ANNULLARE PARIGI MARATONA?

di Cesare Monetti

Ho in testa questa domanda da sabato scorso all’alba quando ho corso nella nebbia e nei campi veronesi. Nella notte di venerdì i tragici fatti parigini, sabato e domenica sono stato alla Veronamarathon dove si è corso stringendoci ai tanti francesi in gara e con la bandiera tricolore dei transalpini sempre distesa.

A Verona il prefetto ha rafforzato subito i controlli e l’allerta così come un po’ in tutta Italia in qualsiasi evento o luogo affollato.

Ma nella mente ho varie domande spazio-temporali.

Paris marathon1E se la Maratona di Parigi fosse stata tra due settimane? Da quel che so in Francia in questo momento sono vietati e annullati tutti gli eventi tipo concerti e partite etc dove vi sia assembramento di pubblico, adunate e similari, quindi presumo proprio che non sarebbe stato possibile far partire l’evento.

E mi domando ancora, ma se al posto dello Stade de France a St. Denis i terroristi avessero preso di mira i 40.000 partenti della maratona di Parigi del 3 Aprile?  Il pensiero non può che volare a quanto accaduto a Boston due anni fa e magari tre kamikaze nella folla di partenza in partenza sui Campi Elisi avrebbero davvero fatto una strage con migliaia di morti in scarpette da running.

Ci sono i controlli ad una maratona? Quanto siamo in pericolo almeno nelle maratone più grandi…Roma compresa?

Ho corso la Maratona di Parigi nell’Aprile 2013, solo 10km e poi mi ritirai acciaccato fisicamente, ma ora la mia perfida mente continua il suo pensiero:

“E se io fossi ancora iscritto per il 3 Aprile prossimo? Andrei? Rischierei la mia vita per una  normalissima 42km?

Forse no. Ma la risposta non è semplice e implica una riflessione ulteriore: Quindi rinuncerei? Sì…rinuncerei alla mia libertà di poter correre o semplicemente essere in un luogo del mondo che mi piace. E’ una limitazione mia e una resa sempre mia nei confronti di guerriglieri che forse in questo momento stanno vincendo e accerchiando la Francia e l’Europa come pescecani assetati di sangue e odio?

Questa limitazione è anche per altre migliaia di persone, anzi di runners? Parigi Maratona come sempre è già SOLD OUT, i 40mila iscritti si presenteranno in partenza o saranno magari la metà?

Il dubbio concreto rimane e solo la storia ci risponderà…faranno la maratona il 3 Aprile 2016?

Saranno risolti i problemi ora di allora? Ce ne saranno il doppio magari, così come la metà. A Roma dicono che per il Giubileo in queste ultime ore ci sono state tantissime disdette, si starà verificando la stessa cosa in questo momento negli uffici degli organizzatori della Paris Marathon?

Voi andreste…anche solo per dire NON HO PAURA?

Io sinceramente non ho risposta…so solo che negli ultimi tre anni è sempre più difficile fare le vacanze all’estero che per noi runner significa spesso…dove andiamo a fare una maratona? Niente più deserto del Sahara, occhio al Kenya, Istanbul maratona domenica scorsa sicuro era una zona calda, poi potrebbe esserci Londra o Berlino. Da ora in poi…che controlli faranno? Troveremo l’esercito all’ingresso delle griglie che ci perquisisce?

Ora come ora, sinceramente, sono contento di non essere iscritto a Parigi e della mia filosofia che mi vede al via spesso di maratone italiane o estere medio piccole. Tutt’altra atmosfera, forse meno da brividi, diversamente emozionanti o accoglienti, di sicuro più sicure.

Paris marathon

 

 

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
STELVIO MARATHON SOGNA IN GRANDE PERCORSO GIÀ SEGNALATO E TESTABILE!
DOMENICA 29 OTTOBRE C’E’ LA MEZZA MARATONA D’ITALIA A IMOLA
BRESCIA ART MARATHON 2018: 31 OTTOBRE…ATTENZIONE AL CAMBIO QUOTA!
Abbigliamento Accessori Calzature
BV SPORT sbarca nelle OCR, le gare di corsa a ostacoli
CARBON ENERGIZED SUIT E DRYARN. ENERGIZE YOUR BODY
GARMIN FORERUNNER® 30, LA SEMPLICITÀ DI CORRERE