SI TROVA IN DANIMARCA LA PISTA DI ATLETICA PIU’ BELLA DEL MONDO

Oltre alla classica pista di atletica, l’Athletics Exploratorium di Odense dispone di tutta una serie di aree studiate appositamente per l’allenamento dei runner, dalla curva parabolica continua agli ostacoli ed alle cunette…

Sull’isola danese di Fionia sorge Odense, la terza città più grande del Paese, particolarmente conosciuta per la Torre di Odino e, da qualche mese, anche per la struttura di atletica più bella ed attrezzata di tutto il mondo. No, non è un’esagerazione: l’Athletics Exploratorium di Odense, infatti, è una struttura dedicata interamente all’atletica, dalla classica pista di atletica esterna, affiancata da due corsie di materiale più resistente per andare in bici o con i pattini, alle dodici isole che vi si trovano all’interno. Ma cosa sono queste isole? Si tratta semplicemente di dodici aree costituite da ostacoli, cunette, percorsi da crossfit e dalla famosa Centrifuga, una curva parabolica continua.

Un percorso diagonale, inoltre, consente di trasformare il classico giro di pista da 400 metri in uno da 800, mentre lungo il rettilineo dei 100 metri, dei LED si vanno progressivamente illuminando al passaggio dell’atleta per aiutarlo a capire se stia migliorando o peggiorando la propria performance. Completamente illuminato, l’Athletics Exploratorium è accessibile a tutti in qualunque momento della giornata, benché faccia parte del Dipartimento di Biomeccanica della University of Southern Denmark di Odense.

Una struttura sportiva assolutamente unica e bella, senza dubbio un (altro) valido motivo per concedersi un viaggio nell’affascinante Danimarca.

Matteo Trombacco

Danimarca

Lascia un commento

Freelifenergy
Il recupero e la regola delle 4 R
Utilizzare la menta per combattere il caldo e migliorare la performance
Come combattere il caldo e incrementare la prestazione negli sport di endurance
#pastaparty
#pastaparty è con Jhay per Huawei Venicemarathon Runtoday VIP
Stefano Baldini, 15 anni fa l’ORO olimpico ad Atene. Video
#Pastaparty intervista Costantin Bostan: in stampelle sulle strade del Passatore. E non solo!