INTERVISTA VIDEO AD ALEX SCHWAZER: “LA FORZA DELLA SQUADRA”

Il marciatore altoatesino commenta la doppia vittoria, individuale e a squadre, ai Mondiali di Roma 2016

“Questo è un campionato a squadre – il commento dell’azzurro Alex Schwazervincitore della 50km ai Mondiali di marcia a Romae la vittoria a squadre era l’obiettivo per cui noi eravamo tutti molto motivati. Eravamo partiti con l’idea di stare in gruppo, ma all’inizio la gara è stata un po’ strana perchè non si trovava un ritmo, quindi ad un certo punto ho scelto di continuare al mio passo. Alla fine è andata molto molto bene e sono molto molto soddisfatto”.

A chi gli chiede delle polemiche che hanno accompagnato il suo rientro risponde: “Personalmente non ci penso tanto perchè non vado in gara per dimostrare qualcosa a qualcuno. Credo che questa storia delle critiche sia stata un po’ ingrandita perché in squadra siamo stati benissimo, siamo un bel gruppo ed oggi il risultato si è visto. Oggi poi sul percorso c’era un tifo incredibile per tutti”.  

Uno sguardo verso Rio: “Ci credo sempre e credo di poter far bene a Rio, non semplicemente di andarci. Però voglio pensarci passo dopo passo, in mezzo ci sono altre tappe da fare a partire da questa gara che era molto importante per ripartire. Non gareggiavo da quattro anni, ma un risultato del genere su questa distanza vuol dire ancora di più perché la 50 chilometri è una specialità difficilissima dove si paga ogni minimo errore”.

IL SOGNO DI MARCO DE LUCA – “Un sogno, un sogno diventato realtà – le parole del capitano Marco De Luca –. Un Campionato del Mondo a Roma, a casa mia, davanti alla mia famiglia e al pubblico italiano… non vi nascondo che alla partenza, sotto al Colosseo e all’Arco di Costantino, quasi mi è scesa una lacrimuccia”. All’arrivo il tabellone indicava il primato personale. “Tutto è andato come previsto, tranne la posizione che è stata oltre ogni aspettativa. Ambivo a entrare fra i sei, ma il quarto posto non me lo sarei mai aspettato”. La gara: “Ho provato un passaggio forte, come avevamo deciso nei giorni scorsi con il mio allenatore Patrick Parcesepe. Sapevo che, in questo momento della stagione, avrei patito un po’ a livello muscolare, e infatti dal 33° chilometro ho sofferto di crampi: dopo ogni giro di boa riprendere il ritmo era una sofferenza. Poi, come spesso accade in una 50km, la gara si è riaperta. E in quel momento il pubblico ha fatto la differenza: il tifo, le mie bambine che urlavano a più non posso ad ogni passaggio… un’emozione che non dimenticherò”. E infine l’Inno di Mameli cantato insieme al pubblico: “Era un po’ che non lo sentivamo. Ho ancora la pelle d’oca”.

CAPORASO, L’INGEGNERE DELLA MARCIA – “E’ stato meraviglioso! Stupendo l’arrivo con tutta questa gente a tifarci! Da Roma mi porto a casa oltre tre minuti di personal best e tanta soddisfazione. Sono contento perchè mi è riuscita la gara che io e il mio tecnico Diego Perez avevamo progettato. Nella 50km non si può improvvisare nulla e la mia progressione di oggi potrei definirla una bella opera di ingegneria”. Teo, 27enne beneventano, sta completando anche il dottorato di ricerca in ingegneria industriale.

GIUPPONI: “ULTIMI 10KM IN SALITA” – “Dopo aver marciato per 40 chilometri in testa con atleti così forti, nel finale ho dovuto stringere i denti. Peccato non aver trovato quel qualcosa in più in fondo perché gli allenamenti dell’ultimo periodo mi dicevano che ero in forma”.

TONTODONATI: “EMOZIONE INDIMENTICABILE” – “I chilometri finali sono stati durissimi. Ho cercato di reagire, non penso comunque che un tredicesimo posto in 3h55:17 sia proprio da buttar via. Salire sul podio con la squadra in Italia, a Roma, con l’inno che suona per noi è stata un’emozione indimenticabile”.

IL SECONDO ORO DELLA 50KM AZZURRA – Per la seconda volta nella storia, l’Italia conquista il podio iridato a squadre della 50 chilometri di marcia. Sul gradino più alto come nella precedente occasione, quella di Cheboksary nel 2008 (in quel caso la vittoria arrivò qualche mese più tardi, dopo la squalifica dei padroni di casa della Russia). Le classifiche sono separate per ogni gara dal 1993, ma il team azzurro in passato ha ottenuto due successi nella classifica del Trofeo Lugano (combinata maschile 20km-50km), nel 1981 e nel 1991. Anche a livello individuale è il secondo oro italiano: infatti Abdon Pamich si aggiudicò l’edizione inaugurale della rassegna nel 1961 a Lugano.

(Fonte Fidal)

(Foto di Giancarlo Colombo/Fidal)

alex-schwazer 2016

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Il 17 dicembre corri con Timing Data Service
E’ tutto pronto per l’11° Allenamento di Natale
Road to Reggio Emilia: i top runner al via della maratona
Abbigliamento Accessori Calzature
Le calze a righe di Sara Dossena a NY? Ecco dove le puoi comprare
SCOPRI FOCUS E PHOTOCROMATIC, LE LENTI RETINA SHIELD DI SZIOLS
Con le 361° Stratomic…vado un grado oltre