COME NUTRIRSI E IDRATARSI PER AFFRONTARE LA MARATONA DI NEW YORK

Fulvio Massini in partenza con Born2Run spiega cosa fare prima e durante la 42K

 Il prossimo 6 novembre è di scena la maratona più sognata del pianeta, la TCS New York City Marathon, e Born2Run si prepara a correrla insieme al gruppone di maratoneti provenienti da ogni parte d’Italia.

Una competizione che ogni anno registra grandi numeri, basti pensare che la passata edizione ha visto 49.595 finishers (tempo medio 4 ore 38 minuti e 27 secondi), oltre un milione gli spettatori lungo il percorso e ben 150 band live dislocate nei cinque distretti.

Ma come nutrirsi e idratarsi per affrontare al meglio questa maratona?

Ce lo spiega il prof. Fulvio Massini, preparatore atletico, in partenza con Born2Run.

«La settimana che precede la maratona si può mangiare come sempre, senza variare le quantità. Sarà una settimana di scarico e allenandoci meno ma continuando a mangiare le solite porzioni, sarà naturale fare il carico dei carboidrati».

Quando i maratoneti saranno a New York, cosa dovrebbero privilegiare?

«A pranzo e a cena consiglio di mangiare verdura, pasta o riso ma senza trascurare il secondo a base di proteine, fondamentali per affrontare una 42 km. Le quantità? Normali, 100-120 grammi per quanto concerne la pasta». 

E la sera prima della maratona?

«Come prima cosa cercherei di non cenare tardissimo, direi tra le 19.30 e le 20.30. Mangerei un piatto di verdura mista, poi della pasta al pomodoro con un po’ di parmigiano e un secondo; sono un fan del salmone ma andrà bene anche della carne bianca. Occorre fare attenzione alla pizza, perché se non è ben lievitata potrebbe risultare indigeribile. Se possibile consiglio di concludere la cena con un dolce tipo cheesecake o crostata».

Come idratarsi?

«Bevendo come si è sempre bevuto scegliendo un’acqua dal residuo fisso non inferiore a 200 e non superiore a 500, in pratica né troppo leggera ma neppure eccessivamente mineralizzata».

Lungo il percorso come ci si deve comportare?

«Consiglio di portarsi da casa dei prodotti come gel e integratori che già si conoscono e assumere quelli lungo il percorso. Occorre poi bere ma senza esagerare; a New York ci sono rifornimenti ogni miglio (a partire dal 3°) e sarebbe eccessivo fermarsi in tutti.

Importante portarsi qualcosa da sgranocchiare e bere la mattina della gara; si arriva a Fort Wadsworth molto presto, verso le 7.30, e la prima wave parte alle 9.50. Sul posto si potranno comunque trovare dei bagel, donuts, muffin, tè e caffè ma, come detto in precedenza, meglio nutrirsi con del cibo a cui si è abituati per non incorrere in possibili spiacevoli inconvenienti».

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
A SAN VENDEMIANO NASCE ATL.ETICA, UN SALTO… CULTURALE!
Servizi al top e grande cuore per la ‘6 ore per le vie di Curinga’
Succede che chi vince l’argento…scrive a chi vince l’oro. Franscesco Puppi l’ha fatto
Abbigliamento Accessori Calzature
HOKA ONE ONE RIVISITA LE CLIFTON 4 E LE SPEEDGOAT 2
Scopri La Maglia Tecnica Ufficiale della 32^ Venicemarathon
ASICS lancia la GEL-FujiRado