Zigheddu: 80 anni, 55 maratone e, domenica, la CRAI CagliariRespira

Francesco Calledda, noto Zigheddu, ora si trova a Sassari, in una delle tante tappe sarde del suo viaggio a piedi. È partito dalla Sella del Diavolo, a Cagliari, passando per Sassari, e questo fine settimana sarebbe dovuto arrivare a Santa Teresa di Gallura, ma la neve del Nord Sardegna interromperà momentaneamente questo cammino. Non pochi km e un viaggio coraggioso, quello di un uomo che ha la bellezza di 80 anni: “Ho qualche acciacco e per questo non posso più correre da un po’ di tempo – ci confida – ma continuerò sempre a camminare, mi ritengo molto fortunato: faccio 8.000 km l’anno”.

Assidua presenza nella maggior parte delle edizioni della CRAI CagliariRespira, Francesco sarà una sorta di ospite d’onore della mezza che si terrà domenica 3 dicembre: accompagnerà al traguardo l’ultimo arrivato e lo farà, come lui stesso afferma, “ridendo e scherzando, che sia lui ad aspettare me”.

Un punto di riferimento e incoraggiamento per i 3.500 atleti partecipanti, Zigheddu riceverà anche una maglia celebrativa della CRAI CagliariRespira e una coppa come riconoscimento ufficiale delle sue numerose presenze alla manifestazione.

Inutile chiedergli cosa ci sia di bello nei 21 km cagliaritani. La risposta è secca e risoluta: “Tutto”. Ma la parte che più di tutte lo entusiasma è “il ritrovarsi, la compagnia, lo stare insieme a un gruppo affiatato di persone”. E non mancano gli elogi all’organizzazione, da lui definita “impeccabile, completa, forse tra le migliori mai conosciute; l’ASD Cagliari Marathon Club insieme al Presidente Paolo Serra non sbagliano un colpo, basti vedere quanti atleti hanno portato a New York”.

Nella sua vita e nelle sue avventure a piedi di paesaggi ne ha visti tanti, uno più bello dell’altro, e tra questi racchiude anche la città di Cagliari, dal suo centro storico con le bellezze artistiche e monumentali alla zona del Poetto e delle Saline del Molentargius, paesaggi naturali mozzafiato, “un giardino aperto”. Solo una cosa vorrebbe per quest’evento che da dieci anni si riconferma tra i più partecipati in Sardegna: “Spero che prima o poi diventi una maratona a tutti gli effetti; l’iniziativa è talmente bella che penso manchi solo questo traguardo”.

ANCORA APERTE LE ISCRIZIONI SeiKilometri di Corsa e Solidarietà – Non tutte le iscrizioni si sono chiuse il 27 novembre. Si può ancora decidere se partecipare alla SeiKilometri non competitiva fino al giorno stesso della gara, ovvero il 3 dicembre. Questa distanza è il fulcro del progetto Corsa e Solidarietà. Si potrà decidere, infatti, di acquistare il pettorale direttamente da una delle Associazioni benefiche che aderiscono all’iniziativa. Di seguito, l’elenco:
· Diversamente Onlus;
· Amici Onlus;
· ASD Progetto Filippide;
· Domus de luna;
· La Carovana;
· Special Olympics;
· Associazione 10 aprile Familiari vittime Moby Prince.
Partecipare alla SeiKilometri acquistando l’iscrizione da una di loro significa aiutarla a finanziare i suoi progetti. Sono diversi e variegati. Per scoprire qualcosa in più sulla loro mission è possibile visitare questo link.

ACCOMODATION – Per prenotare una camera negli hotel convenzionati, clicca QUI.

INFORMAZIONI
www.cagliarirespira.it

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Il 17 dicembre corri con Timing Data Service
E’ tutto pronto per l’11° Allenamento di Natale
Road to Reggio Emilia: i top runner al via della maratona
Abbigliamento Accessori Calzature
Le calze a righe di Sara Dossena a NY? Ecco dove le puoi comprare
SCOPRI FOCUS E PHOTOCROMATIC, LE LENTI RETINA SHIELD DI SZIOLS
Con le 361° Stratomic…vado un grado oltre