ALICE BETTO ‘RISORGE’ AD ABU DABHI

Ad accompagnare la triathleta azzurra in questo rientro alle competizioni, i suoi inseparabili X-Kross by Sziols, il sistema occhiale tedesco progettato per lo sport all’aria aperta.

ABU DABHI – “Back in track: diciottesima ad Abu Dabhi, prima tappa del circuito WTS, dopo due anni di lontananza dalle competizioni per infortunio!!!” Sono state le prime parole, o quasi, profferite da una raggiante Alice Betto dopo la gara di sabato 4 marzo ad Abu Dabhi.

“Stare da subito là davanti, in fuga con le prime, come se il tempo non fosse passato, è stata una soddisfazione enorme, così come poter gareggiare senza dolore – ha proseguito la triathleta Azzurra, Sziols Ambassador da ormai un paio d’anni –. Ho vinto la scommessa di rientrare sul palcoscenico più prestigioso senza nessuna preparazione specifica e con solo un mese, e poco più, di corsa ‘sulle spalle’: certo ieri è stato un ‘allenamento’ massacrante, ma alla fine ne è davvero valsa la pena. La strada è ancora lunga e dura, le avversarie sono tante, nuove e agguerrite, ma ho la consapevolezza di poter tornare più forte di prima!”

In occasione del suo rientro nel mondo delle gare, Alice ha ripreso da dove si era fermata, indossando i suoi X-Kross by Sziols sopra una corazza di determinazione e coraggio: “Dopo questo test di altissimo livello – ha chiosato Alice – possiamo iniziare a fare sul serio”.

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Un momento dell’allenamento col sorriso da parte delle Flying Girls insieme al triatleta Ironman Alessandro Degasperi (2° ad Ironman Nizza e 20° a mondiale Ironman Kona alle Hawaii) testimonial Hoka One One (Foto ©Enrico Veronese)
Maratona di Pisa: sconto iscrizione in Expo Firenze Marathon
Oro, argento e bronzo: ecco le medaglie della CRAI CagliariRespira
Black Friday: occasione strepitosa Venicemarathon!
Abbigliamento Accessori Calzature
SCOPRI FOCUS E PHOTOCROMATIC, LE LENTI RETINA SHIELD DI SZIOLS
Con le 361° Stratomic…vado un grado oltre
BV SPORT sbarca nelle OCR, le gare di corsa a ostacoli