MARCO BONFIGLIO: IN TERRA FRANCESE, BUONA LA PRIMA

L’ultramaratoneta milanese affronta la 100 km à Pied de Steenwerck ottenendo un ottimo secondo posto e migliorando il proprio personal best sulla distanza con il tempo di 7 ore e 2 minuti.

Steenwerck, Nord-Passo di Calais-Piccardia, nell’estremo Nord della Francia, quasi al confine con l’Olanda. Un luogo posto alla fine del mondo, una terra in cui francese, piccardo ed olandese si mescolano a creare una nuova lingua. È qui, nel piccolo comune francese che supera a stento le tremilacinquecento anime che, ormai da quarant’anni, si tiene la 100 km à Pied de Steenwerck, un’affascinante ultramaratona che rappresenta uno degli appuntamenti clou del territorio, una gara caratterizzata da un percorso pianeggiante e panorami mozzafiato come solo può regalarne la campagna francese. Un piccolo lembo di terra che, una volta all’anno dal 1976, si anima di centinaia di podisti appassionati, che qui si riuniscono per questa 100 km.

Con il pettorale 368, al via della gara anche il nostro Marco Bonfiglio, l’ultramaratoneta già vincitore dell’edizione 2015 della Fidippides Run 490k, della Maratona sulla Sabbia 50k 2016 e della Vartry 50 Mile Ireland 2016. Che, con il tempo di 7 ore e 2 minuti ha ottenuto la seconda posizione migliorando il proprio personale sulla distanza: “Dopo tre anni che non affrontavo una 100 km – ha dichiarato alla fine della gara Marco – ho voluto riprovare questa distanza: obiettivo era provare a migliorare il mio personale… mi sono divertito, è stata una gara bellissima, nella quale ho sofferto un po’ solo gli ultimi 10 km. Alla fine è venuto un secondo posto ed un inaspettato 7h02’…”

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Il 17 dicembre corri con Timing Data Service
E’ tutto pronto per l’11° Allenamento di Natale
Road to Reggio Emilia: i top runner al via della maratona
Abbigliamento Accessori Calzature
Le calze a righe di Sara Dossena a NY? Ecco dove le puoi comprare
SCOPRI FOCUS E PHOTOCROMATIC, LE LENTI RETINA SHIELD DI SZIOLS
Con le 361° Stratomic…vado un grado oltre