Con le 361° Stratomic…vado un grado oltre

INFORMAZIONE PUBBLICITARIA

Di Cesare Monetti

Le Stratomic sono una di quelle calzature da running dove non sai cosa aspettarti. Potrebbe essere tutto e il contrario di tutto. Perché conosci poco e nulla del marchio, perché non hai mai provato in passato nessun altro modello della casa asiatica, ma alla fine ne rimani piacevolmente sorpreso.

bmd

Prima di passare alla disamina tecnica della calzatura in sé, è bene conoscere almeno il perché di questa casa produttrice. 361° è un marchio leader in Cina nato nel 2002 (più info qui), in pratica…un grado in più rispetto di quello che in teoria è già il massimo con i canonici 360 gradi. Ecco, sì…in teoria, perché proprio qui viene il bello e la filosofia di questo marchio. Il ‘grado in più’…significa il ‘Grado Oltre’ che come recita appunto anche l’home page del sito ufficiale è così riassumibile: “Un grado OLTRE è sulla nostra dedizione e impegno a sostenere gli atleti di tutte i livelli di abilità. Ora è il momento di definire i propri standard di successo. Crediamo che tu possa fare di più di quanto pensi di poter fare, ecco perché ti aiutiamo ad andare oltre le tue aspettative”.

 

 

 

bmd

Che dire…di sicuro ti mettono il pensiero positivo in testa e già in effetti se appena ti convinci tutto sembra possa avverarsi. L’andare oltre i propri limiti, l’oltre se stessi impegnati già a 360 gradi.

La Stratomic è una scarpa neutra, ufficialmente della categoria ‘Protettive-Ammortizzate’ e questo è vero anche se di sicuro, per quanto mi riguarda, l’ho trovata piuttosto reattiva. Forse non totalmente morbida e ammortizzante e super pantofola quasi da affondamento come altre scarpe di marchi concorrenti. Con la Stratomic si corre e per apprezzarne le qualità bisogna provare a correrci ad un ritmo non dico veloce ma quanto meno brillante. Perché la sensazione è che ti obblighino a correre con il mesopiede e l’avampiede, con un vero passo in spinta. Che poi, diciamocela tutta, significa andare più forte e stare belli reattivi.

Sulla comodità, sul confort non si discute nemmeno. Le 361° Stratomic sono più che confortevoli e leggere nel contempo. Personalmente le sto usando e le userò per fare gli allenamenti più brillanti fatti di ripetute e fartlek, gli allunghi in salita, le gare dai 10 fino ai 42km senza alcun problema.

Sul giudizio estetico io ne sono rimasto affascinato. Sarà perché adoro le scarpe nere, sarà il ‘3’ bello in evidenza in materiale rifrangente sul retro del tallone, sarà che è una scarpa che in pochi ancora hanno e che quindi mi permette di distinguermi dalla massa, ma il mio giudizio estetico è più che positivo.

Nel dettaglio tecnico la 361° STRATOMIC è così:

Tomaia in mesh con applicazioni termosaldate in TPU e contrafforte tallonare in materiale sintetico.

Plantare: sagomato in QuickFoam, estraibile.

Intersuola in QuickFoam (EVA e gomma incapsulata in una pellicola di poliuretano) con inserto ammortizzante QDP a triplo strato; stabilizzatore interno.

Differenziale 8 mm (12,5/20,5).

Suola in gomma espansa (anteriore) con gomma dura e al carbonio con scanalature flessibili e anatomiche.

Prezzo di listino: 149 euro

Misure: US da 6 a 14
Peso: g 326

bmd

bmd

 

 

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Federica Dal Rì conquista il tricolore e l’Agsm Veronamarathon
EKIRUN 2017 PER IL TERZO ANNO IL SOL LEVANTE ILLUMINA MILANO
TUTTE LE GARE FIRMATE TDS DI DOMENICA 19 NOVEMBRE
Abbigliamento Accessori Calzature
SCOPRI FOCUS E PHOTOCROMATIC, LE LENTI RETINA SHIELD DI SZIOLS
Con le 361° Stratomic…vado un grado oltre
BV SPORT sbarca nelle OCR, le gare di corsa a ostacoli