BASTA DOLORE, SI RICOMINCIA. E HO UN NUOVO LIMITE

di Cesare Monetti

Cesare MonettiSeconda mezza maratona in due settimane dopo quella di Seregno di settimana scorsa fatta da pacer sul passo finale di 1h55’00” fatta con pochissimi allenamenti sulle spalle e comuqnue costante dolore sempre ai maledetti tendini. Sapevo che non valevo comunque molto di meglio come crono finale, che non avevo tanto margine, e la prova è arrivata questa mattina nella collinare e non facilissima mezza maratona di Cernusco Lombardone, zona Brianza, nord di MIlano.

Una gara non facile, ho fatto solo un paio di minuti in meno rispetto a settimana scorsa e va bene così. Ma non è questo il punto. Da ieri grazie al trattamento di un osteopata, tal Michele Guidi a sua volta maratoneta, qualcosa è cambiato e forse ho scoperto una volta per tutte l’origine dei miei mali a gemelli-soledo e tendini. L’ha capito in dieci minuti di visita e mi ha quasi guarito nella mezz’ora successiva con un paio di trattamenti manuali.

Cancellate a questo punto le quasi inutili mille terapie fatte nei mesi-anni scorsi. Ora che forse ho scoperto il vero origine del problema vedo tutto più chiaro davanti a me e in meno di 24 ore ho riconquistato dentro di me una voglia e una spinta  che non sentivo da tanto tanto tanto tempo.

osteopatia1Ora ho un nuovo limite. Che non è quello del dolore, quello che ti fa correre col freno a mano tirato e con le orecchie belle larghe ad ascoltare ogni piccolo, anzi grande, dolore che senti là in basso dal tallone-tendine-soleo-polpaccio.

Ora, speriamo, il nuovo limite sarà effettivamente quello degli allenamenti che farò, della voglia che ci metterò, dell’intelligenza che dovrò comunque necessariamente usare per gestirmi e non strafare ed esagerare mettendo così in cantiere altri probabili infortuni. Il limite sarà il divertimento e i sogni. Il limite…ma ci deve essere per forza un limite?

In questi momenti dove il morale è alto pensi che davvero la soluzione è dentro a noi stessi, che c’è sempre un perchè dei segnali che il nostro corpo ci manda. Hai i tendini infiammati? Dipende dalla postura, dalla bocca, dai denti, dal bacino che non assorbe più l’impatto col terreno, queste potrebbero essere le cause. Ma io tutto questo non lo sapevo, forse avrei dovuto immaginarlo, ma ieri l’osteopata mi ha convinto.

Sarò oggi forse fin troppo fiducioso, ma vedo la fine del tunnel perchè davvero mi sento diverso, sono entrato che quasi non camminavo, sono uscito dallo studio di osteopatia come se fossi tagliandato e rimesso in sesto.

Ora ho un nuovo limite…voglio volare con la fantasia e andare a conquistarmelo.

osteopatia

 

No Responses

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Il 17 dicembre corri con Timing Data Service
E’ tutto pronto per l’11° Allenamento di Natale
Road to Reggio Emilia: i top runner al via della maratona
Abbigliamento Accessori Calzature
Le calze a righe di Sara Dossena a NY? Ecco dove le puoi comprare
SCOPRI FOCUS E PHOTOCROMATIC, LE LENTI RETINA SHIELD DI SZIOLS
Con le 361° Stratomic…vado un grado oltre