L’analisi per migliorare l’efficienza di corsa: FORM by Mizuno

Form Optimizer of Running Methodology è un sistema di analisi della corsa ideato da Mizuno che permette lo studio avanzato delle caratteristiche del runner al fine di ottimizzare la propria tecnica. FORM si differenzia dalle altre analisi proposte sul mercato perché frutto di una ricerca condotta direttamente dall’azienda, che ha permesso l’elaborazione in esclusiva di questa metodologia, grazie ad anni di studi e l’analisi di svariati profili di runner.

L’idea del progetto è nata a fine 2012, quando gli ingegneri Mizuno hanno deciso di creare un sistema di analisi avanzato che facesse da tramite tra l’offerta del miglior prodotto possibile e del miglior servizio possibile. Per la realizzazione sono occorsi poco più di tre anni, al termine dei quali sono stati aperti sei sistemi in Giappone (Tokyo, Osaka, Kyoto, Okinawa, Sapporo e Kumamoto) e uno in Brasile.

I tecnici di Mizuno Italia lo presenteranno prossimamente all’interno del monomarca di Torino lunedì 10 e martedì 11 ottobre, e in seconda battuta, per un altro appuntamento a Milano mercoledì 19 ottobre da Koala Sport dove Mizuno FORM sarà messo a disposizione dei runner.

Attraverso lo studio del comportamento del corpo e l’utilizzo di strumentazioni avanzate, si possono individuare alcuni punti chiave della corsa, dare consigli tecnici su come migliorare l’efficienza biomeccanica e su come prevenire alcuni infortuni, e infine si possono individuare i prodotti Mizuno più adatti (scarpe ma anche capi di abbigliamento a compressione).

Proprio negli anni in cui il podismo si è trasformato al punto da comprendere tantissime persone che fanno running per benessere, divertimento e desiderio di socializzare, e di conseguenza è andato a mettere in secondo piano quella che è la sua componente più tecnica, la ricerca della performance, l’attenzione per il cronometro, continuiamo ad assistere alla presentazione di sistemi di analisi della corsa sempre più accurati e sofisticati. Non è un caso e anzi un servizio come il FORM può essere un importante plus per un’azienda che mira a coinvolgere un’utenza sempre più vasta e di vario tipo come Mizuno.

In che cosa si differenzia questo progetto dagli altri presenti sul mercato? Frutto di un lavoro condotto internamente dall’azienda, sotto la guida dello sviluppatore Yoshinobu Watanabe e di Takashi Ozaki, business implementation coordinator, il suo punto di forza non riguarda un concetto di analisi biomeccanica della corsa in un’ottica meramente limitata all’acquisto. Attraverso il calcolo di un punteggio specifico e l’elaborazione di alcuni parametri fondamentali, il software è infatti in grado di proporre una linea guida per ogni persona con indicazioni utili a migliorare la propria efficienza di corsa. Solo in quest’ordine di priorità, al termine della seduta vengono anche consigliate eventuali proposte ad hoc riguardanti le collezioni footwear e apparel Mizuno.

Il test prevede una serie di passaggi che possono essere riassunti come trovate di seguito.

1. Compilazione del modulo informativo / Il runner compila il modulo con le informazioni personali che lo riguardano, le sue esperienze di corsa, i tempi personali e gli eventuali problemi fisici. Esamina insieme a un tecnico il modulo compilato e risponde ad alcune domande

2. Applicazione dei sensori / Dopo aver verificato l’abbigliamento e la calzatura adeguati, si applicano sei sensori rifrangenti nei punti chiave dell’analisi: spalla, gomito, polso, anca, ginocchio, caviglia

3. Corsa su tapis roulant / Il runner viene fatto correre per circa 5 minuti. Quando è a regime, i tecnici registrano per 10 secondi la sua corsa con due telecamere ad alta velocità in motion caputure da due diverse angolazioni

4. Analisi in 3D / I dati acquisiti permettono di analizzare lo stile di corsa basandosi sulle tecniche di nuova generazione elaborate dai ricercatori Mizuno

5. Cinque parametri / Il risultato finale è valutato attraverso cinque parametri: sicurezza, postura, rilassamento, corsa e swing (oscillazione del bacino)

6. Risultato finale / Spiegazione finale del test, con analisi filmata in slow motion della tecnica di corsa. Si possono approfondire anche il movimento delle ginocchia, il tipo di appoggio e il grado di pronazione

7. Consegna / Al runner viene rilasciato un foglio che evidenzia i suggerimenti utili

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
GRUPPO BOSSONI BRESCIA ART MARATHON: AI PRIMI 200 UNA MUG IN OMAGGIO E VINCI NEW YORK
Red Bull K3: Susa si prepara ad accogliere 400 runner provenienti da tutto il mondo
LA MEZZA MARATONA D’ITALIA: MARINA GRAZIANI E’ LA MADRINA
Abbigliamento Accessori Calzature
Scopri La Maglia Tecnica Ufficiale della 32^ Venicemarathon
ASICS lancia la GEL-FujiRado
ASICS RoadHawk FF™: LA NUOVA SCARPA ASICS UNISCE TECNOLOGIA ED ELEGANZA