RISULTATI RED BULL K3

Si conferma la vertical race di riferimento nella scena mondiale il Red Bull K3, la competizione di “triplo chilometro verticale” che si è svolta questa mattina sullo storico tracciato che daSusa (TO), passando per il comune di Mompantero, conduce in vetta al Rocciamelone, a 3538 metri di altezza.

Oltre 300 i partecipanti, richiamati da ogni parte del mondo, che si sono dati appuntamento nel centro della cittadina torinese e hanno tentato di raggiungere il traguardo, affrontando un percorso che per caratteristiche e difficoltà rende la gara una delle più impegnative e spettacolari nella scena internazionale.

Per la prima volta, sono state tre quest’anno le formule previste: lo storico K3 con un dislivello positivo totale di 3036 metri su un percorso di soli 9,7 km di lunghezza (due i check point posizionati lungo il tracciato, rispettivamente a 1670 metri di quota il primo, 2850 metri il secondo) e le novità del K1(chilometro verticale – a 1670 metri  di quota con un dislivello di 1180 m e sviluppo metrico di 4500 m) eK2 (doppio chilometro verticale – a 2850 metri di quota con dislivello di 2330 m e sviluppo metrico di 8000 m), che hanno consentito agli specialisti delle diverse distanze di concorrere in differenti classifiche al fianco dei top runner.

Con un tempo di 2 ore,  08 minuti e 29 secondi, sul primo gradino del podio del Red Bull K3 si piazzanoMarco Moletto e Philip Götsch,  che dopo una gara condotta fianco a fianco hanno scelto di tagliare il traguardo insieme: seconda vittoria per il primo, il piemontese già campione nel 2014 e terzo classificato nel 2015, prima partecipazione invece per l’altoatesino reduce della recente vittoria del Dolomites Vertical Kilometer di Canazei.

A completare il podio azzurro l’altoatesino Henry Hofer che raggiunge la vetta in 2 ore 9 minuti e 47 secondi conquistando la medaglia di bronzo.

Nella categoria femminile, è la spagnola Vanesa Ortega a tagliare per prima il traguardo in 2 ore 37 minuti e 2 secondi, dopo un terzo posto conquistato l’anno scorso e il recente ottimo piazzamento allo Skyrunning World Champions di Spagna. A pochi minuti di distacco, la piemontese Raffaella Miravalle, seconda classificata con il tempo di 2 ore 45 minuti e 44 secondi. Barbara Cravello si è aggiudicata un terzo posto chiudendo la gara in 2 ore 47 minuti e 6 secondi.

Risultati Red Bull K2 (8 km dislivello di 2330 m):
Enzo Mersi (01:43:51), 2° Luca Gronghi (01:51:54), 3° Alberto Turin (02:06:47).
Lorena Casse (02:38:45), 2ª Elisa Beltramo  (02:49:33), 3ª Denise Pallavicini  (02:54:13)

Risultati Red Bull K1 (4,5 km con dislivello di 1180 m):
Gian Luca Ughetti (00:57:02), 2° Simon Edwards (01:03:34), 3° Martin Russo (01:06:26)
 Cristina Dosio (00:59:46), 2ª Jessica Tieni (01:07:31), 3ª Franca Bounous  (01:26:22)

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Monte Rosa Walser Trail 2018. – Numeri e livello per un edizione sempre più internazionale
22 Settembre, nasce il Trieste Urban Trail
Convocati gli azzurri per i mondiali 100km. Però manca…
Abbigliamento Accessori Calzature
La terra è diventata più soffice grazie al sistema di ammortizzaizone DNA Loft delle nuove Ghost 11
MIZUNO PRESENTA LA NUOVA COLEZIONE TRAIL RUNNING.
Con le Glycerin 16 Brooks presenta la nuova tecnologia DNA LOFT, per un esperienza di corsa più morbida.
#pastaparty
Maratona di Torino, un appuntamento imperdibile
Il 18 dicembre Pisa Marathon compie 20 anni
#Pastaparty con Davide Beccaro di Sziols, occhiali per l’outdoor con caratteristiche molto speciali