Locatelli-Baldini per l’Italia del futuro

Il duo alla testa della nuova struttura tecnica federale. 33 gli atleti inseriti nell’Atletica Elite Club, un’ottantina gli under 25 seguiti dall’oro olimpico di Atene 2004. Assistenti Pericoli e Andreozzi.

FIDAL – Elio Locatelli Direttore Tecnico dell’Alto Livello e Stefano Baldini Direttore Tecnico allo Sviluppo. Sono loro i vertici della nuova struttura tecnica federale dell’Atletica Italiana. “Una struttura che risponde a due esigenze fondamentali: il supporto dell’attività di alto e altissimo livello e lo sviluppo dei talenti Under 25”dichiara il presidente della FIDAL Alfio Giomi durante la conferenza stampa svoltasi oggi presso la sede federale a Roma. “Il progetto è dunque doppio e ha due punti di riferimento, ma riteniamo determinante anche una terza nomina, quella del nuovo medico federale che sarà Andrea Billi, un primario ortopedico di altissimo livello. A lui abbiamo già chiesto un quadro completo della situazione sanitaria dei nostri atleti”. Ufficializzati anche Roberto Pericoli nel ruolo di assistente alla Direzione Tecnica Alto Livello e Antonio Andreozzi a quella Giovanile e allo Sviluppo, con l’oro olimpico Gabriella Dorio capitano delle squadre giovanili. Filippo di Mulo sarà consulente per la velocità (coadiuvato da Giorgio Frinolli e Riccardo Pisani), Gianni Ghidini per il mezzofondo e Antonio La Torre per fondo e marcia. A Paolo Germanetto vengono affidati invece corsa in montagna, trail e ultradistanze. Inseriti nella struttura anche diversi azzurri o ex azzurri: Fabrizio Mori è tutor degli ostacoli, Nicola Vizzoni advisor dei lanci.

“Vogliamo investire molto sui tecnici, per formare una nuova generazione di allenatori che nell’arco della propria carriera possano seguire più atleti d’elite – conclude il presidente Giomi -. Il binomio tecnico-atleta sarà ancora più valorizzato”.

LOCATELLI PER I 33 DELL’ATLETICA ELITE CLUB – “Nell’AEC – spiega Elio Locatelli – sono stati inseriti 33 atleti, fra cui 16 donne e 17 uomini: i finalisti e semifinalisti dei Giochi Olimpici e dei Mondiali – o arrivati fra i 24 -, i primi sei degli Europei, i medagliati dei Mondiali U20. Sono stati inseriti per scelta tecnica azzurri di sicuro interesse come Eleonora Giorgi, Federica Del Buono, Gloria Hooper, Yeman Crippa, Marcel Lamont Jacobs e Silvano Chesani”. Continua Locatelli: “Gli atleti inseriti nell’AEC e i loro tecnici riceveranno un’assistenza completa durante ogni fase agonistica e della preparazione, affiancati anche dalla SSTS, la Squadra di Supporto Tecnico Scientifico, composta da Di Mulo, Ghidini e La Torre”.

“Gli atleti che già si trovano all’estero, come Grenot, Hooper e Fassinotti, continueranno ad allenarsi nella sede consueta, ma investiremo sui centri in Italia. Gli staffettisti, penso per esempio alla 4×100 uomini, passeranno almeno una settimana al mese in raduno. Per fondisti, mezzofondisti e marciatori ci saranno raduni in quota, possibilmente per gruppi e finalizzati ai grandi appuntamenti in maglia azzurra”.

“Per gli Euroindoor di Belgrado prenderemo in considerazione solo chi conseguirà o ribadirà il minimo nel 2017, quindi nelle prossime settimane. Fa eccezione la 4×400 donne, che è stata invitata: e le ragazze potrebbero correre anche la gara individuale. Ai Mondiali di cross di Kampala andranno solo i competitivi. Ai Mondiali di Londra? Io immagino una squadra composta da una cinquantina di atleti”.

BALDINI PER GLI UNDER 25 E LO SVILUPPO – Si allarga l’ambito di responsabilità dell’oro olimpico di Atene 2004, che fino al 2016 era DT degli Under 20: “Il progetto sviluppo comprende circa 80 ragazzi nati dal 1993 al 1997, quindi dai 20 ai 25 anni, e risponde alle difficoltà che si riscontrano, in Italia come all’estero, nel portare le giovani promesse ad essere competitive ai massimi livelli. I talenti per diventare campioni hanno bisogno di investimenti: in Germania per esempio esiste il JET team, acronimo di Junior Elite Team”. Prosegue il campione olimpico di Atene 2004: “Mi assisteranno sempre Tonino Andreozzi, nelle vesti di Assistente, e Gabriella Dorio, capitano delle squadre giovanili. Oltre a loro, un settore tecnico formato da 26 nomi a formare un bel mix tra esperienza e gioventù: andiamo dai 30 anni di Maurizio Cito (coach dell’oro europeo U20 Yohanes Chiappinelli ndr) agli 82 del professor Luciano Gigliotti, che è fra i più moderni nel modo di intendere l’atletica. Altri giovani tecnici saranno coinvolti di volta in volta, “a gettone”: il nostro obiettivo è anche costruire il settore tecnico del futuro”.

“Fanno parte della struttura dedicata allo sviluppo anche uno staff medico, fisioterapico, nutrizionale e psicologico, per un’assistenza a 360 gradi sia dell’atleta che del tecnico. Collaboreremo con l’alto livello, facendo riferimento per l’aspetto metodologico anche agli advisor e ai tutor, che saranno anche stranieri. Sottolineo che il settore velocità sarà trasversale, per curare meglio i progetti staffette, e che lo sviluppo degli Under 18 è affidato alle strutture regionali, con Stefano Ruggeri nelle vesti di coordinatore e i nostri tutor ad affiancare i tecnici regionali. Incontrerò a breve i fiduciari”.

“Ai Mondiali Allievi di Nairobi porteremo una ventina di atleti selezionati per scelta tecnica, parlando prima con le famiglie e le società a causa delle difficoltà sanitare e logistiche. Agli Europei Under20 di Grosseto invece intendiamo portare una squadra numerosa per sfruttare il fattore campo”.

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
A Palermo, la prima Corsa per la Memoria
Tutti i record della 24 Ore di Torino!!!
Virgin Active Urban Obstacle Race: presentata la prima corsa dedicata all’allenamento funzionale
Abbigliamento Accessori Calzature
1620 RUN EVOBRIGHT, METTI AI PIEDI LE NUOVE MEDIUM COMPRESSION FLUO BY OXYBURN
ASICS LANCIA LA NUOVA GEL-QUANTUM 360™ CON L’INTRODUZIONE DELL’INNOVATIVA TOMAIA KNIT
DYNAFIT ALPINE PRO: DINAMISMO DAL TALLONE ALLA PUNTA DEL PIEDE