Il Salvelox Pit-Stop alla 31° Venice Marathon, un soccorso per i corridori professionisti

MESSAGGIO PUBBLICITARIO

E’ forse possibile correre sull’acqua? E’ forse possibile affrontare 42, 195 Km di corsa senza interruzioni? Sì, grazie al Salvelox Pit-Stop, allestito per tutti i partecipanti agonistici della 31° edizione della Venice Marathon 42K, in programma il prossimo 23 ottobre.

Per tutti i corridori professionisti che si cimenteranno con la 42K di gara è infatti prevista una postazione per ricevere un primo aiuto in caso di piccole ferite, abrasioni e vesciche, che potrebbero insorgere durante la competizione.

Il Salvelox Pit-Stop è infatti un vero e proprio corner di primo soccorso, allestito presso il Parco San Giuliano al 30 km, a disposizione per affrontare la sezione finale della Venice Marathon. 6 infermieri professionisti saranno presenti per soccorrere gli atleti partecipanti e offrire un primo aiuto per la gestione di quelle problematiche che potrebbero compromettere l’esito della gara.

Siamo tutti convinti che i corridori professionisti sappiano proteggersi con strategie preventive supplementari, – spiega il Prof. Feliciantonio Di Domenica, ortopedico, fisiatra,direttore della Fondazione Europea Ricerca Biomedica e per vent’anni medico federale F.I.R. – o che comunque sappiano intervenire appena cominciano i primi segnali di disagio alle proprie estremità. Ma la gestione di una struttura complessa come quella del piede, che è composta oltre che da 26 ossa, anche da molteplici articolazioni, delle quali la più importante è la caviglia. Tutte insieme compongono un complesso architettonico capace di sopportare carichi notevoli. Allo stesso tempo, però; se non adeguatamente tutelata tale struttura diventa fragile e può andare incontro a patologie anche importanti. E’ quindi suscettibile di grandi o piccoli inconvenienti e richiede delle attenzioni particolari che è meglio non sottovalutare.

Un’intensa attività sportiva quale la maratona influisce sullo stato di salute dei piedi per colpa di diversi fattori concomitanti, e anche l’atleta più scrupoloso può incontrare delle difficoltà ed essere messo a ko da:

  • vesciche, rigonfiamenti della pelle al cui interno si forma del liquido trasparente, che si forma in reazione di autodifesa quando la pelle è sottoposta a eccessivo sfregamento;
  • calli e duroni, ispessimenti della cute duri e dolenti in risposta alla continua pressione del corpo;
  • dermatiti allergiche da contatto con materiali non idonei.

Il Salvelox Pit-Stop è a disposizione per affrontare tutto questo e permettere che i valori stessi della maratona, quali la sfida con sé e con gli altri, il superamento dei limiti, la ricerca della prova perfetta, non vengano meno per piccoli inconvenienti.

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Stralivigno, un successo nonostante la pioggia battente per la 19.a edizione della “mezza” trail
Dal 21 al 22 luglio 2018, I risultati delle gare di Timing Data Service
Scegli la tua gara! Il calendario delle gare firmate TDS dal 28 al 29 luglio.
Abbigliamento Accessori Calzature
La terra è diventata più soffice grazie al sistema di ammortizzaizone DNA Loft delle nuove Ghost 11
MIZUNO PRESENTA LA NUOVA COLEZIONE TRAIL RUNNING.
Con le Glycerin 16 Brooks presenta la nuova tecnologia DNA LOFT, per un esperienza di corsa più morbida.
#pastaparty
Cagliari Urban Trail, emozionante da vedere e da vivere
Maratona di Torino, un appuntamento imperdibile
Il 18 dicembre Pisa Marathon compie 20 anni