SOS distorsione di caviglia. Cosa fare?

IMG-20151123-WA0003[1]C.M.A. e Benessere, centro di medicina alternativa specializzato in Massoterapia, Massofisioterapia e Rieducazione Motoria vi dà dei consigli sulle distorsioni.

La distorsione di caviglia è dietro l’angolo per il runner. Ma cosa succede quando prendo una “storta” e come devo procedere successivamente?

La distorsione dell’articolazione tibio-tarsica piu’ classica si produce con un movimento forzato in inversione e flessione plantare con arto inferiore in carico sul bordo esterno del piede.

Durante la distorsione si crea una compressione dell’articolazione e uno stiramento (in alcuni casi una lesione o rottura) dei legamenti.

Naturalmente non tutte le distorsioni sono uguali e si possono distinguere 4 gradi di lesione a partire dal primo con una semplice distensione legamentosa per arrivare al quarto con la rottura della maggior parte dei fasci legamentosi.

Senza titolo1I segni principali sono: il dolore, il gonfiore e l’ematoma.

Sicuramente la prima accortezza da prendere subito dopo l’evento traumatico è quella dell’applicazione di ghiaccio. Quindi seguire il protocollo RICE (riposo, ghiaccio, compressione e elevazione).

Le prime procedure per un pronto soccorso fai da te quindi consistono:

  • nell’applicazione di ghiaccio
  • scarico dell’arto inferiore (evitare quindi di appoggiare il piede; inizialmente utile l’utilizzo di una stampella)
  • compressione dell’articolazione: fasciare la caviglia con una fascia elastica o indossare una cavigliera compressiva. In caso di distorsioni piu’ gravi è consigliabile acquistare l’Aircast, un tutore con cuscinetti in gel laterali,che ha il compito di contenere l’articolazione.
  • Elevazione: porre, ogni qualvolta sia possibile, l’arto inferiore e il piede in elevazione (per cercare inizialmente di drenare l’edema)

Circa due o tre giorni dopo l’evento traumatico ci si puo’ rivolgere a un fisioterapista, il cui compito sarà quello di ridurre il gonfiore e il dolore con elettromedicali come T.E.C.A.R, con applicazione di kinesio-tape e con lo sblocco dell’articolazione tramite manipolazione (quando il gonfiore lo consentirà).

È importante inoltre iniziare precocemente gli esercizi propiocettivi, ossia gli esercizi che tramite superfici instabili riescono a lavorare sulla stabilità della caviglia.

 

Rosella Loiacono

fisioterapista C.M.A

C.M.A. e Benessere

FISIOTERAPIA – MASSOTERAPIA

OSTEOPATIA – TECARTERAPIA – FISIATRIA

Via Ponte Seveso 19 – 20125 Milano

02.36536298 – 347.3218296

info@cmabenessere.it – www.cmabenessere.it

One Response

  1. Dario 08/04/2016

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Scegli la tua gara! Il calendario delle gare firmate TDS dal 27 al 28 ottobre
Atletica, la mezza tricolore di foligno incorona Straneo ed El Mazoury
L’Ecomaratona del Chianti Classico festeggia un successo annunciato
Abbigliamento Accessori Calzature
Brooks lancia i modelli Levitate 2, Bedlam e Ricochet, dotati di intersuola con tecnologia DNA AMP
FreeLifenergy e Sziols Sport Glasses, una partnership naturale
La terra è diventata più soffice grazie al sistema di ammortizzaizone DNA Loft delle nuove Ghost 11
#pastaparty
Carolina Chisalé, vincitrice Salomon Running 2017 a #pastaparty
Cagliari Urban Trail, emozionante da vedere e da vivere
Maratona di Torino, un appuntamento imperdibile