“SARÀ UN MARATONETA”, IL PROGETTO DEL VERONAMARATHON TEAM CHE TRASFORMA I SEDENTARI IN MARATONETI

Sette ragazzi, tra i ventotto ed i quarantadue anni, che si alleneranno per cinque mesi con un unico obiettivo: diventare maratoneti. Ce la faranno? Lo scopriremo domenica 19 novembre, alla fine della AGSM Verona Marathon che li vedrà impegnati in un’affascinante sfida contro se stessi.

VERONA – Si correrà domenica 19 novembre l’edizione 2017 dell’AGSM Verona Marathon, quest’anno valida anche come Campionato Italiano Assoluto e Master di Maratona, e che, come ogni anno, sarà affiancata dalla Cangrande Half Marathon e dalla Last 10km Marathon.

Ma quest’anno a prender parte all’evento podistico scaligero ci saranno anche sette neo atleti che, il 19 novembre, sfideranno se stessi nella 42k o nella 21k: sono la squadra del progetto “Sarà un Maratoneta”, voluto e sostenuto dal Veronamarathon Team, che porterà questi sette ragazzi a seguire un lungo percorso di allenamento, seguiti dal coach Ilaria Benetti, che li trasformerà in maratoneti.

Finalità del progetto ideato da Veronamarathon è dimostrare attraverso queste sette persone chetutti, dal sedentario alla madre di famiglia, possono diventare runner e maratoneti. Dimostrare che è più semplice e meno rischioso raggiungere il benessere e la forma fisica attraverso un piano graduale e professionale di allenamento come sarà quello gestito da Ilaria Benetti. AncoraAgsm Veronamarathon infatti metterà a disposizione dei sette protagonisti un medico sportivo ed un nutrizionista così che possano avere assistenza completa in questi mesi.

Fondamentale dire che ‘Sarà un Maratoneta’ è un progetto dedicato a tutti, non solo ai sette protagonisti presentati qui sotto. Sarà un Maratoneta vuole essere una guida e un esempio per chi oggi vive solo sul divano e non corre ancora o corre solo saltuariamente e chissà magari seguendo e leggendo di questi ragazzi ci vorrà provare.

Ogni settimana sui social della Veronamarathon e sulla pagina dedicata del sitohttp://veronamarathonteam.it/nascera-una-maratoneta/ saranno pubblicati i diari dei loro allenamenti, ma anche i loro pensieri, le loro speranze, i dubbi o le paure, ma anche l’entusiasmo, i progressi e la voglia di sfidare se stessi. Il progetto ‘Sarà un Maratoneta’ avrà davvero raggiunto la sua finalità se porterà al traguardo di una delle tre gare della Agsm Veronamarathon non solo i ‘Magnifici Sette’ come amiamo definirli, ma qualsiasi altra persona che oggi magari corre poco o nulla.

I PROTAGONISTI – Di seguito i ‘Magnifici Sette’ che domenica 19 novembre 2017 si metteranno alla prova per tentare di realizzare il proprio sogno.

Adriano Chiminazzo (Il Sedentario) – Veronese trentanovenne, Adry è un libero professionista che, dopo quattro anni da sedentario, ha deciso di rimettersi in forma e di sfidarsi per sentirsi vivo! Intenzionato a portare a termine la sua prima Maratona, oggi si allena almeno tre volte alla settimana.

Carlo Damioli (Il medico) – Veronese, ma nato in Val Camonica, Carlo è un medico di trentatré anni che, dopo una vita di corse discontinue, ha deciso di mettersi alla prova per provare a concludere la sua prima Maratona. Al suo attivo, un breve trail e la Gensan Giulietta & Romeo Half Marathon 2016.

Michela Conti (La Tigre) – Trentaduenne bancaria di Pastrengo, località sul Lago di Garda, Michela detta ‘la Tigre’ corre ormai da cinque anni. Pur allenandosi tre volte alla settimana ed avendo partecipato a tre Mezze Maratone, ora ha deciso di mettere nel mirino una 42k da preparare però con professionalità.

Eros Cason (Il recidivo): Quarantaduenne veronese, Eros non correva da circa quattordici anni. Spinto da un amico ha quindi deciso di provare a rimettersi in forma seguendo il progetto di Veronamarathon: interessato solo ad arrivare alla fine della gara, Eros parteciperà alla Cangrande Half Marathon.

Jano Peduzzi (l’Architetto fuori forma): Architetto quarantunenne, Jano si divide tra il running e la passione per la bici da corsa. Appassionato di sport, ma attualmente fuori forma ed appesantito, ha deciso di aderire al progetto alla ricerca di nuovi stimoli che lo aiutino a ritrovare la forma perduta.

Manuel De Masi (Il Dema) – Ventottenne di Riva del Garda, Manuel, detto Dema, è il più competitivo del gruppo. Ex tennista agonista, corre già da qualche anno e sogna di poter chiudere la propria prima Maratona in 3h30”. Nel 2014 ha chiuso la Garda Half Marathon in 1h38”.

Maria Margherita Zamboni (La Fisioterapista) –  fisioterapista quarantenne, Marghe con gli ‘anta’ ha deciso di volersi rimettere in forma, anche per avvicinare i propri figli al mondo dello sport, per fargli comprendere il senso del sacrificio e della fatica, necessari per conseguire qualunque obiettivo.

INFORMAZIONI – www.veronamarathon.it

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Monte Rosa Walser Trail 2018. – Numeri e livello per un edizione sempre più internazionale
22 Settembre, nasce il Trieste Urban Trail
Convocati gli azzurri per i mondiali 100km. Però manca…
Abbigliamento Accessori Calzature
La terra è diventata più soffice grazie al sistema di ammortizzaizone DNA Loft delle nuove Ghost 11
MIZUNO PRESENTA LA NUOVA COLEZIONE TRAIL RUNNING.
Con le Glycerin 16 Brooks presenta la nuova tecnologia DNA LOFT, per un esperienza di corsa più morbida.
#pastaparty
Maratona di Torino, un appuntamento imperdibile
Il 18 dicembre Pisa Marathon compie 20 anni
#Pastaparty con Davide Beccaro di Sziols, occhiali per l’outdoor con caratteristiche molto speciali