DELICIOUS TRAIL DOLOMITI, IL TRAIL DEL GUSTO…

Manca meno di un mese al Delicious Trail Dolomiti, la corsa del gusto di 35 km e 19 km, che abbina sport e buona cucina, con start e arrivo a Pocol, piccola località alle porte di Cortina, circondata dalle stupende vette, e in programma il prossimo 24 settembre.

È stato ribatezzato dagli organizzatori il “trail del gusto” perché non di una semplice gara si tratta, ma di un’esperienza unica che porterà i concorrenti a conoscere e a degustare i prodotti tipici della zona.

10 i rifugi coinvolti più tre ristoranti: Averau, Col Gallina, Croda da Lago, Dibona, Fedare, Lagazuoi, Nuvolau, Scoiattoli, Cinque Torri, Bai de Dones, e i ristoranti Hotel Villa Argentina, Hotel La Baita e Da Aurelio, che metteranno a punto piatti appetitosi, ma allo stesso tempo bilanciati.

È Sandro Siorpaes, del rifugio Averau, a quota 2416 metri, a spiegare cosa troveranno i concorrenti lungo il percorso: «Daremo cibi energetici dato che saranno impegnati alcune ore, ma non barrette o gel, solo piatti che caratterizzano i nostri rifugi e il territorio rivisitati in chiave sportiva».

Rifugio Averau - Foto BandionQualche esempio? «Il piatto forte della mia struttura è il Cappello dell’Alpino, ovvero dei ravioli ripieni di formaggio. Certo non riusciremo a servire i ravioli perché devono essere cotti al momento, ma faremo qualcosa che li ricorderà. Ci saranno poi i dolci, come la crostata ai frutti di bosco rivista in chiave light e la torta al cioccolato fondente e pere. In questi giorni stiamo studiando il menù, certo è che i trailers avranno delle belle soprese».

Tutte le strutture coinvolte prepareranno piatti differenti. «Tutti quanti creeremo delle specialità diverse, almeno due-tre piatti a testa. Essendo la prima edizione non sappiamo se i partecipanti si fermeranno a mangiare lungo il percorso o preferiranno restare leggeri e concentrarsi nel ristoro finale, a Pocol».

E a proposito di ristoro finale, quello che accoglierà i concorrenti e i loro accompagnatori al termine dei sali e scendi sarà speciale e a km zero.

Chef Da Riz - Foto BandionÈ lo chef Luigi Da Riz del ristorante Da Aurelio sul passo Giau, a dare qualche anticipazione:«I piatti rispecchieranno la cucina che facciamo ogni giorno, ma saranno più semplici. Per quanto mi riguarda penso di proporre degli involtini di pane con crema ai porcini cotti al forno e quindi croccanti fuori e morbidi dentro, e un maccheroncino condito con un’emulsione di erbe selvatiche e crumble di formaggio. Poi una polentina integrale abbinata a finferli e a un uovo poché spolverato con una grattata di formaggio a media stagionatura. Il tutto è all’insegna della qualità e della semplicità, il comune denomitore di tutte le strutture coinvolte nella manifestazione».

E spazio anche al vino dato che ci sarà una lista di vini del Veneto e del Trentino, che andrà a sposare le specialità proposte. Perché sarà sì un ristoro sotto una tenso-struttura ma pensato in chiave “ristorante” con tovagliato e servizio al tavolo, per rendere ancora più indimenticabile l’esperienza.

Per iscrizioni o ulteriori informazioni: www.delicioustrail.it.

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Sara Dossena contro tutti alla “stra”. L’Eden della corsa è a Livigno
Napoli running vuole te: Diventa volontario (e porta un amico)
Mondiali 100km, il ct Paolo Germanetto: “Niente donne e solo 5 uomini perchè…”
Abbigliamento Accessori Calzature
La terra è diventata più soffice grazie al sistema di ammortizzaizone DNA Loft delle nuove Ghost 11
MIZUNO PRESENTA LA NUOVA COLEZIONE TRAIL RUNNING.
Con le Glycerin 16 Brooks presenta la nuova tecnologia DNA LOFT, per un esperienza di corsa più morbida.
#pastaparty
Cagliari Urban Trail, emozionante da vedere e da vivere
Maratona di Torino, un appuntamento imperdibile
Il 18 dicembre Pisa Marathon compie 20 anni