100 KM DEL CARIBE, 100 KM DI EMOZIONI

di Silvana Lattanzio; foto di Pierluigi Benini

Siamo giunti alla 4^ edizione di questa bellissima gara che si corre in terra dominicana, unica nel suo genere. E il popolo dei podisti apprezza, in un crescendo di iscrizioni sia di italiani sia di stranieri. Cinque le tappe e a ognuna ci si può iscrivere singolarmente, con tanto di classifica e medaglia guadagnata traguardando la finish line. Ma poi ce ne è una, la più grande, la più ambita, che si consegna solo a coloro che hanno portato a termine tutte cinque le tappe. Poco meno di un centinaio i veri eroi, i centochilometristi, oltre 500 gli “avventizi” dell’ultima tappa.

Quest’anno la competizione ha avuto anche una nota di turismo in più, introducendo nel programma la visita alla fabbrica del tabacco dove si producono i famosissimi sigari Davidoff, esportati poi in tutto il mondo, e al centro di produzione del Rum Brugal, due vere eccellenze dominicane. Altra novità: l’appoggio alla Fundacion Proyecto Ayuda al Nino Casa de luz, che aiuta 38 bimbi disabili abbandonati contando esclusivamente sulla beneficienza. Il cuore grande di Mariluz Vinas, patron della gara, e di Daniele Barbone, podista per passione, ha dato vita alla raccolta fondi per questi bimbi sfortunati. Per maggiori info: www.runnerdeluz.it

Ma eccoci alla gara

1^ tappa: Santiago, 12 km, 400 m di dislivello, si parte in salita per oltre 4 km per poi ridiscendere su di un territorio chiuso da gole di montagna, ruscelli da attraversare, single track da correre (chi riesce). E pietre, tante pietre. Chi pensava di venire qui a fare una sgambata deve cambiare idea. Questa è un’ultra, ragazzi!

2^ tappa: Puerto Plata, 18 km, 1.350 m di dislivello. Qui si fa selezione vera. A parte il 1° km e gli ultimi 3, che sono di asfalto, per il resto tutto è percorso di montagna, con qualche difficoltà tecnica, fango, rocce, prati. Per fortuna, tre sono i ristori che si susseguono a 4 km l’uno dall’altro e che coi loro bicchierini di acqua e Gatorade ghiacciati tirano su l’animo del podista affaticato. Ne ho fatte tante di gare, ma questa delle bevande fredde ai ristori è una vera e propria chicca. Il percorso è in linea, per cui una volta giunti in cima alla montagna, nei pressi della statua del Cristo, una teleferica ci riporta giù.

3^ tappa: Sosua Cabarete, 20 km, dislivello negativo 400 m. Sì, qui si va in discesa, o per lo meno, quasi sempre.

Meraviglia! Ancora verde, giungla, palmeti ma ecco che dal 12° km, e quindi per gli ultimi 8, finalmente si corre sulla playa! Sabbia, sì, fatica, ma la bellezza dei luoghi ripaga di tutto! E poi volevate la spiaggia? Eccola!

4^ tappa, la regina, la più temuta, la più attesa: Las Terrenas, 45 km con dislivello positivo e negativo di 750 m. Qui c’è veramente di tutto: asfalto (poco), terra battuta, fango, fiumi da attraversare, la splendida cascata di 50 m, il Salto el Limon, con alla sua base una piscina naturale che, per chi non è in lotta col tempo, è un’ottima opportunità per rinfrescarsi; e poi attraversamento di strade con piccole case e tanti bimbi festanti, spiaggia, mangrovie che ostruiscono il passaggio e quindi il percorso si sposta dentro il mare, segnalato da bandierine affioranti.

Qui l’acqua arriva alla cintola, per chi è basso anche più su, ma l’organizzazione ha previsto l’accompagnamento per mano per chi ha più paura. Ed ecco ancora spiaggia, a tratti selvaggia e isolata, a tratti turistica, con bagnanti che al passaggio ci incoraggiano. Allora noi tiriamo fuori le ultime energie che abbiamo per l’orgoglio di non farci vedere troppo stanchi: ed ecco che il passo si allunga, le spalle si raddrizzano, lo sguardo si alza.

5^ e ultima tappa: Las Terrenas, 12 km, tutto piatto, metà interno, metà mare. E’ fatta, il morale è alto, le gambe girano bene, il traguardo è a portata di mano. Ed eccolo lì l’arco della Meta, la musica, gli amici già arrivati. Passata la finish line, si va diretti nel mare, così come siamo, con tanto di scarpe, maglietta e pettorale.

Il vincitore, Carlos COGNOME?, detto “Cuba”, è il vero campione di cuore: a tutte le tappe lui, che arrivava molto prima degli altri, non badava alla sua fatica ma a ritroso ci correva incontro per portare acqua e sostegno a chi ancora stringeva i denti lungo il percorso. “Quanto manca, Carlos?”; sempre con un sorriso incoraggiante rispondeva: “Manca poco, è lì la meta!”. Grande uomo. Ma di storie di cuore ce ne sono tante in questa bella gara che tiene i partecipanti così a stretto contatto con la natura.

Ed è forse proprio questo, l’immersione dentro Madre Natura, che ci rende migliori. Come le due amiche/concorrenti francesi: una forte, una in crisi. La prima è 3^ tra le donne fino alla fine della penultima tappa, quella che non perdona se sei debole. L’amica, invece, è tra gli ultimi, in piena crisi. Chiede sempre dell’amica, ha bisogno di trovarla lì al traguardo ad aspettarla. E’ la sua forza, il suo motivo per andare avanti. E lei c’è, è lì ad accoglierla quando ormai la giornata volge già verso l’imbrunire. Come pure è rimasta al suo fianco, al suo passo, anche il giorno dopo, all’ultima tappa, a quella che le avrebbe decretato il 3° gradino del podio. Ma a lei non interessa. L’amicizia è più importante di una vittoria.

Per maggiori info: www.100kmdelcaribe.com

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
DELICIOUS TRAIL DOLOMITI: INTERVISTA A KRISTIAN GHEDINA
LA 10 DI BARDOLINO? Confermata per l’8 Ottobre 2017!!!
“SARÀ UN MARATONETA”, IL PROGETTO DEL VERONAMARATHON TEAM CHE TRASFORMA I SEDENTARI IN MARATONETI
Abbigliamento Accessori Calzature
Scopri La Maglia Tecnica Ufficiale della 32^ Venicemarathon
ASICS lancia la GEL-FujiRado
ASICS RoadHawk FF™: LA NUOVA SCARPA ASICS UNISCE TECNOLOGIA ED ELEGANZA