. Camaldolese) in 1:39:03 davanti a Gianluca Piermatteo (Aeneas Run) in 1:42:53 e Armando Ruggiero (Pol. Atl. Camaldolese) con 1:44:08. Gara femminile molto tirata ed incerta, finita quasi al fotofinish almeno per quanto riguarda la seconda e la terza. Vittoria per Anna Bornaschella (Atl. Venafro) in 2:05:11, seconda Alessandra Ambrosio (Amatori Atl.Napoli) con 2:05.35 e subito dietro Carmela Febbraio in 2:05:36.

“Esordio bagnato esordio fortunato – esclama Carlo Capalbo Presidente di Napoli Running – Questo è il primo passo verso un sistema integrato per il podismo di tutta l’area metropolitana della città di Napoli”.

A questo punto l’appuntamento non può che essere per un 2018 di grandi emozioni ad iniziare dal 4 febbraio con l’organizzazione della Napoli City Half Marathon e la Sorrento Positano Coast to Coast ultramarathon in autunno.

 

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Il 17 dicembre corri con Timing Data Service
E’ tutto pronto per l’11° Allenamento di Natale
Road to Reggio Emilia: i top runner al via della maratona
Abbigliamento Accessori Calzature
Le calze a righe di Sara Dossena a NY? Ecco dove le puoi comprare
SCOPRI FOCUS E PHOTOCROMATIC, LE LENTI RETINA SHIELD DI SZIOLS
Con le 361° Stratomic…vado un grado oltre