CONCLUDERE UN IRONMAN? SI PUO’ FARE! PAROLA DI IGNAZIO ANTONACCI!

Se qualche anno fa è scoppiata la moda del running, seguita da quella del trail, oggi l’attività che sta incontrando sempre più consensi è quella della multidisciplina: e così, ogni settimana scopriamo runner o ciclisti che si cimentano in gare di triathlon. Per mettersi alla prova, per una propria personale sfida. Ma per ognuno che ‘si getta nella mischia’, ce ne sono altri che vorrebbero, ma che rinunciano ‘per paura’: tra un ‘non so nuotare’, un ‘non ho tempo per allenare tre discipline’, ed un ‘temo sia troppo faticoso per me’, quindi, rinunciano ancor prima di essersi messi alla prova. Per questo motivo è nato il Progetto Neofiti IronMan 70.3 Italy – Pescara 2017: abbiamo intervistato il Professor Ignazio Antonacci, Deus ex machina del progetto e creatore del sito RunningZen, per farci fugare qualche dubbio e sommergerlo di domande…

328234_291945380839424_100000718926817_979586_1902709322_oProfessor Antonacci… come si prepara un Ironman?

La preparazione per un IronMan 70.3 per un soggetto Neofita che voglia intraprendere questa sfida deve essere programmata in maniera personalizzata in base alle esigenze di ogni atleta: sembra una banalità, ma non lo è… un atleta non professionista che voglia preparare un IronMan 70.3 deve tener presente il tempo a disposizione durante la singola giornata e durante tutta la settimana, tra impegni di lavoro, famiglia e allenamenti! La programmazione dell’allenamento deve avere una giusta distribuzione tra le tre discipline e concentrarsi maggiormente sulle attività ove si sia più carenti per equilibrare il divario tra il Nuoto, Ciclismo e Corsa. Per preparare da “zero”, o quasi, una gara di Triathlon IronMan 70.3 è auspicabile avere almeno sette, otto mesi a disposizione per prepararsi al meglio, in maniera serena e senza affrettare i tempi con le nuove discipline e sport!

Fumarola Saverio TraguardoMa se non amo particolarmente nuotare, posso indugiare maggiormente su running e bike?

Molti atleti che si avvicinano al Triathlon non sanno nuotare o, comunque, hanno maggiori difficoltà tecniche, ma se si vuole partecipare alle gare di Triathlon, e in questo caso a una gara IronMan 70.3, si necessita comunque si nuotare e farsi piacere il Nuoto, inserire le sedute adeguate per migliorare, eventualmente facendo parte di un gruppo Master Nuoto, oppure prendere lezioni private, almeno fino a quando non si abbia una certa padronanza della Tecnica: tutto ciò per non pregiudicare la gara nonostante si possa essere allenati nella frazione di Ciclismo e Corsa. Sicuramente in alcuni momenti della preparazione ci si può concentrare sulle discipline di Bike e Running, ma almeno due sedute di nuoto devono essere inserite durante l’arco della settimana, anche perché il Nuoto viene ultimato molte volte come allenamento di trade union tra Bike e Corsa, che sono più impegnative dal punto di vista muscolare e mentale!

Lorenzo FLa frazione di nuoto mi preoccupa… mi hanno detto che in partenza volano calci e manate…

La frazione di nuoto sicuramente è la più concitata, ove la partenza a volte in gruppi numerosi di atleti non fa altro che accentuare l’eventuale tensione pre gara che ogni Neofita prova alle prime gare, ma come ogni nuova disciplina e sport, ci sono dei “trucchi” da poter mettere in atto, e questi si possono riassumere nel non mettersi avanti al gruppo, se non si ha confidenza con il nuoto, e trovare una posizione defilata per evitare la “tonnata” e, quindi, calci e manate che possano condizionare le prime fasi della gara. Una volta trovata la posizione ideale e la gara si è avviata, si potrà trovare il proprio ritmo e la frazione nuoto scivolerà con maggior serenità! Inoltre, è preferibile sempre effettuare qualche minuto di riscaldamento in acqua con qualche bracciata per percepire le sensazioni dell’acqua, provare l’eventuale sistemazione muta (se la gara lo permette), cuffia ed occhialini, in modo tale che quando ci sarà lo Start non si abbiano problemi di adattamento alla temperatura dell’acqua ed al materiale usato!

Luca FinisherPrima correvo e faticavo a trovare il tempo per allenarmi: ed ora che ho tre discipline?

L’organizzazione è alla base di ogni preparazione atletica: se si vogliono raggiungere degli obiettivi e sognare a occhi aperti grandi risultati, si necessita di organizzare le proprie giornate in modo tale che ci si possa allenare nonostante gli impegni di lavoro e di famiglia. Le soluzioni ci sono sempre! Se un runner di norma corre quattro volte a settimana e ha tre giorni di riposo, nel momento in cui inizia l’avventura Triathlon deve imparare a sfruttare al meglio il tempo a disposizione, quindi prefiggersi almeno due sedute di nuoto, una seduta di ciclismo e due o tre sedute di corsa! Alla fine, su sette giorni a disposizione ci si allena cinque volte a settimana, tenendo presente che, escludendo la bike che necessita di più tempo, per il nuoto e la corsa serve un’ora, un’ora e mezza al giorno e penso che tutti quanti abbiamo 1h30 al giorno da decidere al nostro benessere! Altro aspetto per chi si avvicina al Triathlon è quello che la disciplina diventa uno stile di Vita e, quindi, alla fine è molto più semplice allenarsi quasi tutti i giorni!

Medaglia Zurich IMSono terrorizzato dai cambi… verrà spiegato per bene come debbano essere effettuati?

I cambi, e quindi le transizioni Nuoto Bike (T1) e Bike Corsa (T2) saranno allenate in allenamento, quindi inizialmente si potrebbe pensare che sia molto difficile passare da una frazione all’altra senza soluzione di continuità, ma con un adeguato allenamento avvengono degli adattamento muscolari, mentali e tecnici tali che ognuno percepirà una piacevole sensazioni di benessere e di padronanza: a volte si riesce a correre meglio dopo aver svolto un allenamento di bike/corsa, piuttosto che non in un allenamento “a secco”, quando abbiamo comunque necessità di riscaldarci prima di svolgere un allenamento di corsa intensa! Quindi non preoccupatevi… come sempre ci vuole allenamento, allenamento, allenamento!

Sono previste più sedute d’allenamento nell’arco delle ventiquattrore?

Non sempre gli atleti neofiti che abbiamo seguito in questi anni hanno svolto una doppia seduta di allenamento durante l’arco della singola giornata, ma sicuramente sono molto efficaci soprattutto dal punto di vista organico e mentale per abituare l’organismo alla sforzo che percepirà durante la gara di Triathlon! Le possibilità organizzative sono tante, si possono inserire sedute di corsa in prima mattinata e sedute di nuoto in serata, che sono più piacevoli e rilassanti dopo una giornata di lavoro! Idem per quanto concerne il ciclismo e il nuoto, alternandoli nell’arco della giornata… ma il più delle volte un neofita si allena una sola volta al giorno!

Un Ironman prevede anche che modifichi la mia alimentazione?

A volte possono essere necessarie alcune modifiche alla propria alimentazione, perché, se si prevedono diverse sedute di allenamento durante la giornata, sarà preferibile organizzare un’alimentazione più frequente e meno abbondante per ogni pasto/spuntino/merenda. Quindi la regola è mangiare poco, ma spesso, per poter avere sempre energie durante l’arco della giornata! Dal punto di vista delle quantità delle calorie da mangiare durante l’arco della giornata, non ci sarà bisogno di stravolgere l’alimentazione, se non in alcune giornate dove saranno previsti allenamenti lunghi di ciclismo o combinati specifici Bike/Corsa!

Ma… è più faticoso concludere un Ironman o una Maratona?

Dalle esperienze di cinque anni con il Progetto Neofiti IronMan 70.3, e di molti anni nel mondo della Maratona, posso affermare senza ombra di dubbio che prendere parte e portare a termina una gara di Triathlon sulla distanza IronMan 70.3 (1.900mt di Nuoto, 90km di Ciclismo, 21km di Corsa) sia meno stressante di correre una Maratona, in quanto lo stress articolare, muscolare, tendineo e mentale durante la Maratona è più intenso di quello che si prova alternando le tre discipline Nuoto, Ciclimo, Corsa, anche se il tempo finale per un Neofita, nel portare a termine una gara IronMan 70.3, è superiore al tempo che serve per correre la Maratona!

inserzione-IRONMANSei reduce dalla conclusione di altri due progetti neofiti dedicati al Triathlon: di cosa si trattava e come sono andati?

Si trattava del Progetto Neofiti IronMan 70.3 Italy sulla distanza 70.3 e del Progetto Neofiti IronMan Zurigo Full Distance (3.800mt Nuoto, 180km Bike, 42km Corsa). Il Progetto 70.3 prevede di dare opportunità a gente comune, che non abbia mai preso parte a una gara di Triathlon o che abbia iniziato ad allenarsi nelle tre discipline, di prepararsi all’evento IronMan 70.3 Italy, unica gara del circuito IronMan in Italia: c’è una scelta dei partecipanti, la costituzione di un gruppo (massimo 35 Neofiti ), una preparazione atletica che va da ottobre a giugno, periodo in cui si svolge la gara – quest’anno è stato il 12 giugno, il prossimo anno il 18 giugno – e lo svolgimento di Stage Triathlon durante l’arco della preparazione! Stessa situazione accade per il Progetto Neofiti IronMan Zurigo, con la differenza che la distanza si raddoppia, ma vi posso assicurare che in tutti questi anni abbiamo visto neofiti che hanno alzato l’asticella dei loro sogni, passando dal Progetto Neofiti IM70.3 al Progetto Neofiti IronMan Full Distance, com’è successo anche a Zurigo domenica scorsa 24 luglio!

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
A SAN VENDEMIANO NASCE ATL.ETICA, UN SALTO… CULTURALE!
Servizi al top e grande cuore per la ‘6 ore per le vie di Curinga’
Succede che chi vince l’argento…scrive a chi vince l’oro. Franscesco Puppi l’ha fatto
Abbigliamento Accessori Calzature
HOKA ONE ONE RIVISITA LE CLIFTON 4 E LE SPEEDGOAT 2
Scopri La Maglia Tecnica Ufficiale della 32^ Venicemarathon
ASICS lancia la GEL-FujiRado