UN’UNDICESIMA EDIZIONE PIENA DI NOVITÀ PER LA ALEXANDER THE GREAT MARATHON

Picture1[13]La partecipazione record, i nuovi percorsi, l’alto livello competitivo dei campioni che vi hanno preso parte, i sorrisi e la gioia di persone di tutte le età e condizioni fisiche, in combinazione con una giornata perfetta per correre, hanno regalato alla città di Salonicco la più bella festa di quest’anno.

Sono tante le novità che gli organizzatori hanno introdotto per l’undicesima edizione della Alexander the Great Marathon, la seconda più importante maratona greca.

Il giovedì precedente la gara ha infatti aperto le porte il Marathon Sport Expo, ospitato in un nuovo padigione nel contesto della Fiera di Salonicco “HelExpo”, che nei tre giorni di apertura ha accolto nei suoi 1500 mq. più di 60 espositori e quasi 20000 visitatori, con un allestimento all’altezza delle maggiori maratone internazionali.

Particolarmente degno di nota, lo stand del Segretariato Generale per lo Sport del Ministero della Cultura ellenico, che ha esposto una selezione di una più vasta collezione di torce e medaglie olimpiche dai primi anni del ‘900 fino ai giorni nostri.

Importanti cambiamenti sono stati apportati anche ai tracciati di gara: nella parte iniziale del percorso della maratona sono stati modificati circa 2 km, eliminando così alcune curve fastidiose e rendendolo ancora più rettilineo e veloce, quindi maggiormente favorevole per quanti aspirano a migliorare il proprio record personale.

Più profonde le alterazioni che hanno interessato il percorso della 5km, che ora ricalca in buona parte l’itinerario della mezza maratona notturna di ottobre, e che si sviluppa completamente all’interno del centro della città, permettendo così ai partecipanti di assistere all’arrivo delle altre gare prima di recarsi alla linea di partenza.

Infine, per tutte le distanze, la linea di arrivo è stata spostata di circa 250 metri, subito dopo la torre bianca, nel grande spiazzo sul lungomare di fronte alla statua di Alessandro Magno, migliorando notevolmente la fruibilità degli spazi per
tutti: organizzatori, giornalisti, fotografi, spettatori e soprattutto per i corridori che hanno appena terminato la loro gara.

Un cambiamento quest’ultimo atteso da tempo e – visti i numeri – quantomai necessario, dopo l’impressionante successo di partecipazione registrato nelle ultime edizioni.

Il numero finale di partecipanti ha infatti visto confermare il risultato record ottenuto l’anno scorso con 20191 corridori registrati – provenienti da 51 paesi e da 5 continenti – dei quali 1759 nella maratona, 3833 nella 10 km, 12599 nella 5 km e 2000 studenti delle scuole elementari per la gara di 1 km. In realtà i corridori sono stati molti di più, se si contano anche le numerose persone che, non avendo fatto in tempo a registrarsi, si sono unite spontaneamente alle gare ed hanno corso insieme agli altri partecipanti senza il numero di pettorale ed il chip per il cronometraggio.

Picture3[4]I 42,195 km che separano Pella da Salonicco hanno visto trionfare il keniano Abel Kibet Rop, il quale ha superato il traguardo in 2:17:41, dimostrando uno stato di forma migliore dell’anno scorso quando si era dovuto accontentare di un secondo posto nella 10 km. Alle sue spalle i connazionali Silas Kiprono Too, argento per la seconda volta consecutiva in 2:17:54 e Moses Kipruto Kibire (2:18:10). Fuori dal podio anche quest’anno l’etiope Teklu Geto, il quale dopo i successi del 2012 e 2013 ed un secondo posto nel 2014 si è dovuto ritirare per un infortunio. La performance migliore tra gli atleti di casa è stata di Kostas Rigas, quinto classificato e record personale in 2:30:02.

Nella Maratona femminile la medaglia d’oro è andata a Hellen Jepkosgei Kimutai, anche lei proveniente dal Kenya, con il tempo di 2:41:50, davanti alla croata Marija Vrajić (2:52:29, terza l’anno scorso) ed alla romena Maria Magdalena Luca (2:58:42, seconda nel 2013 e 2014). La greca più veloce è stata Anna Vesyropoulou, che ha concluso la gara al quinto posto in 3:17:36.

 

Il vincitore della 10 km è stato il keniano Joel Maina Mwangi (30:19) seguito dai russi Iskander Yadgarov (30:42) e Pavel Adyshkin (31:04) mentre il miglior piazzamento greco è stato il quarto posto di Ioannidis Iasonas con il tempo di 32:12.

Nella categoria femminile ha prevalso l’ungherese Zita Kácser (37:01) seguita dall’atleta russa Darya Chudaikina (37:06) e dalla greca Vasiliki Karageorgaki (37:59).

 

Oltre che di partecipazione, da record anche l’aspetto solidale di questa undicesima edizione della Alexander the Great Marathon, che ha visto ben 50 organizzazioni di cooperazione sociale coinvolgere in totale quasi 2500 corridori, ricevendo in cambio un considerevole contributo economico in proporzione alla consistenza numerica dei team partecipanti.

 

Il prossimo appuntamento podistico a Salonicco, seconda città della Grecia e Capitale della regione greca della Macedonia, sarà Sabato 8 Ottobre, quando prenderà il via la quinta edizione della Thessaloniki Night Half Marathon, che promette un’altrettanto numerosa partecipazione ed ancora maggiori emozioni.

 

L’undicesima edizione della Alexander the Great Marathon è organizzata dalla Federazione Sportiva di Salonicco M.E.A.S. Triton, sotto gli auspici della Commissione Nazionale Greca per l’UNESCO, del Comitato Olimpico Greco, della Federazione Ellenica di Atletica Leggera (SEGAS) e dall’AIMS, e realizzata con il supporto dell’Ente Nazionale Ellenico per il Turismo e da altre Istituzioni Statali e numerosi gruppi di volontari.

www.alexanderthegreatmarathon.org | www.atgm.gr

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Il 17 dicembre corri con Timing Data Service
E’ tutto pronto per l’11° Allenamento di Natale
Road to Reggio Emilia: i top runner al via della maratona
Abbigliamento Accessori Calzature
Le calze a righe di Sara Dossena a NY? Ecco dove le puoi comprare
SCOPRI FOCUS E PHOTOCROMATIC, LE LENTI RETINA SHIELD DI SZIOLS
Con le 361° Stratomic…vado un grado oltre