Tentativo record del mondo maratona sotto le 2 ore. Ma è valido?

Ci siamo, manca poco, pochissimo. Ogni dettaglio è al suo posto ed è previsto pure bel tempo, condizioni ideali per questo tentativo di primato mondiale che si terrà sabato a Monza in autodromo. Tre campionissimi al via, ma è giusto dare omologazione a questo primato se avverrà?

E’ una vera gara? no. Eppure anche nel ciclismo si prova il record dell’ora in pista con biciclette che non sono certo quelle che utilizziamo nelle granfondo o al Giro d’Italia. E allora non poteva essere fatto in una pista di atletica leggera? Certo, non era…su strada. Ma l’autodromo è una strada?

Non ci sono avversari ma solo lepri, non ci saranno curve o tombini, non ci saranno tattiche ma solo testa bassa e menare le gambe. Va bene anche così, forse è solo così che si può davvero arrivare a capire il limite umano. Ma la domanda rimane…giusto o no omologare?

Intanto questo il comunicato Fidal ufficiale che comunque ha inserito l’evento Nike nel proprio calendario ufficiale…

Il 6 maggio all’Autodromo Nazionale di Monza un trio di big con l’olimpionico Kipchoge, Tadese e Desisa tenteranno di correre il crono più veloce di sempre sui 42,195km. Obiettivo: infrangere il muro dei 120 minuti.

(Monza) – Correre una maratona in meno di 2 ore, quasi tre minuti più velocemente dell’attuale record del mondo. Una sfida ambiziosa, ma è l’obiettivo dichiarato della Nike Breaking2 che il 6 maggio sul circuito dell’Autodromo Nazionale di Monza tenterà l’impresa dei 42,195 chilometri sotto i 120 minuti.

Il primato mondiale maschile è il 2h02:57 di Dennis Kimetto a Berlino nel 2014. Un crono a cui, nelle primissime ore di sabato mattina (lo start dovrebbe avvenire alle 5:45), sono intenzionati a dare l’assalto tre big della maratona guidati da Eliud Kipchoge. 32 anni, keniano, è il campione olimpico in carica e il terzo uomo di tutti i tempi sulla distanza grazie al 2h03:05 che l’ha portato alla vittoria della maratona di Londra nel 2016. Insieme a lui, il 34enne eritreo Zersenay Tadese, ovvero il recordman mondiale di mezza maratona con 58:23 a Lisbona nel 2010. Il più giovane del trio ha 27 anni e arriva dall’Etiopia, il suo nome è Lelisa Desisa ed è salito alla ribalta nel 2013 con un formidabile esordio in 2h04:45 alla maratona di Dubai. Nel suo palmarès due vittorie a Boston (2013 e 2015) e un personal best di 59:30 sui 21,097km.

LA SFIDA – Per scendere sotto al limite delle due ore nella maratona, un atleta dovrebbe migliorare di circa il 3% il tempo più veloce mai registrato da un uomo su questa distanza: il 2h02:57 di Kimetto. Tradotto significa limare sette secondi da ognuna delle 26,2 miglia (42 km) di gara. Un’operazione che ha alle spalle studi e ricerche accurate e che ha preso in considerazione ogni minimo dettaglio. In primis il percorso, un anello fisso di 2,4 km all’interno del complesso dell’Autodromo Nazionale di Monza. Questa sede – in base a quanto sostenuto dagli Organizzatori – soddisfa le caratteristiche ambientali essenziali. La temperatura si aggira intorno ai 12°C e la pressione atmosferica è inferiore a 12mmHg. Inoltre, il cielo è tendenzialmente coperto (e questo riduce al minimo il carico termico sui runner) e le correnti d’aria non manifestano improvvisi cambi di direzione, grazie al fatto che il percorso è perfettamente collocato in un’area pianeggiante in mezzo a molti alberi. A questo si unisce un tracciato netto ed uniforme caratterizzato dalla compatezza del manto d’asfalto su cui di solito sfrecciano i bolidi a quattro ruote della Formula 1.

SUPERARE IL LIMITE – La Nike Breaking2 – evento regolarmente inserito nel calendario nazionale FIDAL – si disputerà in un giorno che ha già visto cadere un limite ritenuto impossibile all’epoca. Era il 6 maggio del 1954 e Roger Bannister ad Oxford diventava il primo uomo nella storia dell’atletica a correre il Miglio in meno di 4 minuti: 3:59.4. Da lì in avanti quella soglia è stata ripetutamente infranta da tanti altri atleti con il culmine raggiunto dal marocchino Hicham El Guerrouj che al Golden Gala di Roma nel 1999 ha fermato il cronometro a 3:43.13, record del mondo.

STREAMING – Gli Organizzatori hanno annunciato una diretta streaming dell’evento che sarà trasmessa al seguente link: www.nike.com/it/it_it/c/justdoit

 

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
ANNA E LA SUA MARATONA DI VENEZIA: 42K DA CORRERE CON IL SORRISO
ALLA SCOPERTA DELLA LUCCAMARATHON 2017
2 MESI ALLA MARATONA DI PISA: SCOPRIAMO I PROGETTI CHARITY
Abbigliamento Accessori Calzature
BV SPORT sbarca nelle OCR, le gare di corsa a ostacoli
CARBON ENERGIZED SUIT E DRYARN. ENERGIZE YOUR BODY
GARMIN FORERUNNER® 30, LA SEMPLICITÀ DI CORRERE